26 Settembre 2021
Cambiamenti climatici Smart city Sostenibilità

La Dichiarazione di Milano per l’adattamento delle città ai cambiamenti climatici

Il percorso in 10 tappe elaborato da Green City Network e presentata nel corso della 2a Conferenza Nazionale delle Green City e già stata sottoscritta da 27 Città.

Nel corso della 2a Conferenza Nazionale delle Green City (Milano, 16 luglio 2019), dedicata al tema dell’adattamento climatico e alla rigenerazione dei distretti urbani e organizzata dal Green City Network in collaborazione con il Comune di Milano e il Politecnico di Milano, con il patrocinio dell’Ordine degli Architetti della Provincia di Milano e con il supporto di Amundi, Montello SpA, Utilitalia, ING, FaterSmart e Key Energy – Ecomondo, è stata presentata la Dichiarazione di Milano per l’adattamento climatico nelle città.

Green City Network, è un’iniziativa promossa dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile (FoSS) per sviluppare analisi, approfondimenti e proposte, per diffondere studi europei e internazionali, per mettere a disposizione delle amministrazioni centrali, regionali e locali interessate, occasioni di confronto, di formazione e di approfondimento per sviluppare e programmare politiche e misure di green economy nelle città italiane,

In occasione della 1a Conferenza, erano state presentate le Linee Guida per le Green City in Italia,  un pacchetto di misure unitarie e coerenti articolate sui principali temi ambientali per rendere più green le città italiane, puntando a migliorare la qualità ecologica, il benessere dei cittadini, l’inclusione sociale e per promuovere lo sviluppo locale e nuova occupazione.

Per l’attuazione delle Linee Guida, uno degli impegni più urgenti da affrontare è certamente quello di rendere più incisive le misure per l’adattamento climatico delle città italiane che non hanno ancora l’attenzione e l’impostazione adeguate al livello di priorità ormai raggiunto.

L’Italia è più esposta di altri Paesi agli impatti dei cambiamenti climatici e con 63 miliardi di euro di perdite economiche provocate da fenomeni meteorologici e altri eventi estremi legati al clima, secondo quanto riportato nella relazione di accompagnamento alla proposta della Commissione UE di Strategia a lungo termine “Un Pianeta pulito per tutti”, il nostro Paese si colloca al 2° posto in Europa  le cui le perdite economiche nel periodo 1980-2016 hanno superato i 436 miliardi di euro.

Il riscaldamento nella regione del Mediterraneo è previsto superare i tassi globali del 25%, con quello estivo superiore del 40% della media mondiale, con conseguenze non solo sull’ecosistema marino, ma anche nel manifestarsi di fenomeni meteorologici estremi, come ha spiegato uno Studio pubblicato l’anno scorso su Nature Scientific Report e condotto da ricercatori ENEA e CNR, e come abbiamo dovuto drammaticamente constatare le scorse settimane con le trombe marine che si sono abbattute sulle coste adriatiche dell’Italia centrale.

A fronte di tali impatti, a livello europeo, solo il 26% delle città ha realizzato un piano di adattamento climatico, il 17% un piano congiunto per mitigazione e l’adattamento, mentre il 33% non ha alcun piano locale per il clima.

Il Green City Network ha realizzato, con un’analisi delle migliori esperienze e conoscenze in materia a livello nazionale e internazionale e con un’ampia consultazione di esperti e di città, la “Dichiarazione per l’adattamento climatico nelle città”, sintetizzata in 10 punti:
1. Definire ed aggiornare piani e misure per l’adattamento climatico delle città
2. Integrare le politiche e le misure di adattamento con quelle di mitigazione del cambiamento climatico
3. Aggiornare la valutazione dei rischi e le misure sia di emergenza, sia di medio e lungo termine
4. Valorizzare le ricadute positive delle misure di adattamento e contabilizzare i costi dell’assenza delle misure
5. Sviluppare le capacità adattive
6. Puntare di più sulle soluzioni basate sulla natura
7. Ridurre la vulnerabilità e i rischi delle precipitazioni molto intense
8. Affrontare le ondate e le isole di calore
9. Promuovere gli investimenti
10. Rafforzare la governance

“L’iniziativa del Green City Network punta a promuovere un maggiore e più qualificato impegno
delle città italiane per l’adattamento climatico 
– ha dichiarato Edo Ronchi, Presidente della FoSS – le 10 proposte della Dichiarazione forniscono indirizzi aggiornati per città più resilienti e meno vulnerabili, più capaci di affrontare i cambiamenti climatici con gli interventi, necessari e possibili, per prevenire e limitare rischi e danni”.

Le prime 27 città ad aver aderito alla Dichiarazione sono: Assisi, Belluno, Bergamo, Casalecchio di Reno, Chieti, Cisterna di Latina, Cosenza, Firenze, Genova, Imola, Livorno, Mantova, Milano, Monterotondo, Napoli, Padova, Palermo, Parma, Pordenone, Rimini, Roma, Siracusa, Sorradile, Tivoli, Torino, Venezia.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.