28 Gennaio 2022
Cambiamenti climatici Clima Inquinamenti e bonifiche

Net-zero emissioni: quasi il 50% del PIL mondiale ha posto obiettivi al 2050

Secondo Net-zero Tracker, l’iniziativa lanciata dal think tank britannico ECIU per monitorare gli impegni dei Paesi verso l’obiettivo dell’Accordo di Parigi, i Paesi, le regioni e le città che hanno assunto o stanno per definire legislativamente l’obiettivo al 2050 o prima quasi la metà dell’economia mondiale.

Net-zero Tracker, lanciato lo scorso anno in occasione dei Climate talks dell’UNFCCC di Bonn dal think tank britannico ECIU (Energy & Climate Intelligence Unit) con l’obiettivo di monitorare la transizione dei Paesi verso l’obiettivo di zero emissioni entro la metà del secolo per conseguire l’obiettivo dell’Accordo di Parigi, ha aggiornato al 2020 la scheda valutazione (Scorboard).

Secondo quanto riportato, il passo verso la definizione di obiettivi climatici ambiziosi sta rapidamente crescendo in vari Paesi, regioni e città che hanno adottato o intendono adottare legislativamente l’obietto, coprendo circa il 49% del prodotto interno lordo (PIL) annuale globale.

Fissare un obiettivo net-zero con l’indicazione della data entro cui raggiungerlo è probabilmente l’indicatore migliore per verificare se una nazione è seriamente intenzionata a mantenere ciò che ha promesso al vertice di Parigi.

È straordinario osservare che a soli 18 mesi dal Rapporto dell’IPCC che evidenziava in modo scientifico che per avere la possibilità di mantenere il riscaldamento globale a +1,5 °C le emissioni globali di gas a effetto serra devono raggiungere lo zero netto almeno entro il 2050, nazioni, regioni e città che rappresentano praticamente la metà del PIL globale abbiano fissato obiettivi compatibili – ha affermato il Direttore dell’ECiU, Richard BlackLa maggior parte di questi obiettivi sono solo obiettivi, ma mostra comunque la rapidità con cui i responsabili politici stanno seguendo le indicazioni della scienza e, nel caso di città e regioni, decidono di agire da soli quando i loro governi nazionali rimangono inattivi”.

Sono 121 i Paesi che hanno fissato o stanno proponendo un obiettivo per ridurre le loro emissioni di carbonio allo zero netto nel 2050 o che le eventuali emissioni rimanenti sono compensate da misure come la riforestazione per raggiungere complessivamente zero emissioni.

L’elenco redatto nell’analisi dell’ECIU comprende i Paesi che hanno già conseguito l’obiettivo (Achieved), assorbendo più emissioni di quelle che producono: Bhutan e Suriname.

Quelli i cui Governi hanno legislativamente introdotto (In law) l’obiettivo: Svezia, Regno Unito, Francia, Danimarca e Nuova Zelanda.

Quelli nei quali c’è una proposta di legge in atto (Proposed legislation) : Unione europea, Spagna, Cile, Figi.

Quelli in cui è in corso una riflessione programmatica (Policy document):  Norvegia, Uruguay, Finlandia, Islanda, Germania, Svizzera, Portogallo, Costa Rica, Isole Marshall.

Quindi tutti gli altri dell’elenco, tra cui l’Italia, in cui l’obiettivo è oggetto di dibattito (Target under discussion).

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.