25 Ottobre 2021
Acqua Agenda Risorse e consumi

Giornata Mondiale dell’Acqua 2021: valorizza la risorsa idrica

Si concluderà il 22 marzo 2021, Giornata Mondiale dell’Acqua, la Campagna social avviata da UN-Water, organismo di coordinamento tra le Agenzie delle Nazioni Unite per le questioni relative all’acqua, con lo scopo di far esprimere alle persone sul valore che ha per ognuna di loro l’acqua, in accordo con il tema scelto per quest’anno, “Valorizzare l’acqua”.   

Il 22 marzo si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua (World Water Day), istituita dalle Nazioni Unite nel 1992 come parte integrante delle Direttive di Agenda 21, adottate dalla Conferenza di Rio sullo Sviluppo Sostenibile(1992) per focalizzare l’attenzione sull’importanza di questo bene naturale e richiamare alla necessità che il suo utilizzo avvenga in modo responsabile e sostenibile.

Ogni anno UN-Water, l’organismo di coordinamento tra Agenzie delle Nazioni Unite per tutte le questioni relative all’acqua, propone ogni anno per la Giornata Mondiale dell’Acqua un tema incentrato su uno specifico aspetto della preservazione delle risorse idriche. Quello per il 2021 è “Valuing Water” ovvero esplorare il valore ambientale, sociale e culturale che le persone attribuiscono all’acqua.

L’acqua assume un valore diverso a seconda delle condizioni sociali, ambientali e culturali delle persone. Oltre al suo valore monetario, l’acqua ha un valore enorme e complesso per le famiglie, il cibo, la cultura, la salute, l’istruzione, l’economia e l’integrità del nostro ambiente naturale. Se trascuriamo qualcuno di questi valori, rischiamo di gestire male questa risorsa finita e insostituibile. L’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile 6 dell’Agenda ONU al 2030 prevede di garantire a tutti la disponibilità e la gestione sostenibile dell’acqua e delle strutture igienico-sanitarie. Senza una comprensione completa del vero valore multidimensionale dell’acqua, non saremo in grado di salvaguardare questa risorsa fondamentale a beneficio di tutti.

Proprio per condividere tutti i diversi modi in cui l’acqua apporta benefici alle nostre vite, è tuttora in corso la Campagna social “What does water mean to you’” (Che cosa significa l’acqua per te?) #Water2me, che si concluderà il 22 marzo 2021 e che permetterà con le informazioni raccolte la redazione di un apposito report.

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua, verrà diffuso l’annuale World Water Development Report (WWDR 2021), coordinato dal World Water Assessment Program (WWAP) dell’UNESCO con la collaborazione tra 32 entità delle Nazioni Unite e 41 partner, che si concentra sulle diverse questioni strategiche dell’acqua e mira a fornire ai responsabili delle decisioni gli strumenti per implementare l’uso sostenibile delle risorse idriche. Al fine di raggiungere un’ampia gamma di lettori, a diversi livelli e di varie aree geografiche, il WWDR comprende anche alcune analisi regionali, hotspot, esempi e storie.

La sicurezza degli approvvigionamenti idrici è una preoccupazione globale in crescita. Gli impatti negativi della scarsità d’acqua, delle inondazioni e dell’inquinamento hanno fatto inserire i rischi correlati all’acqua tra le prime 5 minacce globali negli annuali Rapporti del World Economic Forum

Come hanno osservato in un report WWF e DWS (uno dei maggiori gestori patrimoniali d’Europa), anche la pandemia, ora in testa all’elenco dei rischi a maggior impatto del “Global Risks Report 2021”, era presente fin dal 2006, eppure il mondo si è trovato del tutto impreparato.

Ad oggi ci sono 785 milioni di persone che non dispongono di una fonte di acqua potabile 2 miliardi di persone non hanno accesso ai servizi igienici di base. Inoltre, se fiumi, laghi e zone umide del mondo continuano a essere degradati e le pressioni antropiche sulle risorse idriche globali continuano ad essere insostenibili, si stima che entro il  2050 il 51% della popolazione e il 46% del PIL globale saranno soggette ad alto rischio idrico, secondo gli scenari Water Risk Filter.

Sono necessari adeguati investimenti sia statali che privati per evitare che la crisi idrica produca devastanti effetti economici, sociali e politici. Anche per le imprese, come rilevato un recente Rapporto di Carbon Disclosure Project (CDP), la sicurezza idrica dovrebbe costituire una delle priorità di investimento, dal momento che i rischi correlati sarebbero superiori di 5 volte rispetto alle spese per le azioni di mitigazione. Inoltre, oltre alla gestione del rischio, attività sempre più richiesta dagli investitori, ci sarebbero le opportunità di business e lo stimolo allo sviluppo economico, creando posti di lavoro, contribuendo a una ripresa economica verde post-Covid a breve termine e resiliente a lungo termine.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.