8 Dicembre 2022
Energia

ETO 2022 di DNV: lo shock energetico rafforza la transizione

Secondo la VI edizione dell’Energy Transition Outlook (ETO 2022) di DNV, la maggiore attenzione alla sicurezza energetica e l’aumento del costo dell’energia stanno esasperando il divario esistente, in termini di velocità di decarbonizzazione, tra l’Europa e il resto del mondo. 

I prezzi elevati dell’energia e una maggiore attenzione alla sicurezza energetica a causa della guerra in Ucraina non rallenteranno la transizione a lungo termine.

È uno dei punti salienti dell’ annuale Energy Transition Outlook (ETO) edizione 2022 di DNV, tra i principali Enti di certificazione a livello mondiale e Società di consulenza aziendale per i settori Energia, Petroli & Gas e Assicurazioni, ha lanciato il 13 ottobre 2022 nel corso di un evento online, a meno di un mese dalla COP27 di Sharm-el-Sheikh (6-18 novembre 2022).

Giunto alla sua sesta edizione, l’ETO 2022 presenta i risultati del modello indipendente del sistema energetico mondiale elaborato da DNV, che copre il periodo fino al 2050 e prevede la transizione energetica a livello globale e in 10 regioni del mondo in particolare. 

Le turbolenze nel mercato energetico non alterano drasticamente il percorso di decarbonizzazione verso la metà del secolo – ha affermato Remi Eriksen, Presidente e Amministratore delegato del Gruppo DNV – Il motore più forte della transizione energetica globale è la rapida riduzione dei costi dell’energia solare ed eolica, che supererà gli attuali shock a breve termine per il sistema energetico“.

Gli aspetti principali a breve termine dell’ETO 2022.
1. I prezzi elevati dell’energia e una maggiore attenzione alla sicurezza energetica a causa della guerra in Ucraina non rallenteranno la transizione a lungo termine.
– L’Europa mira ad accelerare il suo sviluppo di energie rinnovabili per raggiungere la sicurezza energetica.
– Nel resto del mondo, la lotta ai prezzi elevati dell’energia e dei generi alimentari potrebbe spostare la decarbonizzazione in fondo all’elenco delle priorità a breve termine.
– L’influenza a lungo termine della guerra sul ritmo della transizione energetica è bassa rispetto ai principali fattori di cambiamento a lungo termine: calo dei costi delle rinnovabili, elettrificazione e aumento dei prezzi del carbonio.

2. La COP26 e l’IPCC hanno chiesto un’azione urgente che non si è concretizzata: le emissioni restano a livelli record.
Le emissioni devono diminuire dell’8% ogni anno per garantire lo zero netto entro il 2050
– Le opportunità per un’azione intensificata abbondano: la transizione sta aprendo opportunità senza precedenti per attori nuovi ed esistenti nel settore energetico.

Previsioni a lungo termine dell’ETO 2022
3. L’elettricità rimane il cardine della transizione; sta crescendo e inverdendosi ovunque.
– Con una quota dell’83% del sistema elettrico nel 2050, le rinnovabili stanno relegando la quota fossile del mix energetico complessivo di poco al di sotto della soglia del 50%.
– Nonostante le sfide a breve termine relative ai costi delle materie prime, la crescita della capacità del solare e dell’eolico è inarrestabile: entro il 2050 aumenteranno rispettivamente di 20 e 10 volte. 

4. L’idrogeno fornirà solo il 5% della domanda globale di energia nel 2050, un terzo del livello necessario per l’obiettivo net zero.
-L’uso di idrogeno puro è scalabile nella produzione dall’inizio degli anni ’30 e in forma derivata (ammoniaca, e-metanolo e altri combustibili sintetici) nei trasporti pesanti dalla fine degli anni ’30. 
– L’idrogeno verde da rinnovabili dedicate e dalla rete diventerà dominante nel tempo; l’idrogeno blu e l’ammoniaca blu manterranno ruoli importanti a lungo termine. 

Fonte: DNV

Percorso per Net Zero
5. Ci stiamo dirigendo verso un riscaldamento di 2,2 °C; l’attuazione di politiche in una logica di guerra è necessaria per garantire lo zero netto entro il 2050.
– Un’azione massiccia e tempestiva per ridurre le emissioni record è fondamentale; la finestra per agire si sta chiudendo.
Nessun nuovo sviluppo di petrolio e gas dopo il 2024 nei Paesi ad alto reddito e dopo il 2028 nei Paesi a reddito medio e basso. 

6. Zero netto significa che regioni e settori leader devono andare molto più lontano e più velocemente.
– Le regioni OCSE devono essere net zero entro il 2043 e in seguito negative nette; la Cina deve ridurre le emissioni a zero entro il 2050.
L’elettricità rinnovabile, idrogeno e bioenergie sono essenziali, ma insufficienti: quasi un quarto della decarbonizzazione netta si basa sulla cattura e rimozione del carbonio combinate con cambiamenti nell’uso del suolo (ridotta deforestazione).

Con l’avvicinarsi della COP27, è importante che i responsabili politici riconoscano le enormi opportunità inerenti alla decarbonizzazione del mix energetico alla luce dei crescenti costi dell’impatto dei cambiamenti climatici – ha sottolineato Eriksen – La tecnologia esiste per raggiungere emissioni nette zero entro il 2050, ma affinché ciò avvenga dobbiamo utilizzare l’ambito del kit di strumenti politici”.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.