22 Settembre 2021
Agenda Efficienza energetica Emilia Romagna Energia Fiere e convegni Fonti rinnovabili Regioni

Alla Fiera di Rimini (7-10 novembre 2017) anche Solare e Accumulo

fiera Rimini solare e accumulo

Le edizioni 2017 di ECOMONDOFiera internazionale del recupero di materia ed energia e dello sviluppo sostenibile, e Key EnergyFiera internazionale per l’energia e la mobilità sostenibile, in programma a Fiera di Rimini dal 7 al 10 novembre 2017, si arricchiranno di due nuovi eventi espositivi.

Il 4 aprile 2017, Italian Exhibition Group (IEG), la società organizzatrice nata dall’integrazione tra Rimini Fiera e Fiera di Vicenza, ha presentato le due nuove proposte che completeranno, in particolare, l’offerta di Key Energy che, oltre ai consolidati Key Wind, l’evento italiano di riferimento del settore eolico, che ospita i principali operatori e produttori di tecnologie per impianti eolici di grande, media e piccola taglia, on-shore e off-shore, e Key Efficiency, Padiglione dedicato a tecnologie, sistemi e soluzioni per un uso intelligente delle risorse, proporrà da quest’anno Key Storage , sezione dedicata ai sistemi di accumulo dell’ energia prodotta dalle rinnovabili, e Key Solar, la nuova area espositiva dedicata alle tecnologie solari più innovative.
È un nuovo settore che evidenzi il grande interesse per il fotovoltaico e gli accumulatori – ha commentato Patrizia Cecchi, Italian Shows Director di IEG – Noi che parliamo di economia circolare non potevamo non aprire una finestra su un comparto così importante di business, di incontro, di affari, di approfondamenti. Le nuove opportunità oggi presentate mostrano grandi opportunità di sviluppo: ECOMONDO, come sempre, le integra nel suo concetto di circular economy“.

Key Storage sarà dedicata all’immagazzinamento dell’energia da fonti rinnovabili per valorizzare una tecnologia chiave: gli Energy Storage Systems. Si tratta della possibilità di utilizzare l’energia raccolta dalle fonti rinnovabili nel momento in cui l’utente ne ha più bisogno. Con il supporto di ENEA, in veste di Agenzia nazionale per l’efficienza energetica, Key Energy Storage offrirà, oltre all’area espositiva, un panel di convegni con la presentazione di best practice. Si aggiungerà un’attività di comunicazione e relazioni per garantire un calendario di incontri B2B mirati prevalentemente al rapporto con operatori dal Medio Oriente ed Est Europa.

Key Solar è invece un nuovo settore espositivo e di contenuti qualificati dedicato al fotovoltaico e colma un vuoto fieristico per offrire alla filiera un momento di aggregazione ed un solido riferimento utile ad analizzare gli scenari, ipotizzare traiettorie di sviluppo e presentare le novità dei prodotti. L’area espositiva e gli appuntamenti di confronto, nel contesto di grande appuntamento fieristico che da oltre 20 anni accompagna l’evoluzione della green economy, garantiranno una nuova grande occasione di business.

Con una crescita rapidissima, il mercato mondiale del fotovoltaico ha raggiunto una potenza cumulativa di quasi 300 mila MW, con l’Italia che detiene il record della percentuale di elettricità solare immessa in rete– ha spiegato Gianni Silvestrini, Presidente Comitato Scientifico di Key Energy –Il continuo calo dei prezzi fa stimare che all’inizio del prossimo decennio la produzione di sole e vento supererà quella atomica“.

Dopo un periodo di difficoltà, il comparto torna a crescere anche in Italia (+22% nel 2016), con Terna ed Eni prossime a forti investimenti senza ricorrere ad incentivi. Sono ambiziosi anche i programmi dell’Unione Europea, con incentivi agli enti locali per chi installa il solare. Nel frattempo si affacciano i sistemi di accumulo, con 6.000 impianti installati lo scorso anno in Italia e una prospettiva di notevole sviluppo per gli abbinamenti solare-batteria.

Secondo l’Osservatorio di ANIE Rinnovabili, le fonti rinnovabili hanno coperto nel 2016 circa un terzo dei consumi elettrici e il GSE prevede che il trend fotovoltaico si consoliderà in futuro, portando all’installazione di circa 1,5 GW al 2020.

Anche l’accumulo, abbinato al fotovoltaico, avrà un ruolo sempre più importante – ha sottolineato Silvestrini – In Germania circa la metà degli impianti fotovoltaici installati l’anno scorso erano uniti a un sistema di accumulo. La necessità è di superare alcuni vincoli che impediscono la possibilità di attuare soluzioni che in altri Paesi si stanno già esplorando. Penso che questa tecnologia sarà centrale nel raggiungimento degli obiettivi al 2030 e avrà un ritorno di interesse già nel 2017, con dati fondati sugli economico e non sugli incentivi“.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.