14 Agosto 2022
Energia

G7: può guidare la decarbonizzazione dell’industria pesante

Un Rapporto dell’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA) predisposto per il Vertice dei Ministri Ambiente, Energia e Clima del G7 (Berlino, 25-27 maggio 2022)  rileva che il peso economico, la leadership tecnologica e le alleanze internazionali conferiscono ai Paesi del G7 un ruolo speciale nell’aprire la strada e nell’ispirare transizioni energetiche di successo nel settore cruciale dell’industria pesante.  

Le economie dei Paesi del G7 sono in una buona posizione per essere le prime a ridurre le emissioni di anidride carbonica (CO2) dell’industria pesante, aprendo la strada al resto del mondo in settore determinante per la transizione verso sistemi energetici puliti.

È quanto rileva l’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA) nel Rapporto Achieving Net Zero Heavy Industry Sectors in G7 Members”, richiesto dalla Presidenza tedesca di turno del G7 in vista del Vertice dei Ministri  Ambiente, Energia e Clima (Berlino,25-27 maggio 2022).

Il Rapporto si concentra sull’attuazione di politiche volte a ridurre drasticamente le emissioni di CO2 delle industrie pesanti nei Paesi del G7 (Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti più UE) che nell’insieme rappresentano circa il 40% dell’economia globale, il 30% della domanda di energia e il 25% delle emissioni di CO2 del sistema energetico.

Al contempo, le emissioni dirette di CO2 dell’industria pesante ammontano a circa 6 miliardi di tonnellate all’anno, più di un sesto delle emissioni totali di CO2 del sistema energetico globale. I produttori di acciaio e cemento, in particolare, devono affrontare sfide uniche per ridurre drasticamente la propria impronta di emissioni.

Secondo l’IEA che nella sua analisi si basa sul suo Rapporto fondamentale dello scorso anno “Net Zero entro il 2050”, il peso economico, la leadership tecnologica e le alleanze internazionali del G7 gli conferiscono un ruolo speciale nell’aprire la strada e nell’ispirare transizioni energetiche di successo in questi settori cruciali.  

Non c’è modo di raggiungere lo zero netto senza una drastica riduzione delle emissioni dell’industria pesante, e le economie del G7 hanno sia la responsabilità che l’opportunità di assumere un ruolo di leadership nel portare avanti questo obiettivo – ha affermato il Direttore esecutivo dell’IEA, Fatih BirolLe emissioni dell’industria pesante sono tra le più difficili da ridurre, rendenmdo essenziale che i paesi con notevoli risorse finanziarie e tecnologiche le utilizzino per aumentare le soluzioni pratiche in modo coordinato. Questo nuovo rapporto definisce passi realistici e attuabili per i membri del G7 che possono fornire un catalizzatore per il progresso globale che è urgentemente necessario”.

Il Rapporto definisce una serie di strumenti a cui i membri del G7 possono attingere e raccomanda di definire ambiziosi obiettivi di transizione energetica a lungo termine per l’industria pesante, sostenendo al contempo dimostrazioni e primi progetti commerciali attraverso finanziamenti mirati e altre misure di mitigazione dei rischi. Questi sforzi dal lato dell’offerta farebbero leva anche sugli investimenti privati ​​essenziali, afferma l’IEA.

Dal lato della domanda, il rapporto raccomanda di utilizzare contratti di carbonio per differenza, regole sugli appalti pubblici, mandati, quote e altre misure correlate per creare mercati differenziati per la produzione di acciaio e cemento con emissioni prossime allo zero che, almeno nell’immediato futuro, saranno più costose rispetto ai materiali realizzati con processi legacy.  

È importante sottolineare che il rapporto chiede anche ai governi del G7 di adottare soglie stabili, assolute e ambiziose per la produzione di materiale con emissioni prossime allo zero e propone definizioni e soglie rilevanti che il G7 dovrà adottare come punto di partenza che siano compatibili con un percorso globale verso emissioni nette zero entro il 2050. 

I membri del G7 dovrebbero collaborare con l’industria per stabilire soglie concordate, definizioni e standard di misurazione per ciò che costituisce la produzione di acciaio e cemento con emissioni prossime allo zero. Questo è essenziale per stabilire politiche e linee guida di produzione. Data l’urgenza della transizione, secondo l’IEA le economie del G7 devono stabilire meccanismi per riconoscere l’uso di tecnologie provvisorie che riducono sostanzialmente le emissioni ma non vanno abbastanza lontano per essere considerate emissioni prossime allo zero.

Per raggiungere l’obiettivo di limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5 °C, dobbiamo decarbonizzare le nostre industrie – ha sottolineato Robert Habeck, Ministro federale tedesco per gli affari economici e l’azione per il clima – Questo decennio è fondamentale per impostare i binari della neutralità climatica. Soprattutto nei settori in cui le emissioni sono elevate ma difficili da abbattere come l’acciaio e il cemento. Dobbiamo cambiare radicalmente i metodi di produzione. Il Rapporto dell’IEA ci mostra i percorsi e migliora la nostra comprensione degli strumenti e delle definizioni di cui abbiamo bisogno. Costituisce un grande passo avanti per creare congiuntamente un ambiente economico e politico internazionale che incentivi gli investimenti in impianti di produzione ecologici e a basse emissioni di carbonio. Vogliamo che il G7 sia un pioniere in questo processo”.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.