1 Dicembre 2022
Cambiamenti climatici Clima

Stock ittici: nessuna ripresa senza mitigazione climatica

Gli stock ittici globali non saranno in grado di riprendersi a livelli sostenibili senza forti azioni per mitigare i cambiamenti climatici.

È quanto segnala lo Studio Rebuilding fish biomass for the world’s marine ecoregions under climate change”, pubblicato su Global Change Biology e condotto da ricercatori dell’Università della British Columbia (Canada), dell’Università di Berna e dell’Università di Stanford (USA), che hanno calcolato  l’impatto che i diversi aumenti della temperatura globale e gli intervalli di attività di pesca avrebbero sulla biomassa, o sulla quantità di pesce in peso in una determinata area, dal 1950 al 2100.

Le loro le simulazioni suggeriscono che i cambiamenti climatici hanno ridotto gli stock ittici in 103 delle 226 regioni marine studiate, rispetto ai loro livelli storici, e che dovranno lottare per ricostruire il loro numero, in base ai livelli di riscaldamento globale previsti nel 21° secolo.

Una gestione della pesca più orientata alla conservazione è essenziale per ricostruire gli stock ittici sovrasfruttati a causa dei cambiamenti climatici – ha dichiarato William Cheung Professore presso l’Istituto per gli Oceani e la Pesca (IOF) della British Columbia University – Tuttavia, questo da solo non è sufficiente. È importante la mitigazione del clima affinché i nostri piani di ricostituzione degli stock ittici siano efficaci. Attualmente, il mondo è sulla buona strada per superare 1,5 gradi di riscaldamento rispetto ai livelli preindustriali e avvicinarsi ai due gradi nei prossimi decenni“.

Il gruppo di ricercatori ha utilizzato modelli computerizzati per scoprire i livelli di cambiamento climatico ai quali gli stock ittici sovrasfruttati non possono essere ricostituiti. Lo studio ha previsto che, in media, quando la gestione della pesca si concentra sulle catture sostenibili più elevate all’anno, gli ulteriori impatti climatici sui pesci con un riscaldamento di 1,8 °C vedrebbero gli stock ittici incapaci di ricostruirsi. Se le persone in tutto il mondo pescassero solo tre quarti delle catture sostenibili più elevate annuali, gli stock ittici non sarebbero in grado di ricostruirsi a un grado di riscaldamento più elevato, 4,5 gradi.

Le ecoregioni tropicali in Asia, Pacifico, Sud America e Africa stanno registrando un calo delle popolazioni ittiche poiché le specie si spostano più a nord verso acque più fredde oltre al fatto che non sono in grado di riprendersi a causa della domanda di pesca – ha aggiunto Cheung – Queste regioni sono quelle che risentono per prime degli effetti del riscaldamento globale e il nostro studio mostra che anche un leggero aumento di 1,5 °C potrebbe avere un effetto catastrofico sui Paesi delle fasce  tropicali che dipendono dalla pesca per la sicurezza alimentare e nutrizionale, per il reddito e i posti di lavoro”.

Nello scenario peggiore, in cui non venisse fatto nulla per mitigare il riscaldamento globale, compreso il raggiungimento degli obiettivi concordati a livello internazionale, e dove si verificasse una pesca eccessiva oltre gli obiettivi sostenibili, gli stock ittici a livello globale scenderebbero al 36% dei livelli attuali, secondo lo studio.

Per ricostruire gli stock ittici, deve essere preso in piena considerazione il ruolo del cambiamento climatico – ha osservato Juliano Palacios-Abrantes, borsista post-dottorato presso lo IOF e co-autore dello Studio – Viviamo in un mondo globalizzato, dove le situazioni sono interconnesse. Lo stiamo vedendo in modo più significativo nelle regioni tropicali, ma anche nell’Artico, dove molte specie sfruttate tardano a ricostituirsi, o in Irlanda, Canada e Stati Uniti, con elevati tassi di mortalità per pesca. Questi effetti climatici, anche quando abbiamo esaminato scenari incentrati sulla conservazione, stanno rendendo troppo difficile la ripresa degli stock ittici“.

Il Professor Cheung ritiene che a causa del cambiamento climatico, è improbabile che il mondo torni ai livelli storici degli stock ittici.
Siamo a un punto di svolta – ha concluso – Ciò di cui abbiamo bisogno è uno sforzo globale coordinato per sviluppare misure pratiche ed eque di conservazione marina per supportare un’efficace ricostruzione della biomassa durante il cambiamento climatico, riconoscendo i modi in cui la biodiversità marina contribuisce al sostentamento e alle economie, in particolare nelle ecoregioni marine tropicali, oltre a richiedere limiti più rigorosi alle attività di pesca per ottenere un maggiore potenziale di ricostruzione della biomassa“.

Foto di copertina di Hiroko Yoshii su Unsplash

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.