28 Settembre 2021
Campania Economia e finanza Green economy Lombardia Sostenibilità

Progetti verdi in UE “pronti per l’uso”: E&Y ne ha esaminati 1.000

Secondo il Rapporto della Società di consulenza, con i progetti verdi già in fase di sviluppo in Europa che attendono i finanziamenti per partire potrebbero essere reimpiegati i 12 milioni di lavoratori a tempo pieno che hanno perso il loro lavoro a causa del Covid-19 e creare più di 2 milioni di nuovi posti di lavoro, evitando al contempo 2,3Gt di emissioni di gas serra. Dei 1.000 presi in esame, che rappresentano solo il 10% dei progetti di decarbonizzazione e presuppongono 200 miliardi di investimenti per partire, l’Italia vi concorre con 95 progetti, di cui 29 nel settore energetico, 15 nei trasporti, 13 di progetti di uso del suolo e agricoltura, 23 per l’industria e l’economia circolare, 16 nel settore delle costruzioni, con cui si potrebbero creare subito 120mila posti di lavoro.

La Commissione UE sta aspettando che gli Stati membri dell’UE preparino i piani di ripresa nazionali che saranno sottoposti a Bruxelles per il controllo e l’approvazione da parte di tutti i Paesi dell’Unione, secondo quanto convenuto nel Consiglio europeo (17-21 luglio 2020) che ha deciso le risorse da mettere in campo per il Quadro finanziario pluriennale 2021-2027 e l’associato Piano di recupero del  Programma “Next Generation EU”, proposto inizialmente dalla Commissione UE a maggio, le cui risorse sono state portate a 750 miliardi di euro.

In occasione della riuonine dei Capi di Stato e di Governo, l’Agenzia Reuters aveva riferito di aver esaminato prima della sua pubblicazione in settembre un Rapporto che individua più di 1.000 progetti verdi ammissibili al Fondo di recupero, immediatamente “cantierabili”, che potrebbero aiutare a stimolare l’economia, creare nuovi posti di lavoro e accelerare la spinta verso le emissioni nette zero entro la metà del secolo.

Ora, il Rapporto “A Green Covid-19 Recovery and Resilience Plan for Europe”, condotto da Ernst & Young (E&Y), il gigante dei servizi professionali di revisione e di organizzazione contabile, fiscalità, transaction e advisory e commissionato dall’European Climate Foundation, iniziativa per aiutare l’Europa a promuovere sul territorio una società a basse emissioni di carbonio e a svolgere un ruolo di leadership internazionale per mitigare i cambiamenti climatici, è stato diffuso il 3 settembre 2020.

Questa è un’enorme opportunità per i leader dell’UE, che ora hanno l’opportunità di ripensare e riorientare l’economia dopo la pandemia con investimenti tempestivi che siano climaticamente resilienti e in grado di creare posti di lavoro, contribuendo a garantire il futuro del nostro Pianeta per le prossime generazioni – ha affermato il responsabile globale della Sostenibilità di E&Y, Steve VarleyNon si può restare fermi quando si tratta di proteggere l’ambiente e creare opportunità di crescita veramente sostenibili“.

I progetti individuati da E&Y che ha intervistato imprese, parti interessate, funzionari pubblici e investitori in ogni Stato membro ed esaminato le domande di pianificazione e le richieste di finanziamento, e che implicano investimenti pubblici e privati per circa 200 miliardi di euro, rappresentano solo il 10% dei progetti di decarbonizzazione, attualmente in fase di sviluppo in Europa, e potrebbero impiegare in attività produttive e sostenibili tutti i 12 milioni di lavoratori a tempo pieno che hanno perso il loro lavoro a causa del Covid-19 e creare più di 2 milioni di nuovi posti di lavoro, evitando al contempo le emissioni di 2,3Gt di gas serra.

Oltre il 20% dei progetti esaminati è stato sviluppato da start-up e piccole e medie imprese (PMI) che lavorano in piccola scala, richiedendo investimenti fino a 5 milioni di euro, su schemi innovativi in ​​settori come il trasporto sostenibile, l’idrogeno verde, il ripristino della natura e materiali da costruzione a basso tenore di carbonio, migliorando la qualità dell’aria, riducendo l’inquinamento acustico, garantendo l’indipendenza energetica e la sicurezza alimentare.

Francia, Italia, Spagna, Germania e Svezia sono I Paesi che rappresentano 466 degli oltre 1.000 progetti esaminati da E&Y, ma i Paesi dell’Europa centrale e orientale ottengono ottimi risultati quanto a progetti di decarbonizzazione, con Croazia e Slovacchia che hanno il più alto rapporto di progetti pro capite, molti dei quali localizzati in aree carbonifere, suggerendo chiare opportunità per trasformare tali regioni in modo verde e resiliente, secondo gli obiettivi del Fondo per la transizione giusta.

L’Italia concorre con 95 progetti, di cui 29 nel settore energetico, 15 nei trasporti, 13 di progetti di uso del suolo e agricoltura, 23 per l’industria e l’economia circolare, 16 nel settore delle costruzioni, con cui si potrebbero creare subito 120mila posti di lavoro.

Tra i progetti verdi italiani esaminati da E&Y, spiccano :
– per il settore Industrie, di Enel Green Power3SUN Gigafactory: an Italian sustainable Gigafactory for PV modules” per la creazione di una fabbrica che dovrebbe aumentare la produzione di 3SUN di EGP a oltre 3 GW l’anno dagli attuali 200 MW l’anno, cogliendo la straordinaria opportunità offerta dalla tecnologia a eterogiunzione, che richiede un investimento di 403 milioni di euro;
– per il settore Energia, il Progetto di Terna SpA con Elektro SlovenijaNew HVDC link between Salgareda (Italy) and Divaca/Bericevo (Slovenia)per il collegamento ad altissima tensione in corrente continua (HVDC) tra l’Italia e Slovenia, per un investimento di 755 milioni di euro;
–  per il settore Trasporti: Seri Industrial SpA (FAAM) e altri “IPCEI (Important Project of Common European Interest), già approvato, per la produzione di celle agli ioni di litio e il riciclaggio delle batterie agli ioni di litio a fine vita, per una fabbrica a Teverola (Caserta) per applicazioni del settore automobilistico (“mass market”), per un investimento di 505 milioni di euro; Comune di Milano, “Strengthening of public transport”, per l’acquisto di nuovi bus elettrici e la dismissione di quelli esistenti a gasolio, e il rinnovo delle stazioni di deposito, manutenzione e ricarica, per 1,5 miliardi di euro;
– per il settore Uso del territorio,  Comune di Milano, “Innovative afforestation project in urban context, with the final aim of planting 3 million trees within the Metropolitan City of Milan by 2030”, per un investimento di 2 miliardi di euro.

“Il Rapporto di E&Y dimostra che gli sviluppatori di progetti di piccole, medie e grandi dimensioni hanno progetti verdi ‘pronti per l’uso’ che possono ripristinare e trasformare mezzi di sussistenza e comunità in una ripresa resiliente – ha dichiarato Laurence Tubiana, CEO di European Climate Foundation, che ha avuto un ruolo chiave alla COP 21 di Parigi che ha portato all’Accordo per limitare l’aumento della temperatura media globale alla fine del secolo, ben al di sotto dei 2 °C – Non ci possono quindi essere scuse per gli Stati membri che non spendono i fondi per il recupero e la resilienza in opportunità di investimento verde vantaggiose per tutti“.

In futuro – si legge nel Report – E&Y e partner presenteranno questo elenco ai team negli Stati membri più colpiti per preparare i loro piani di recupero e resilienza e impegnandosi con loro per fornire input e prospettive chiare a sostegno di una ripresa verde che offra un forte impatto ambientale e valore sociale“.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.