21 Settembre 2021
Agroalimentare Cibo e alimentazione

OCSE-FAO: l’aumento della produttività agro-alimentare sia sostenibile

Secondo un nuovo rapporto OCSE-FAO, sebbene si prevedano progressi nel prossimo decennio verso gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, ipotizzando una rapida ripresa post-Covid-19 e condizioni meteorologiche e politiche stabili, l’ultimo anno ha allontanato ulteriormente il mondo dal loro conseguimento per cui è richiesta un’attenzione urgente e concertata ai fattori e alle forze che guidano le prestazioni nei sistemi agroalimentari.

Sebbene siano previsti progressi su molti fronti importanti, al fine di realizzare l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs), saranno necessarie azioni concertate e ulteriori miglioramenti da parte del settore agricolo per raggiungere gli obiettivi globali in materia di sicurezza alimentare e ambiente.

È quanto prevede il nuovo Rapporto Agricultural Outlook 2021-2030” scritto in collaborazione tra Organizzazione per la Cooperazione allo Sviluppo Economico (OCSE) e Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO), che fornisce una valutazione condivisa delle prospettive decennali per 40 principali prodotti agricoli, ittici e dei biocarburanti a livello regionale, nazionale e globale, analizzando i driver delle prestazioni nei mercati agroalimentari e contribuendo a informare l’analisi e la pianificazione lungimirante delle politiche.

Secondo il Rapporto, garantire la sicurezza alimentare e diete sane per una popolazione globale in crescita rimarrà la sfida del prossimo decennio. Si prevede che la domanda globale di prodotti agricoli sia per l’alimentazione umana e mangimi, sia come combustibili e fattori di produzione industriale, crescerà dell’1,2% all’anno, anche se a un tasso annuo più lento rispetto al decennio precedente. A influenzare la crescita della domanda saranno le tendenze demografiche, la sostituzione del pollame con la carne rossa nelle nazioni ricche e in molte nazioni a reddito medio e un boom del consumo di prodotti lattiero-caseari pro capite nell’Asia meridionale.

I miglioramenti della produttività saranno la chiave per nutrire in modo sostenibile una popolazione globale in crescita, che si prevede raggiungerà gli 8,5 miliardi entro il 2030. Degli aumenti della produzione agricola globale previsti nel 2030, l’87% proverrà dalla crescita della resa, mentre il 6% dall’espansione dell’uso dei terreni e il 7% dall’aumento dell’intensità delle colture. Analogamente, gran parte del previsto aumento della produzione di bestiame e pesce deriverà da guadagni di produttività. Tuttavia, si prevede che anche l’aumento delle mandrie contribuirà in modo significativo alla crescita della produzione animale nelle economie emergenti e nei Paesi a basso reddito.

Il commercio continuerà a essere fondamentale per la sicurezza alimentare globale, la nutrizione, i redditi agricoli e la lotta alla povertà rurale. In media in tutto il mondo, circa il 20% di ciò che viene consumato a livello nazionale viene importato. Con l’orizzonte al 2030, si prevede che le importazioni rappresenteranno il 64% del consumo interno totale nella regione del Vicino Oriente e del Nord Africa, mentre si prevede che l’America Latina e la regione dei Caraibi esporteranno più di un terzo della sua produzione agricola totale.

Abbiamo un’opportunità unica per indirizzare il settore agroalimentare su un percorso di sostenibilità, efficienza e resilienza – hanno sottolineato nella prefazione all’Outlook il Segretario generale dell’OCSE Mathias Cormann e il Direttore generale della FAO QU Dongyu – Senza ulteriori sforzi, l’obiettivo Fame Zero verrà mancato e le emissioni di gas serra provenienti dall’agricoltura aumenteranno ulteriormente. È urgentemente necessaria una trasformazione dei sistemi agroalimentari“.

Si stima che le emissioni globali di gas serra dall’agricoltura aumenteranno del 4% nei prossimi dieci anni, principalmente a causa dell’espansione degli allevamenti, nonostante che le emissioni per unità di output – intensità di carbonio della produzione – dovrebbero diminuire significativamente nello stesso periodo.

A livello globale, la disponibilità aggregata di cibo aumenterà del 4% nel prossimo decennio per raggiungere poco più di 3.000 calorie per persona al giorno. Si prevede che il consumo pro capite di grassi cresca più rapidamente tra i principali gruppi alimentari, a causa del maggiore consumo di alimenti trasformati e pronti e di una crescente tendenza a mangiare fuori casa, entrambi associati all’urbanizzazione in corso e alla crescente partecipazione delle donne alla forza lavoro. La perdita di reddito e l’inflazione dei prezzi alimentari sulla scia della pandemia di Covid-19 stanno rafforzando questa tendenza.

Nei Paesi ad alto reddito, non si prevede che la disponibilità di cibo pro capite aumenti in modo significativo rispetto ai suoi livelli già elevati. Tuttavia, la crescita del reddito e il cambiamento delle preferenze dei consumatori sosterranno il passaggio da alimenti di base e a prodotti alimentari di più elevata qualità, tra cui frutta e verdura e, in misura minore, prodotti animali.

Nei Paesi a basso reddito, si prevede che la disponibilità di cibo aumenterà del 3,7%, pari a 89 calorie per persona al giorno, costituite principalmente da alimenti di base e edulcoranti. I vincoli economici limiteranno l’aumento del consumo di prodotti animali, frutta e verdura. A causa dei limiti di reddito, si prevede che il consumo pro capite di proteine ​​animali diminuirà leggermente nell’Africa subsahariana, una regione la cui autosufficienza per i principali prodotti alimentari è, secondo le tendenze attuali, destinata a diminuire entro il 2030.

Nel medio termine, le condizioni meteorologiche, la crescita economica e la distribuzione del reddito, la demografia e i cambiamenti nei modelli alimentari, gli sviluppi tecnologici e le tendenze politiche plasmeranno i prezzi alimentari e agricoli. Sebbene l’Indice FAO dei prezzi alimentari sia aumentato notevolmente nell’ultimo anno, si prevede che questi aumenti saranno seguiti da un periodo di aggiustamento al ribasso,in coerenzacon il rallentamento della crescita della domanda e gli attesi guadagni di produttività.

L’Outlook si concentra sulle tendenze a medio termine, ma viene segnalato che un’ampia gamma di fattori può generare le condizioni per le fluttuazioni dei prezzi a breve termine nei mercati agricoli. Ad esempio, gli sviluppi nei mercati energetici, che influiscono sui prezzi dei mezzi di produzione e una maggiore volatilità dei prezzi dei cereali, associata all’aumento della quota di mercato di alcuni Paesi, sono destinati a fare le differenze tra i contribuiscono alle differenze tra i prezzi previsti e quelli effettivamente rilevati.

.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.