14 Agosto 2022
Cibo e alimentazione Malattie e cure Salute

Sedentarietà e alimentazione di bambini e adolescenti al tempo del Covid

La sedentarietà prolungata, imposta dall’emergenza di Covid-19, potrebbe indurre bambini e adolescenti ad alimentarsi in maniera eccessiva e squilibrata. Per evitare i rischi di un aumento di peso, la Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica ha elaborato dei consigli comportamentali per i genitori.

Le disposizioni per il contenimento della diffusione del Covid-19 che hanno chiuso le scuole e che limitano i movimenti e impongono il distanziamento sociale, costringono bambini e adolescenti a rimanere confinati in casa in spazi limitati rischiando di alimentarsi eccessivamente e in modo squilibrato, con la conseguenza che si ritrovino con qualche chilo di troppo quando il confinamento sarà terminato.

Il mese scorso un Rapporto congiunto OMS-Unicef-Lancet ha lanciato un allarme circa la salute dei bambini per l’incombente minaccia del degrado ecologico, dei cambiamenti climatici e delle pratiche di marketing per il consumo di cibo spazzatura (junk food) che determina sovrappeso e obesità, con le conseguenti correlazioni da adulti con malattie non trasmissibili (diabete, malattie cardio-circolatorie, tumori, ecc).

L’Istat, a sua volta, nello StudioStili di vita di bambini e ragazzi”, pubblicato il 29 ottobre 2019, i cui dati di riferimento sono relativi al biennio 2017-2018, ha evidenziato come i bambini e adolescenti italiani siano tra i più obesi in Europa, con il 25,2% di loro in sovrappeso.

Per evitare le conseguenze di una scorretta alimentazione associata ad una prolungata sedentarietà, il Gruppo di Studio Obesità Infantile della Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica (SIEDP) ha elaborato dei consigli comportamentali per i genitori.

Alimentazione
– La dieta deve essere varia e bilanciataripartita in 5 pasti giornalieri, preferendo porzioni che non siano abbondanti.
– Meglio preparare primi piatti con sughi poco elaborati, a base di verdure o di ortaggi oppure una zuppa di legumi. Come secondo piatto scegliere preferibilmente tra carni bianche, pesce, formaggi magri o latticini, affettati magri o uova. Verdura come contorno e frutta possono completare il pasto, consentendo di assumere poche calorie e fibre, e aumentare nello stesso tempo il senso di sazietà.
– Spesso la noia induce a mangiare di più e fuori pasto. Ancor di più in questi giorni bisogna evitare spuntini ipercalorici, succhi di frutta, bevande zuccherate o alcoliche. Come spezza-appetito è meglio scegliere uno yogurt magro, un paio di fette biscottate, frutta fresca, frullati di frutta e ortaggi (finocchi, carote, ravanelli, sedano, ecc.). In particolare è bene tenere pronte in frigorifero coppe di frutta tagliata a grandi pezzi e preferibilmente di vario colore.
– Infine, si raccomanda di masticare bene e di mangiare lentamente. Bere all’incirca un litro e mezzo di acqua al giorno.
– È importante mai come in questo momento seguire le norme igieniche. È sempre buona regola consumare cibi cotti, in modo tale da inattivare il virus. Tra le modalità di cottura preferire quelle a vapore, ai ferri e al forno, limitando in quest’ultimo caso l’uso dei grassi. Invece, la frutta, la verdura e gli ortaggi possono essere consumati crudi, purché ben lavati.

Attività fisica
Se da una parte in questi giorni sono da riscoprire attività culturali, come leggere, ascoltare la musica, guardare programmi educativi in televisione o fare giochi di società, queste attività inducono purtroppo alla sedentarietà. Ecco alcuni suggerimenti.
– Quando si sta seduti a leggere o davanti alla televisione, interrompere l’attività dopo 30 minuti, alzandosi e camminando per la casa. Sono efficaci anche solo 3-5 minuti di attività motoria.
– Anche se non sono in grado di sostituire uno sport, i videogiochi motori, per chi li possiede, possono contribuire in questi giorni a ridurre la sedentarietà. Meglio se fatti insieme con i fratelli o i genitori.
– L’ambiente domestico può essere modificato in modo da invogliare al movimento. Attraverso l’uso di palle di gomma, bottiglie di plastica piene di acqua da usare come pesi, birilli o racchette, piccoli cesti, cerchi e tappetini di gomma, è possibile attrezzare una palestra in casa, tale da favorire giochi di movimento spontaneo.

Usiamo questo periodo per trascorrere serenamente il tempo a casa con i nostri figli non trascurando la nostra salute

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.