20 Settembre 2021
Clima Meteorologia

WMO: nel 2020 il “colpo doppio” di cambiamenti climatici e Covid-19

Nel corso di una Conferenza stampa, il Segretario delle Nazioni Unite e quello della WMO (Organizzazione meteorologica mondiale) hanno presentato il Rapporto “Stato del Clima Globale nel 2020”, da cui emerge che anche nell’anno trascorso la temperatura ha continuato a salire e agli effetti disastrosi dei cambiamenti climatici milioni di individui hanno dovuto fare i conti contemporaneamente con gli effetti della pandemia.

Condizioni meteorologiche estreme e pandemia di Covid-19 si sono combinati nel corso del 2020, abbattendosi su milioni di individui in un “colpo doppio”. Tuttavia, il rallentamento economico legato alla pandemia non è riuscito a frenare i fattori dei cambiamenti climatici, accelerandone gli impatti.

È quanto emerge dall’annuale Rapporto “State of the Global Climate 2020” dell’Organizzazione Meteorologica Mondiale (WMO), presentato durante una Conferenza stampa tenutasi il 19 aprile 2021 presso la sede delle Nazioni Unite di New York, In vista della Giornata Mondiale della Terra (22 aprile) e del Vertice sul Clima online (22-23 aprile 2021), indetto dal Presidente USA Joe Biden al quale sono stati invitati 40 Capi di Stato e di Governo.

Il Rapporto, frutto della collaborazione di varie Agenzie ONU, con il contributo di servizi idrologici e meteorologici nazionali, centri climatici regionali e decine di esperti, fornisce un quadro dettagliato sugli indicatori climatici, tra cui le concentrazioni in atmosfera dei gas serra, condizioni meteorologiche estreme, temperature terrestri e oceaniche, ritiro dei ghiacciai e innalzamento del livello del mare. L’analisi include anche informazioni relative all’impatto climatico e meteorologico sugli esseri umani e sugli ecosistemi terrestri e marini, in un anno in cui

Il 2020 è stato uno dei tre anni più caldi mai registrati, nonostante il raffreddamento della temperatura della superficie oceanica del Pacifico correlato al fenomeno denominato La Niña, con la temperatura media globale superiore di circa 1,2 °C al di sopra del livello preindustriale (1850-1900). I sei anni dal 2015 sono stati i più caldi mai registrati. Il 2011-2020 è stato il decennio più caldo mai registrato.

Sono passati 28 anni da quando l’Organizzazione meteorologica mondiale ha pubblicato il primo rapporto sullo stato del clima nel 1993, a causa delle preoccupazioni sollevate in quel momento sui cambiamenti climatici previsti – ha affermato il Segretario generale della WMO, Petteri TaalasSebbene la comprensione del sistema climatico e la capacità di calcolo siano aumentate da allora, il messaggio di base rimane lo stesso e ora abbiamo altri 28 anni di dati che mostrano aumenti significativi della temperatura su terra e mare, nonché altri cambiamenti come l’innalzamento del livello del mare, lo scioglimento del ghiaccio marino e dei ghiacciai e cambiamenti nei modelli di precipitazioni. Ciò sottolinea la solidità della scienza del clima basata sulle leggi fisiche che governano il comportamento del sistema climatico“.

Tutti i principali indicatori climatici e le informazioni sugli associati impatti forniti in questo rapporto evidenziano un cambiamento climatico inarrestabile e continuo, un aumento e un’intensificazione di eventi estremi e gravi perdite e danni che colpiscono persone, società ed economie – ha proseguito Taalas – La tendenza negativa del clima continuerà per i prossimi decenni indipendentemente dal nostro successo nell’attività di mitigazione. È quindi importante investire nell’adattamento. E uno modi più potenti per adattarsi è investire in servizi di allerta precoce e reti di osservazione meteorologica. Diversi Paesi meno sviluppati hanno grandi lacune nei loro sistemi di osservazione e mancano di servizi meteorologici, climatici e idrici all’avanguardia“. 

Inoltre, nel 2020 Covid-19 ha aggiunto una nuova e sgradita dimensione ai pericoli meteorologici, climatici e legati all’acqua, con impatti combinati di ampio respiro sulla salute e il benessere degli individui. Le restrizioni alla mobilità, le recessioni economiche e le interruzioni del settore agricolo hanno esacerbato gli effetti di eventi meteorologici e climatici estremi lungo l’intera catena di approvvigionamento alimentare, aumentando i livelli di insicurezza alimentare e rallentando la fornitura di assistenza umanitaria. La pandemia ha anche interrotto le osservazioni meteorologiche e complicato gli sforzi di riduzione del rischio di catastrofi.

Il Rapporto della WMO illustra come i cambiamenti climatici rappresentino un rischio per il raggiungimento di molti degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, attraverso una catena a cascata di eventi correlati. Questi possono contribuire a rafforzare o peggiorare le disuguaglianze esistenti. Inoltre, esistono le potenzialità per circuiti di feedback che minacciano di perpetuare il circolo vizioso dei cambiamenti climatici.

Gas serra
Le concentrazioni dei principali gas ad effetto serra hanno continuato ad aumentare nel 2019 e nel 2020. Le frazioni medie globali di anidride carbonica (CO2) hanno già superato 410 parti per milione (ppm) e se la concentrazione di CO2 segue lo stesso modello degli anni precedenti, potrebbe raggiungere o superare le 414 ppm nel 2021. Il rallentamento economico ha temporaneamente ridotto le nuove emissioni di gas serra, secondo l’ultimo Emissions Gap Report dell’UNEP, ma non ha avuto un impatto percettibile sulle concentrazioni atmosferiche.

Oceano
L’oceano assorbe circa il 23% delle emissioni annuali di CO2 di origine antropica nell’atmosfera e funge da cuscinetto contro i cambiamenti climatici. Tuttavia, la CO2 reagisce con l’acqua di mare, abbassandone il pH, determinando l’acidificazione degli oceani. Questo a sua volta riduce la loro capacità di assorbire CO2 dall’atmosfera. L’acidificazione e la deossigenazione degli oceani sono continuate, influenzando gli ecosistemi, la vita marina e la pesca, secondo la IOC-UNESCO.

L’oceano assorbe anche più del 90% del calore in eccesso dalle attività umane. Il 2019 ha visto il più alto contenuto di calore dell’oceano mai registrato e questa tendenza è probabilmente continuata nel 2020. Il tasso di riscaldamento degli oceani nell’ultimo decennio è stato superiore alla media a lungo termine, indicando un continuo assorbimento di calore intrappolato dai gas serra, Oltre l’80% della superficie oceanica ha subito almeno un’ondata di calore marino nel 2020. La percentuale dell’oceano che ha subito ondate di calore marino “forte” (45%) è stata maggiore di quella che ha subito ondate di calore marino “moderate” (28%).

Il livello medio globale del mare è aumentato a livelli record, accelerando nei ultimi tempi, in parte a causa dell’aumentato scioglimento delle calotte glaciali in Groenlandia e in Antartide. Un piccolo calo del livello medio globale del mare nell’estate del 2020 è stato probabilmente associato allo sviluppo delle condizioni di La Niña. Nel complesso, il livello medio globale del mare ha continuato ad aumentare nel 2020.

La criosfera
Dalla metà degli anni ’80, le temperature dell’aria superficiale artica si sono riscaldate di almeno il doppio più velocemente della media globale. Ciò ha potenzialmente grandi implicazioni non solo per gli ecosistemi artici, ma anche per il clima globale attraverso vari feedback come lo scongelamento del permafrost che rilascia metano nell’atmosfera.

L’estensione minima del ghiaccio marino artico del 2020 dopo lo scioglimento estivo è stata di 3,74 milioni di km2, segnando il 2° record di riduzione dopo quello di 4 milioni di km2. Le alte temperature record a nord del Circolo Polare Artico in Siberia hanno innescato un’accelerazione dello scioglimento del ghiaccio marino nella Siberia orientale e nel mar di Laptev, che ha visto un’ondata di caldo marino prolungato. 

La calotta glaciale della Groenlandia ha continuato a perdere massa. Sebbene il bilancio di massa superficiale fosse vicino alla media a lungo termine, la perdita di ghiaccio a causa del distacco di un iceberg. In totale, circa 152 Gt di ghiaccio sono stati persi dalla calotta glaciale della Groenlandia tra settembre 2019 e agosto 2020.

L’estensione del ghiaccio marino antartico è rimasta vicina alla media a lungo termine. Tuttavia, la calotta glaciale antartica ha mostrato una forte tendenza alla perdita di massa dalla fine degli anni ’90. Questa tendenza si è accelerata intorno al 2005 e attualmente l’Antartide perde circa 175-225 Gt all’anno, a causa soprattutto dei principali ghiacciai nell’Antartide occidentale e nella penisola antartica. Una perdita di 200 Gt di ghiaccio all’anno corrisponde a circa il doppio dello scarico annuale del fiume Reno in Europa.

Inondazioni e siccità
Nel 2020 si sono verificate forti piogge e vaste inondazioni su gran parte dell’Africa e dell’Asia. In , particolare, forti piogge e inondazioni hanno colpito gran parte del Sahel e del Grande Corno d’Africa, innescando un’epidemia di locuste del deserto. Anche il subcontinente indiano e le aree limitrofe, la Cina, la Repubblica di Corea e il Giappone e parti del sud-est asiatico hanno ricevuto precipitazioni eccezionalmente elevate in vari periodi dell’anno.

Una grave siccità ha colpito molte parti dell’interno del Sud America nel 2020, con le aree più colpite nell’Argentina settentrionale,nel Paraguay e nelle aree di confine occidentale del Brasile. Le perdite agricole stimate erano vicine ai 3 miliardi di dollari in Brasile, con ulteriori perdite in Argentina, Uruguay e Paraguay.

La siccità a lungo termine ha continuato a persistere in alcune parti dell’Africa meridionale, in particolare nelle province del Capo settentrionale e orientale del Sud Africa, sebbene le piogge invernali abbiano contribuito alla continua ripresa dalla situazione di siccità estrema che ha raggiunto il picco nel 2018.

Ondate di calore e incendi
In una vasta regione dell’Artico siberiano, le temperature nel 2020 sono state di oltre 3 °C sopra la media, con una temperatura record di 38 °C nella città di Verkhoyansk, accompagnate da incendi prolungati e diffusi.

Negli Stati Uniti, i più grandi incendi mai registrati si sono verificati a fine estate e autunno. La siccità diffusa ha contribuito agli incendi e da luglio a settembre sono stati i mesi più caldi e secchi mai registrati per il sud-ovest. La Death Valley in California ha raggiunto i 54,4 °C il 16 agosto, la temperatura più elevata registrata al mondo almeno negli ultimi 80 anni.

Nei Caraibi, ad aprile e settembre si sono verificate grandi ondate di calore. Cuba ha visto un nuovo record nazionale di temperatura di 39,7 ° C il 12 aprile. Un ulteriore caldo estremo a settembre ha visto record nazionali o territoriali stabiliti per Repubblica Dominicana, Grenada e Porto Rico.

L’Australia ha battuto i record di calore all’inizio del 2020, inclusa la temperatura più alta osservata in un’area metropolitana australiana, nella parte occidentale di Sydney, quando a Penrith si sono raggiunti i 48,9 °C.

L’estate è stata molto calda in alcune parti dell’Asia orientale. Hamamatsu (41,1 ° C) ha eguagliato il record nazionale del Giappone il 17 agosto.

L’Europa ha sperimentato siccità e ondate di caldo durante l’estate 2020, anche se generalmente non sono state così intense come quelle del 2018 e 2019. Nel Mediterraneo orientale con i record di tutti i tempi stabiliti a Gerusalemme (42,7 ° C) ed Eilat (48,9 ° C) il 4 settembre dopo un’ondata di caldo di fine luglio in Medio Oriente in cui l’aeroporto del Kuwait ha raggiunto i 52,1 ° C e Baghdad i 51,8 ° C.

Cicloni tropicali
Con 30 tempeste nominate, la stagione degli uragani del Nord Atlantico del 2020 ha registrato il recordNegli USA sono atterrati 12 cicloni, battendo il precedente record di nove. L’uragano Laura ha raggiunto l’intensità di categoria 4 ed ha raggiunto la Louisiana occidentale il 27 agosto, con perdite economiche per 19 miliardi di dollari. Laura è stata anche associata a ingenti danni causati dalle inondazioni ad Haiti e nella Repubblica Dominicana nella sua fase di sviluppo.
L’ultima tempesta della stagione, Iota, è stata anche la più intensa, raggiungendo la categoria 5 prima dello sbarco in Centro America.

Il ciclone Amphan ha raggiunto la costa il 20 maggio vicino al confine tra India e Bangladesh, ed è risultato il ciclone tropicale che ha provocato i maggiori danni economici mai registrati, con perdite segnalate in India per circa 14 miliardi di dollari.

Il ciclone tropicale più forte della stagione è stato il tifone Goni che ha attraversato le Filippine settentrionali il 1° novembre con una velocità media del vento di 220 km/h, uno degli approdi più intensi mai registrati.

Il ciclone tropicale Harold ha avuto impatti significativi nelle isole settentrionali di Vanuatu il 6 aprile, colpendo circa il 65% della popolazione e provocando danni anche a Fiji, Tonga e Isole Salomone.

La tempesta Alex all’inizio di ottobre ha portato venti estremi nella Francia occidentale con raffiche fino a 186 km/h, mentre forti piogge si sono estese su una vasta area. Il 3 ottobre è stata la giornata più per il Regno Unito con una media nazionale di 31,7 mm, mentre precipitazioni estreme si sono verificate vicino alla costa mediterranea su entrambi i lati del confine Francia-Italia, superando nelle 24 ore i 600 mm in Italia e i 500 mm in Francia.

Altre forti tempeste includono una grandinata a Calgary (Canada) il 13 giugno, con danni assicurati superiori a 1 miliardo di dollari USA e una grandinata a Tripoli (Libia) il 27 ottobre, con grandine fino a 20 cm di grandezza, accompagnati da condizioni insolitamente fredde.

Impatti fi Covid-19
Più di 50 milioni di persone sono state doppiamente colpite nel 2020 da disastri legati al clima (inondazioni, siccità e tempeste) e dalla pandemia
, secondo la Federazione Internazionale delle società della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa (IFRC), peggiorando l’insicurezza alimentare e ha aggiunto un altro livello di rischio alle operazioni di evacuazione, recupero e soccorso legate a eventi ad alto impatto. 

Il ciclone Harold, che ha colpito le Fiji, le Isole Salomone, Tonga e Vanuatu e che è stato uno dei  forti mai registrati nel Pacifico meridionale, ha provocato circa 99.500 sfollati. A causa delle chiusura e delle quarantene per la pandemia di Covid-19, le operazioni di risposta e recupero sono state ostacolate portando a ritardi nella fornitura di attrezzature e assistenza sanitaria.

Nelle Filippine, sebbene oltre 180.000 persone siano state evacuate preventivamente prima del ciclone tropicale Vongfong a metà maggio, le necessarie misure di distanziamento sociale hanno impedito ai residenti di essere evacuati in gran numero e ai centri di evacuazione di utilizzare solo per metà la disponibilità di posti.

Nell’America centrale settentrionale, circa 5,3 milioni di persone hanno avuto bisogno di assistenza umanitaria, compresi 560.000 sfollati interni già presenti prima dell’inizio della pandemia. Le risposte agli uragani Eta e Iota si sono quindi verificate nel contesto di vulnerabilità complesse e interconnesse.

Insicurezza alimentare
Dopo decenni di declino, l’aumento dell’insicurezza alimentare dal 2014 è guidato da conflitti e rallentamento economico, nonché da variabilità climatica ed eventi meteorologici estremi. Quasi 690 milioni di persone, ovvero il 9% della popolazione mondiale, erano denutrite e circa 750 milioni, quasi il 10%, sono state esposte a gravi livelli di insicurezza alimentare nel 2019. Tra il 2008 e il 2018, le conseguenze dei disastri sono costate ai settori agricoli delle economie dei Paesi in via di sviluppo oltre 108 miliardi di dollari in raccolti danneggiati o persi e riduzione di produzione da allevamenti. Il numero di persone classificate in condizioni di crisi, emergenza e carestia è aumentato a quasi 135 milioni di persone in 55 Paesi nel 2019, secondo FAO e WFP.

Gli effetti di Covid-19 hanno paralizzato i sistemi agricoli e alimentari, invertendo le traiettorie di sviluppo e arrestando la crescita economica. Nel 2020, la pandemia ha colpito direttamente l’offerta e la domanda alimentare, con interruzioni nelle catene di approvvigionamento locali, nazionali e globali, compromettendo l’accesso a input, risorse e servizi delle aziende agricole necessari per sostenere la produttività e garantire la sicurezza alimentare. Secondo la FAO, come risultato delle restrizioni ai movimenti aggravate dai disastri legati al clima, sono state poste sfide significative per la gestione dell’insicurezza alimentare in tutto il mondo.

Sfollamento
Nell’ultimo decennio (2010–2019), gli eventi meteorologici hanno innescato in media 23,1 milioni di sfollamenti di persone ogni anno, la maggior parte dei quali all’interno dei confini nazionali, secondo l’Osservatorio internazionale degli spostamenti interni (IDMC). Durante la prima metà del 2020 sono stati registrati circa 9,8 milioni di spostamenti, in gran parte dovuti a pericoli idrometeorologici e disastri, concentrati principalmente nell’Asia meridionale e sud-orientale e nel Corno d’Africa.

Si prevede che gli eventi nella seconda metà dell’anno, inclusi gli spostamenti legati alle inondazioni nella regione del Sahel, l’attiva stagione degli uragani nell’Atlantico e gli impatti dei tifoni nel sud-est asiatico, porteranno il totale dell’anno vicino alla media del decennio .

Secondo l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) e l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), molte situazioni di sfollamento innescate da eventi idrometeorologici si sono prolungate o protratte per le persone che non sono in grado di tornare alle loro o non hanno opzioni per integrarsi localmente o stabilirsi altrove. Possono anche essere soggetti a spostamenti ripetuti e frequenti, lasciando poco tempo per il recupero tra un massiccio esodo e il successivo.

Lezioni e opportunità per migliorare l’azione per il clima
Secondo il Fondo monetario internazionale (IMF), mentre l’attuale recessione globale causata dalla pandemia di Covid-19 può rendere difficile attuare le politiche necessarie per la mitigazione, al contempo presenta anche opportunità per impostare l’economia su un percorso più sostenibile stimolando gli investimenti verdi e le infrastrutture pubbliche resilienti, sostenendo così il PIL e l’occupazione durante la fase di ripresa, che possono limitare l’impatto degli shock legati alle condizioni meteorologiche e aiutare l’economia a riprendersi più velocemente.

Il Rapporto della WMO mostra che non abbiamo tempo da perdere – ha sottolineato il Segretario generale delle Nazioni Unite, António GuterresIl clima sta cambiando e gli impatti sono già troppo costosi per le persone e il Pianeta. Questo è l’anno dell’azione. I Paesi devono impegnarsi ad azzerare le emissioni entro il 2050. Devono presentare, ben prima della COP26 di Glasgow, ambiziosi piani nazionali sul clima che dovranno tagliere collettivamente le emissioni globali del 45% rispetto ai livelli del 2010 entro il 2030. E devono agire ora per proteggere le persone dagli effetti disastrosi dei cambiamenti climatici”.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.