8 Dicembre 2022
Clima

State of the Climate in 2021: il riscaldamento globale non si arresta

L’ultimo State of the Climate pubblicato il 30 giugno 2022 sul Bollettino dell’American Meteorological Society, a cui hanno contribuito 530 scienziati di oltre 60 Paesi conferma che il 2021 è stato tra gli ultimi anni più caldi mai registrati, nonostante un’influenza di raffrescamento esercitato da La Niña nella seconda metà dell’anno, riflettendo coerentemente la tendenza di un Pianeta in fase di riscaldamento.

State of the Climate 2021”, la trentaduesima edizione di una serie peer-review (revisione paritaria) pubblicata ogni anno a fine estate (30 agosto 2022), come supplemento speciale al Bulletin of the American Meteorological Society (BAMS), attesta che le concentrazioni di gas serra, il livello globale del mare e il contenuto di calore oceanico hanno raggiunto nel 2021 livelli record.

Il Rapporto compilato dai Centri nazionali per l’informazione ambientale della NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration) con i contributi di 530 scienziati di oltre 60 Paesi e il supporto di decine di migliaia di misurazioni da più set di dati indipendenti, ha rilevato che il 2021 a livello globale è stato il 6° anno più caldo di sempre, con una temperatura media intorno a 1.11 °C  e il 7° anno consecutivo (2015-2021) in cui la temperatura globale è stata di più di 1 °C superiore a quella dell’epoca preindustriale, nonostante l’effetto rinfrescante di La Niña.

State of the Climate del 2021 fornisce l’ultima sintesi della comprensione scientifica del sistema climatico e dell’impatto che le persone stanno avendo su di esso – ha affermato il Direttore esecutivo dell’American Meteorological Society, Paul HigginsSe lo prendiamo sul serio e lo utilizziamo con saggezza, può aiutarci a prosperare su un Pianeta che è sempre più piccolo rispetto all’impatto delle nostre attività“.

I punti salienti di State of Climate 2021

I livelli di gas serra sono stati i più alti mai registrati.
Le principali concentrazioni di gas serra nell’atmosfera hanno raggiunto ancora una volta livelli record. La concentrazione media annua globale di anidride carbonica nell’atmosfera è stata di 414,7 parti per milione (ppm), 2,3 ppm in più rispetto alle quantità rilevate nel 2020, la più alta misurata dal 1958, quando è iniziata la registrazione strumentale, e almeno nell’ultimo milione di anni, sulla base dei record e almeno nell’ultimo milione di anni, sulla base dei record paleoclimatici. È stato anche il quinto tasso di crescita più alto.

Anche metano e protossido di azoto hanno registrato concentrazioni record lo scorso anno. L’aumento annuale di 18,1 parti per miliardo (ppb) del metano è stato il più alto nella registrazione moderna, e 1,3 ppb di aumento del protossido di azoto ha rappresentato il terzo più alto.

La tendenza al riscaldamento terrestre è continuata. 
Una serie di analisi scientifiche indica che le temperature superficiali globali annuali erano di 0,21-0,28 °C al di sopra della media 1991-2020. Ciò colloca il 2021 tra i sei anni più caldi da quando sono iniziate le registrazioni tra la metà e la fine del 1800. Gli ultimi sette anni (2015-2021) sono stati i sette anni più caldi mai registrati e la temperatura media della superficie globale è aumentata a un tasso medio di 0,08 – 0,09 °C per decennio dall’ inizio delle registrazioni, ad un tasso più del doppio rispetto al 1981 (0,18 – 0,20 °C, per decennio dal 1981, secondo una serie di analisi scientifiche).

Il calore oceanico e il livello del mare globale sono stati i più alti mai registrati
L’oceano sequestra la stragrande maggioranza dell’energia in eccesso intrappolata nel sistema terrestre dai gas serra e da altri fattori, che viene stimata in oltre il 90% nell’ultimo mezzo secolo. Il contenuto di calore oceanico globale, misurato dalla superficie dell’oceano a una profondità di 2.000 metri, ha continuato ad aumentare e ha raggiunto nuovi massimi nel 2021. Per il decimo anno consecutivo, il livello medio globale del mare è salito a un nuovo record e si è attestato a circa 3,8 pollici (97,0 mm) superiore alla media del 1993, l’anno che segna l’inizio dei dati di misurazione satellitare. 

Le condizioni di La Niña hanno abbassato le temperature della superficie del mare
La Niña, la fase fredda del ciclo climatico di interazione tra l’atmosfera e la superficie dell’oceano Pacifico, iniziata a metà del 2020 sono continuate per la maggior parte del 2021. La temperatura globale annuale della superficie del mare nel 2021 era inferiore sia al 2019 che al 2020 per La Niña, ma era ancora di 0,29 °C superiore alla media 1991–2020. Circa il 57% della superficie oceanica ha subito almeno un’ondata di caldo marino nel 2021. 

Le temperature erano miste nell’emisfero australe
La Niña ha contribuito all’anno più caldo mai registrato per la Nuova Zelanda, ma anche all’anno più freddo dal 2012 per l’Australia. In Antartide, l’aria fredda all’interno di un vortice polare forte e stabile ha contribuito ad un inverno più freddo (da aprile a settembre) mai registrato al Polo Sud. Nella Penisola Antartica, l’unica parte del continente che si estende oltre il Circolo Antartico, due stazioni hanno ricevuto persistenti venti caldi da nord; una stazione ha raggiunto la sua temperatura annuale più alta mai registrata, mentre l’altra ha registrato la sua seconda temperatura più alta. 

L’Artico è stato nel complesso più fresco, ma sono stati stabiliti alcuni record. 
L’Artico ha avuto il suo anno più freddo dal 2013, ma il 2021 è stato ancora il 13° anno più caldo in 122 anni di dati. Durante l’estate si sono verificati eventi di caldo estremo. Durante un’intensa ondata di calore nel Nord America occidentale, il 30 giugno è stata registrata una temperatura di 39,9 °C a Fort Smith, Territori del Nordovest (Canada); questa è stata la temperatura più alta mai registrata oltre i 60° di Latitudine Nord. Un diffuso evento di scioglimento nella calotta glaciale della Groenlandia il 14 agosto 2021, l’ultimo della stagione mai registrato, ha coinciso con la prima pioggia osservata alla Summit Station, che si trova a oltre 3.200 metri sopra il livello del mare. Mentre l’estensione minima del ghiaccio marino artico è risultata la dodicesima nel record di 43 anni, la quantità di ghiaccio pluriennale – ghiaccio che sopravvive a una o più stagioni di scioglimento estivo – rimasta nell’Artico è stata la seconda più bassa mai registrata. Ciò indica la transizione prolungata dell’Artico verso una copertura di ghiaccio più recente e sottile, che ha maggiori probabilità di subire uno scioglimento completo in futuro. 

L’attività dei cicloni tropicali era ben al di sopra della media.
L’anno scorso ci sono state 97 tempeste tropicali denominate durante le stagioni delle tempeste dell’emisfero settentrionale e meridionale, ben al di sopra della media di 87 del periodo 1991-2020. Sette cicloni tropicali hanno raggiunto l’intensità di categoria 5 sulla scala Saffir-Simpson. Il bacino degli uragani del Nord Atlantico ha registrato 21 tempeste denominate, la terza più numerosa per il bacino, dopo il record di 30 cicloni nel 2020 e 28 nel 2005. L’uragano Ida di categoria 4 è stata la tempesta di maggior impatto nell’Atlantico. Con 75 miliardi di dollari di danni, Ida è stato il disastro statunitense più costoso del 2021 e il quinto uragano più costoso mai registrato dal 1980. Il super tifone Rai è stato il terzo tifone più costoso nella storia delle Filippine, causando circa 1 miliardo di dollari di danni e più di 400 morti (Vedi: Disastri: le soluzioni per ridurre gli impatti“).

I dati riportati sono coerenti con le anticipazioni del VI Rapporto di Valutazione dell’IPCC, quali emergono dalle relazioni (Le basi scientifiche dei cambiamenti climatici; Impatti, adattamento e vulnerabilità; Azioni di mitigazione) dei rispettivi Gruppi di Lavoro, mentre il Rapporto conclusivo è previsto per il prossimo autunno, prima dello svolgimento della COP27 in Egitto (Sharm-el-Sheikh, 7-18 novembre 2022), che confermano inequivocabilmente che gli uomini stanno riscaldando il clima del Pianeta.

I dati presentati in questo rapporto sono chiari: continuiamo a vedere prove scientifiche più convincenti che il cambiamento climatico ha un impatto globale e non mostra segni di rallentamento – ha affermato l’Amministratore della NOAA, Rick SpinradCon molte comunità colpite che quest’anno sono colpite da inondazioni che si verificano ogni 1000 anni, siccità eccezionale e temperature record, si dimostra che la crisi climatica non è una minaccia futura, ma qualcosa che dobbiamo affrontare oggi mentre lavoriamo per costruire una nazione pronta per il clima – e un mondo – che sia resiliente agli estremi causati dal clima”.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.