14 Agosto 2022
Energia

Investimenti energetici globali: nel 2022 spesa record, ma lontana dal necessario

Il nuovo Rapporto sugli investimenti energetici globali dell’Agenzia Internazionale dell’Energia che aggiorna sugli investimenti energetici nel 2021 e stima le prospettive per il 2022, mostra come dopo il 2020 gli investimenti nelle tecnologie pulite hanno accelerato fino a raggiungere il 12%, anche se gran parte della spesa à dovuta ai maggiori costi, ed è assai lontana per rispondere alla sfida climatica ed energetica in atto.

Gli investimenti energetici globali nel 2022 aumenteranno dell’8%, raggiungendo i 2,4 trilioni di dollari, con l’aumento previsto principalmente nell’energia pulita. Sebbene incoraggiante, tale crescita degli investimenti è ancora lontana dall’essere sufficiente ad affrontare le molteplici dimensioni dell’odierna crisi energetica e aprire la strada verso un futuro energetico più pulito e sicuro.

È quanto prevede l’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA) nel suo Rapporto World Energy Investment 2022” che fornisce un aggiornamento completo sugli investimenti effettuati nel 2021 e le stime sulle prospettive per il 2022. Esamina come gli investitori stanno valutando i rischi e le opportunità in tutti i settori della fornitura di combustibili ed elettricità, minerali critici, efficienza, ricerca e sviluppo, in un contesto di incertezze su come si svolgeranno gli eventi nel 2022, vale a dire la guerra in corso in Ucraina, le prospettive per l’economia globale e in alcuni paesi i continui rischi per la salute pubblica derivanti dalla pandemia.

Non possiamo permetterci di ignorare né l’odierna crisi energetica globale né la crisi climatica, ma la buona notizia è che non abbiamo bisogno di scegliere tra di loro: possiamo affrontarle entrambe allo stesso tempo – ha affermato il Direttore esecutivo dell’IEA Fatih BirolUna massiccia ondata di investimenti per accelerare le transizioni di energia pulita è l’unica soluzione duratura. Questo tipo di investimento sta aumentando, ma abbiamo bisogno di un aumento molto più rapido per allentare la pressione sui consumatori a causa degli alti prezzi dei combustibili fossili, rendere i nostri sistemi energetici più sicuri e portare il mondo sulla buona strada per raggiungere i nostri obiettivi climatici“.

Nei cinque anni successivi alla firma dell’Accordo di Parigi del 2015, gli investimenti nell’energia pulita erano cresciuti solo del 2% all’anno, osserva l’Agenzia, ma dal 2020, il ritmo di crescita ha accelerato notevolmente fino al 12%. La spesa è stata sostenuta dal sostegno fiscale dei governi e aiutata dall’aumento della finanza sostenibile, soprattutto nelle economie avanzate.

Le energie rinnovabili, le reti e lo stoccaggio rappresentano ora oltre l’80% degli investimenti totali del settore energetico. La spesa per il solare fotovoltaico, le batterie e i veicoli elettrici sta ora crescendo a tassi coerenti con il raggiungimento di zero emissioni nette globali entro il 2050. Tuttavia, anche le catene di approvvigionamento stanno giocando un ruolo importante nell’aumento degli investimenti. Con quasi la metà della spesa complessiva determinata dai costi più elevati per la manodopera e fornitura di materiali come cemento, acciaio e minerali critici. Queste sfide stanno dissuadendo alcune società energetiche dal raccogliere le proprie spese più rapidamente.

Partendo da una base bassa, è in corso una rapida crescita della spesa per alcune tecnologie emergenti, in particolare batterie, idrogeno a basse emissioni e utilizzo e stoccaggio della cattura del carbonio. L’IEA prevede che gli investimenti nello stoccaggio dell’energia delle batterie raddoppieranno fino a raggiungere quasi 20 miliardi di dollari nel 2022.

Tuttavia, nonostante alcuni aspetti positivi, come l’energia solare in India, la spesa per l’energia pulita nelle economie emergenti e in via di sviluppo (Cina esclusa) rimane bloccata sui livelli del 2015, senza alcun aumento da quando è stato raggiunto l’accordo di Parigi. I fondi pubblici per sostenere una ripresa sostenibile sono scarsi, i quadri politici sono spesso deboli, le nuvole economiche si stanno accumulando e gli oneri finanziari stanno aumentando. Tutto ciò mina l’attrattività economica delle tecnologie pulite ad alta intensità di capitale. È necessario fare molto di più, anche da parte delle istituzioni internazionali per lo sviluppo, per aumentare questi livelli di investimento e colmare le divergenze regionali in aumento nel ritmo degli investimenti nella transizione energetica.

Un altro segnale di allerta è l’aumento del 10% degli investimenti nella fornitura di carbone nel 2021, guidato dalle economie emergenti in Asia, con un aumento simile che probabilmente si confermerà nel 2022. Sebbene la Cina si sia impegnata a interrompere la costruzione di centrali elettriche a carbone all’estero, una quantità significativa di nuova capacità di carbone sta entrando nel mercato interno cinese.

L’invasione russa dell’Ucraina ha fatto aumentare i prezzi dell’energia per molti consumatori e aziende in tutto il mondo, danneggiando famiglie, industrie e intere economie, in modo più grave nei paesi in via di sviluppo, dove vivono coloro che non possono permetterselo. Alcune delle immediate carenze nelle esportazioni dalla Russia devono essere colmate dalla produzione altrove, in particolare per il gas naturale, e potrebbero essere necessarie nuove infrastrutture per il GNL per facilitare la diversificazione dell’approvvigionamento lontano dalla Russia. Sebbene gli investimenti in petrolio e gas siano aumentati del 10% rispetto allo scorso anno, rimangono ben al di sotto dei livelli del 2019.

Nel complesso, la spesa odierna di petrolio e gas è intrappolata tra due visioni del futuro: è troppo alta per un percorso allineato alla limitazione del riscaldamento globale a 1,5 °C e al contempo non è sufficiente per soddisfare la crescente domanda in uno scenario in cui i governi si attengono alle impostazioni politiche attuali, senza riuscire a mantenere gli impegni sul clima.

Gli alti prezzi odierni dei combustibili fossili stanno facendo male a molte economie, ma stanno anche generando un guadagno inaspettato senza precedenti per i produttori di petrolio e gas, sottolinea l’Agenzia. Il reddito globale del settore petrolifero e del gas è destinato a salire a 4 trilioni di dollari nel 2022, più del doppio della media quinquennale, e la maggior parte andrà ai principali stati esportatori di petrolio e gas.

Questi guadagni inaspettati offrono un’opportunità unica per le economie produttrici di petrolio e gas di finanziare la tanto necessaria trasformazione delle loro economie e per le principali compagnie petrolifere e del gas di fare di più per diversificare la propria spesa. La quota di spesa delle compagnie petrolifere e del gas per l’energia pulita sta aumentando lentamente, con i progressi che ci sono trainati principalmente dalle major europee e da una manciata di altre società. Complessivamente, gli investimenti nell’energia pulita rappresentano circa il 5% della spesa in conto capitale delle società petrolifere e del gas a livello mondiale, rispetto all’1% nel 2019.

Le tecnologie per l’energia pulita richiedono una serie di minerali critici e per la prima volta il Rapporto dell’IEA sugli investimenti energetici include una revisione dettagliata delle tendenze di investimento per i minerali critici. Sono necessari investimenti più elevati e diversificati per frenare le odierne pressioni sui prezzi e creare catene di approvvigionamento di energia pulita più resilienti. La spesa mondiale per l’esplorazione è aumentata del 30% nel 2021, con l’aumento negli Stati Uniti, in Canada e in America Latina che offre la prospettiva di un’offerta più diversificata negli anni a venire.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.