Agroalimentare Cambiamenti climatici

Parassiti delle piante: i cambiamenti climatici favoriscono la diffusione

La FAO sottolinea come i cambiamenti climatici rappresentino una sfida senza precedenti anche per la salute delle piante. Le attività umane e l’aumento della globalizzazione del mercato, insieme all’aumento delle temperature, hanno portato a una situazione favorevole al movimento e all’insediamento dei parassiti delle piante. Le 5 malattie più pericolose per la salute delle colture alimentari.

In occasione della Giornata Internazionale della salute delle Piante (12 maggio) che le Nazioni Unite proclamato quale eredità del 2020 Anno internazionale della salute delle piante, per sensibilizzare il mondo su come la tutela della salute delle piante possa contribuire a porre fine alla fame, a ridurre la povertà, a proteggere la biodiversità e l’ambiente e a promuovere lo sviluppo economico, che quest’anno ha avuto  a tema “Proteggere le piante, proteggere la vita”, la FAO ha focalizzato l’attenzione su alcune delle malattie  delle piante più invasive e in che modo i cambiamenti climatici contribuiscono alla loro diffusione.

Le piante costituiscono l’80% del nostro apporto calorico giornaliero e il 98% dell’ossigeno che respiriamo, eppure sono costantemente minacciate. Tuttavia, spesso li diamo per scontati, non rendendoci conto dell’importanza di mantenerli sani.

Ogni anno fino al 40% delle colture alimentari viene perso a causa di parassiti e malattie delle piante. Queste perdite, sia di rendimento che di reddito, hanno un effetto devastante sulle comunità più povere che basano i loro mezzi di sussistenza sull’agricoltura.

I parassiti e le malattie delle piante non conoscono confini. In un mondo altamente globalizzato e interconnesso, non sorprende che questi possano viaggiare e colonizzare nuove aree. I cambiamenti climatici stanno esacerbando questa diffusione, creando condizioni favorevoli per questi parassiti e la sopravvivenza di malattie specifiche delle piante in nuove aree. Ad esempio, i cambiamenti climatici hanno già contribuito all’espansione della gamma ospite o alla distribuzione di parassiti come il punteruolo rosso della palma (Rhynchophorus ferrugineus) il moscerino dei piccoli frutti (Drosophila suzukii) la locusta del deserto (Locusta migratoria). Un aumento dei parassiti rappresenta una minaccia significativa per l’ambiente perché i parassiti, particolarmente quelli invasivi, possono causare una grave perdita di biodiversità. Le malattie delle piante sono ugualmente devastanti, riducendo i raccolti e tagliando i redditi degli agricoltori.

Ecco di seguito 5 malattie delle piante che continuano ad essere pericolose e a minacciare la salute delle piante:

1. Peronospora delle patate
La peronospora è una malattia che attacca patate e pomodori ed è causata dal fungo Phytophthora infestans . Nei pomodori, la malattia provoca lesioni su foglie, piccioli e steli, mentre i tuberi di patata sviluppano un marciume profondo fino a 15 millimetri. Il fungo ha una grande capacità di adattarsi alle mutevoli condizioni, prediligendo le stagioni calde e umide. I cambiamenti climatici stanno creando condizioni favorevoli per questo fungo in tempi e luoghi diversi rispetto a prima. Ad esempio, in Egitto, il clima sempre più caldo e umido sta promuovendo epidemie di peronospora delle patate, consentendo all’agente patogeno di moltiplicarsi all’inizio della stagione di crescita.

2. Ruggine del caffè
Questa malattia fungina, nota anche come Hemileia vastatrix, colpisce le foglie della pianta del caffè. Inizia a presentarsi come macchie gialle e poi si trasforma in una polvere giallo-arancio che si diffonde facilmente su altre piante di caffè. Questa malattia rappresenta una delle maggiori sfide per la produzione globale di caffè perché è in grado di adattarsi ai diversi climi. Il riscaldamento globale sembra aiutare a ridurre il periodo di incubazione dell’agente patogeno, il che significa durante una stagione di crescita possono svilupparsi più generazioni.

3. Appassimento del banano
Malattia fungina letale causata dal fungo del suolo, Fusarium oxysporum TR4 che, entrando nella pianta attraverso le radici, blocca il flusso di acqua e sostanze nutritive alle cellule vegetali, devastando gradualmente le foglie. Alla fine, questa malattia porta alla morte della pianta. Le alte temperature e gli eventi ambientali estremi come i cicloni, entrambi effetti correlati ai cambiamenti climatici, possono aumentare il rischio di appassimento del banano. 

4. Xylella fastidiosa
La Xylella fastidiosa è un batterio trasmesso da diverse specie di insetti succhiatori di linfa, come le cicaline, che infettano diverse colture economicamente importanti, come vite, agrumi, olivo, mandorlo, pesco e caffè, e nelle piante ornamentali e forestali. Il batterio blocca la capacità dell’ospite di assorbire l’acqua, provocando infine una siccità interna. La Xylella è prevalente principalmente nelle Americhe, nell’Europa meridionale (specialmente negli oliveti della Puglia) e nel Vicino Oriente, ma ha il potenziale per espandersi oltre la sua attuale distribuzione. L’aumento delle popolazioni di insetti vettori potrebbe portare alla grave distribuzione di questa malattia.

5. Peronospora dell’uva
Innescata dal fungo Plasmopara viticola , la peronospora è una malattia fungina estremamente grave dell’uva che può causare pesanti perdite nei raccolti. Il patogeno attacca le parti verdi della vite, in particolare le foglie, provocando lesioni angolari, giallastre, a volte oleose tra le nervature. L’aumento della temperatura dell’aria favorisce l’insorgenza della malattia. Il rischio di gravi focolai di peronospora dell’uva aumenta poiché i cambiamenti climatici stanno alterando le temperature in molte regioni.

Una volta stabiliti, i parassiti e le malattie delle piante sono difficili da sradicare e farlo richiede molto tempo e denaro. Ecco perché adottare strategie preventive è la soluzione più efficace. Per aumentare la consapevolezza dell’importanza della salute e della protezione delle piante, la FAO e il Segretariato della Convenzione internazionale per la protezione delle piante (IPPC) hanno pubblicato la Revisione scientifica dell’impatto dei cambiamenti climatici sui parassiti delle piante, che fornisce una panoramica completa sull’impatto dei cambiamenti climatici sulla salute delle piante e contiene raccomandazioni sulle misure per prevenire i rischi.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.