25 Settembre 2021
Acqua Biodiversità e conservazione Mari e oceani

La biodiversità nei mari europei rimane sotto pressione

L’Agenzia Europea dell’Ambiente ha pubblicato un briefing che riepiloga lo stato attuale della biodiversità nei mari europei, evidenziando come questa si stia erodendo con molte specie in sfavorevole stato di conservazione e con il Mar Mediterraneo che continua a presentare una situazione critica.

La vita marina è minacciata nei mari d’Europa da varie pressioni che influenzano specie e habitat, provocando impatti cumulativi che riducono la loro resilienza complessiva.
– Un’elevata percentuale di specie e habitat marini valutati continua a trovarsi in uno “stato di conservazione sfavorevole”, anche se molte valutazioni riportano “stato di conservazione sconosciuto”.
– Laddove vengono implementati e monitorati gli sforzi di gestione coerenti e a lungo termine, si osservano alcuni effetti positivi su specie chiave.
– Con il quadro politico del Green Deal europeo e la strategia dell’UE sulla biodiversità fino al 2030, l’Europa sta compiendo un passo ambizioso verso l’arresto della perdita di biodiversità (marina) e la sicurezza di mari sani e floridi per il futuro.

Sono i messaggi chiave del briefingEurope’s marine biodiversity remains under pressions” che l’Agenzia Europea dell’Ambiente (AEA) ha pubblicato il 20 aprile 2021, che riassume lo stato attuale della biodiversità nei mari europei.

L’espressione ‘diversità biologica’ – si legge all’articolo 2 della Convenzione ONU sulla diversità biologica (1992) – significa la variabilità degli organismi viventi di ogni origine, compresi inter alia gli ecosistemi terrestri, marini ed altri ecosistemi acquatici, ed i complessi ecologici di cui fanno parte; ciò include la diversità nell’ambito delle specie, e tra le specie degli ecosistemi”.

Il Mar Mediterraneo, ad esempio, è uno dei punti caldi del mondo per la biodiversità, con ecosistemi altamente diversificati che ospitano fino a circa il 18% della biodiversità marina macroscopica del mondo, con oltre 17.000 specie. In confronto, la baia di Botnia nel Mar Baltico ospita solo circa 300 specie, rendendola vulnerabile ai cambiamenti antropici.

Non importa quante siano le specie ospitate nei vari ecosistemi marini, che riempiono tutte le nicchie ecologiche disponibili. Le specie interagiscono e dipendono l’una dall’altra attraverso le dinamiche della rete alimentare, la competizione per lo spazio o le sinergie reciproche per fornire riparo od offrire aree di alimentazione.

Insieme, questi organismi sono il fondamento della capacità di un ecosistema marino di fornire servizi e benefici per l’umanità, che sono i risultati finali degli ecosistemi marini e sono direttamente consumati, utilizzati o goduti dalle persone, includendo cibo, medicine, materiali da costruzione, energia e opportunità di svago, ma anche risultati meno tangibili, come limitare l’erosione costiera o mitigare i cambiamenti climatici.
Gli esseri umani e le nostre società, sottolinea l’Agenzia, dipendono da mari sani con una fiorente vita marina per il nostro benessere e, in definitiva, per la nostra stessa esistenza.

L’uso dei mari europei, sia in passato che oggi, sta mettendo a dura prova le condizioni generali degli ecosistemi marini, in contrasto con le aspettative di una visione politica a lungo termine per l’uso di mari puliti, sani e produttivi.

I segnali di stress sono visibili a tutte le scale: dai cambiamenti nella composizione delle specie e degli habitat marini al cambiamento delle caratteristiche fisiche e chimiche generali dei mari

Osservando più da vicino le condizioni generali della biodiversità marina in Europa, emergono alcune conclusioni preoccupanti.
– Quasi tutti i gruppi di specie marine sembrano essere in cattive condizioni nei mari europei, con tendenze contraddittorie di ripresa.
– Per molte specie e habitat, ci sono troppo poche informazioni per analizzare il loro stato o identificare se sono sulla buona strada per il recupero.
– Mentre alcune specie si stanno riprendendo, gli ecosistemi marini europei sembrano essere in declino.

Stato e tendenze e generali della biodiversità nei mari europei (Fonte: AEA, 2021)

Dalle ultime informazioni riportate ai sensi della Direttiva Habitat, è chiaro che la ripresa è stata scarsa dal 2007. L’unica eccezione sembra essere alcune, ma non tutte, le popolazioni di foche.

La condizione delle popolazioni di specie ittiche e di molluschi sfruttate commercialmente nei mari europei (per le quali esistono dati sufficienti) ha presentato un quadro contrastante per il periodo 2015-2017.

Nel 2017 le condizioni degli stock ittici nell’Oceano Atlantico nordorientale e nelle popolazioni del Mar Baltico hanno iniziato a migliorare. L’82,3% e il 62,5% degli stock di questi mari, rispettivamente, sembrano essere pescati in modo sostenibile. Tuttavia, le condizioni di alcuni singoli stock, come il merluzzo bianco, non hanno iniziato a migliorare in queste regioni.

Al contrario, la condizione degli stock ittici valutati nelle popolazioni del Mar Mediterraneo e del Mar Nero rimane critica. Solo il 6,1% e il 14,3% di questi stock, rispettivamente, è stato pescato in modo sostenibile nel 2016. Tuttavia, l’Europa non valuta ancora i singoli stock in base ai tre criteri primari identificati nella Direttiva quadro sulla strategia per l’ambiente marino (EEA, 2019a), vale a dire che non abbiamo ancora attuato, afferma l’Agenzia, questa parte delle ambizioni europee stabilite nel 2008.

Ci sono più di 180 specie di uccelli marini in Europa, con una tendenza media stabile o in calo. Nell’Oceano Artico norvegese, nel Grande Mare del Nord e nel Mar Celtico, c’è stato un calo complessivo del 20% nelle popolazioni di uccelli marini negli ultimi 25 anni per oltre un quarto delle specie valutate.

I mammiferi marini sono tutti protetti dalla legislazione dell’UE, sebbene il loro status sia spesso “sconosciuto”. Alcune popolazioni di foche sono sane e stanno raggiungendo la capacità di carico (ad es. le foche portuali nel Kattegat, sebbene stiano diminuendo in altre aree). Nel complesso, nel periodo 2014-2019, lo stato delle foche era migliorato rispetto ai rapporti 2007-2013 ai sensi della Direttiva Habitat. Nel Mar Mediterraneo, il numero di foche monache sembra stabilizzarsi, sebbene questa specie sia ancora a rischio a causa di una popolazione dalle ridotte dimensioni.

Recenti studi su popolazioni europee di orche mostrano gli effetti negativi dei policlorodifenili (PCB) sulla loro riproduzione, con il 50% della popolazione mondiale minacciata. Al contrario, dal 1994 le popolazioni di balenottera minore, focena comune e delfino dal becco bianco sembrano essere stabili.

Anche gli habitat dei fondali marini sono sottoposti a una pressione significativa nei mari europei, con un’elevata percentuale di habitat protetti segnalati come in stato di conservazione “sfavorevole” e/o “sconosciuto” (EEA, 2020a).

Allo stesso modo, l’86% dei fondali marini valutati nel Grande Mare del Nord e nel Mar Celtico mostra prove di disturbi fisici causati da attrezzi da pesca che toccano il fondo. Nel Mar Baltico, rispettivamente solo il 44% e il 29% dell’area dell’habitat del fondale marino nelle acque costiere e in mare aperto erano in uno stato “buono”.

Queste cifre impallidiscono rispetto ai risultati di un recente studio sull’estinzione catastrofica provocata dal clima di specie marine nel Mediterraneo orientale nell’ultimo decennio. Gli scienziati hanno scoperto che le specie native di molluschi (cozze, lumache, polpi, ecc.) sono crollate di quasi il 90%, lasciandosi dietro una terra desolata sensibile alle incursioni di specie non indigene che si introducono dal Canale di Suez. Gli scienziati “suggeriscono che questo nuovo ecosistema potrebbe aver superato le soglie che rendono il ripristino delle linee di base storiche irrealizzabile”.

Sebbene la situazione rimanga grave, l’AEA osserva che sussistono segnali che specie e gli habitat marini si stanno riprendendo, grazie agli sforzi significativi, spesso decennali, da parte di individui e Governi per ridurre gli impatti.

Viceversa, negli altri mari europei la situazione non è altrettanto grave. La compilazione di tutte le informazioni disponibili in una classificazione integrata della condizione della biodiversità mostra che alcune aree, principalmente offshore, nell’Oceano Atlantico nord-orientale sono ancora in buone condizioni. Tuttavia, le aree costiere e i mari semichiusi devono ancora affrontare sfide significative per quanto riguarda il recupero dell’intero ecosistema.

Classificazione integrata della condizione di biodiversità nei mari europei (Fonte: AEA, 2021)

La gestione delle singole specie commerciali può avere successo, come dimostra il tonno rosso che sull’orlo del collasso nel periodo 2005-2007, a seguito di una forte regolamentazione per ridurne le catture, probabilmente raggiungerà livelli di sostenibilità di pesca e capacità riproduttiva nel 2022.

Ci sono stati risultati positivi anche a seguito del divieto di alcune sostanze. Ad esempio, il buccino del cane comune, un mollusco che vive sul fondo, originario della costa norvegese, si sta riprendendo in risposta al divieto del tributilstagno, il composto ampiamente utilizzato in passato come biocida nelle vernici antivegetative.

Allo stesso modo, ci sono esempi di recupero di altre singole specie per effetto di sforzi di gestione mirati, come il divieto di PCB e di diclorodifeniltricloroetano (DDT) che ha riportato l’aquila dalla coda bianca in alcune parti del Mar Baltico dopo 35 anni.

Sebbene questi esempi rimangano frammentari, tuttavia forniscono non solo lezioni emergenti per il recupero, ma anche un raggio di speranza – sottolinea l’Agenzia – L’UE ha ancora la possibilità di ripristinare pezzo per pezzo la resilienza dell’ecosistema marino qualora agisca con urgenza e decisione per bilanciare meglio l’uso antropico dei nostri mari con i suoi impatti sugli ecosistemi marini“.

Con la visione delineata nel Green Deal europeo e nel quadro politico di sostegno, gli Stati membri dell’UE non solo hanno riconosciuto questa urgenza di azione, ma hanno anche deciso di agire di conseguenza, producendo il quadro politico più ambizioso per il recupero della natura europea mai messo in atto dall’UE, tramite l’adozione di una serie di misure e azioni indicate nella nuova Strategia dell’UE sulla biodiversità al 2030.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.