7 Dicembre 2022
Agenda Manifestazioni e celebrazioni

Giornata Mondiale Alimentazione: nessuno venga lasciato indietro

Il tema scelto per la Giornata mondiale dell’Alimentazione (16 ottobre 2022) fa appello alla solidarietà globale e all’azione collettiva in un momento in cui molteplici sfide (pandemia ancora in atto, conflitti armati, cambiamenti climatici, tensioni geopolitiche, crescita delle disuguaglianze) ostacolano le persone di tutto il mondo all’accesso e alla disponibilità di cibo.

Il 16 ottobre, ricorrenza della Fondazione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO), viene celebrata la Giornata Mondiale dell’Alimentazione che quest’anno ha per focus “Nessuno sia lasciato indietro. Una produzione migliore, una nutrizione migliore, un ambiente migliore e una vita migliore”.

Il tema scelto quest’anno per la Giornata Mondiale dell’Alimentazione fa appello alla solidarietà globale e all’azione collettiva per far sì che nessuno venga lasciato indietro nel corso della trasformazione di sistemi agroalimentari più efficienti, inclusivi, sostenibili e resilienti per ottenere una produzione migliore, una nutrizione migliore, un ambiente migliore e una vita migliore.

Sono stati fatti molti progressi nella costruzione di un mondo migliore, ma troppe persone sono rimaste indietro, in quanto non hanno potuto sfruttare lo sviluppo umano, l’innovazione o la crescita economica. Di conseguenza milioni di persone in tutto il mondo non possono permettersi un’alimentazione corretta, il che le espone ad alto rischio di insicurezza alimentare e malnutrizione. Porre fine alla fame non è però una questione di offerta: oggi viene prodotto cibo sufficiente a sfamare tutti gli abitanti del pianeta. Il problema è costituito dall’accesso e dalla disponibilità di cibi nutrienti, che sono sempre più ostacolati da svariate criticità, tra cui la pandemia del COVID-19, i conflitti armati, i cambiamenti climatici, le disuguaglianze, l’aumento dei prezzi e le tensioni internazionali, il cui effetto domino non conosce confini ed espone le persone in tutto il mondo.

Il Rapporto Interagenziale delle Nazioni Unite “Lo stato della sicurezza alimentare e della nutrizione nel mondo” (SOFI 2022) che fornisce gli aggiornamenti sulla sicurezza alimentare e sullo stato della nutrizione in tutto il mondo, comprese le ultime stime su costi e accessibilità economica per una dieta sana, ha evidenziato che il numero delle persone che soffrono la fame a livello mondiale è salito a ben 828 milioni nel 2021, ossia circa 46 milioni in più dal 2020 e 150 milioni in più dallo scoppio della pandemia di COVID-19.

Nel contesto delle attuali crisi globali, sono più che mai necessarie soluzioni globali: mirando a una produzione migliore, una nutrizione migliore, un ambiente migliore e una vita migliore, possiamo trasformare i sistemi agroalimentari implementando soluzioni sostenibili e olistiche che tengano conto dello sviluppo a lungo termine, della crescita economica inclusiva e di una maggiore resilienza.

I Governi, il settore privato, il mondo accademico, la società civile e le singole persone, sottolinea la nota della FAO per la Giornata, devono collaborare in modo solidale per dare priorità al diritto al cibo, alla sicurezza alimentare, alla nutrizione, alla pace e all’uguaglianza per tutti. Ognuno di noi, compresi i giovani, può adoperarsi per un futuro inclusivo e sostenibile, dimostrando maggiore empatia e gentilezza nelle azioni quotidiane. Tutti devono partecipare al cambiamento.

Proprio l’azione collettiva in 150 Paesi in tutto il mondo è ciò che rende la Giornata mondiale dell’Alimentazione una delle giornate più celebrate del calendario delle Nazioni Unite. Centinaia di eventi e attività di sensibilizzazione riuniscono Governi, Imprese, Organizzazioni della società civile, media, pubblico e persino giovani, promuovendo in tutto il mondo la consapevolezza e l’azione per coloro che soffrono la fame e per la necessità di garantire un’alimentazione sana per tutti, senza lasciare indietro nessuno.

In Italia, dopo il successo dello scorso anno, il 14 ottobre presso la sede della FAO a Roma ritorna la Giornata Mondiale dell’Alimentazione per i Giovani, un evento online che può essere seguito in diretta al quale parteciperanno personaggio importanti ed eroi del cibo, come Thomas Pesquet, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e Ambasciatore di buona volontà della FAO, o il famoso chef Joan Roca, eroe del cibo e l’ambasciatore di buona volontà dell’UNDP.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.