30 Novembre 2022
Risorse e rifiuti Sostenibilità

RAEE: oltre 510mila tonn. recuperate nel 2021

Il Rapporto“ Gestione RAEE 2021” del Centro di Coordinamento-RAEE che riassume i risultati delle dichiarazioni annuali fatte dagli impianti iscritti all’elenco obbligatorio gestito dal Centro, evidenzia che, nonostante si sia raccolto il 6,6% in più di RAEE domestici e professionali, non si è ridotto il divario rispetto alla crescita dell’immesso di AEE dell’ultimo triennio che risulta frenato ancora una volta dalla dispersione dei rifiuti tecnologici al di fuori dei canali ufficiali, allontanandoci sempre più dagli obiettivi europei.

Il Centro di Coordinamento RAEE, il  Consorzio di natura privata, gestito e governato dai Sistemi Collettivi dei produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (AEE), sotto la supervisione del MiTE e MiSE, il cui compito è di garantire su tutto il territorio nazionale una corretta gestione dei RAEE originati dalla raccolta differenziata, assicurando che tutti i Sistemi Collettivi lavorino con modalità ed in condizioni operative omogenee, ha presentato il 19 luglio 2022 il RapportoGestione RAEE 2021. Rapporto impianti” che riassume i risultati delle dichiarazioni annuali fatte dagli impianti iscritti all’elenco gestito dal Centro di Coordinamento RAEE, in base all’articolo 34 del decreto legislativo 49/2014 che obbliga le aziende che gestiscono RAEE a comunicare al consorzio, entro il 30 aprile di ogni anno, i volumi di rifiuti tecnologici gestiti nel corso dell’anno precedente.  

Si tratta di informazioni essenziali per la filiera perché, sulla base dei dati forniti, il Centro di Coordinamento può monitorare l’andamento dell’Italia rispetto agli obiettivi di raccolta imposti dalla Direttiva europea sui RAEE 2012/19/UE a salvaguardia, tutela e miglioramento della qualità dell’ambiente e della salute umana.

Dal rapporto emerge che gli impianti hanno avviato a recupero 510.367 tonnellate di rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE), il 6,6% in più rispetto ai quantitativi dichiarati nel 2020. I dati indicati sono stati elaborati a partire dalle dichiarazioni disponibili al 30 giugno 2022.

Quasi il 77% dei volumi trattati, per la precisione il 76,9%, corrispondente a 392.347 tonnellate, proviene da nuclei domestici, con un incremento della raccolta del 6,2% rispetto al 2020. Il restante 23,1%, pari a 118.020 tonnellate, è riconducibile a RAEE di origine differente dai rifiuti tecnologici provenienti dai nuclei domestici (i cosiddetti RAEE professionali). Anche in questo caso il totale raccolto è in crescita, grazie a un incremento dell’8% rispetto al 2020.

Andamento dei RAEE provenienti da nuclei domestici

Al pari degli ultimi due anni, anche nel 2021 la dichiarazione sui RAEE provenienti dai nuclei domestici rispecchiano l’andamento migliorativo della raccolta rendicontata dai Sistemi Collettivi al CdC-RAEE, come emerge dal Rapporto 2021. Va sottolineato che da una analisi dei dati provenienti da queste due fonti, emerge come solo una quantità minima di RAEE, pari a poco meno del 3%, proviene da canali di raccolta diversi da quelli gestiti all’interno del sistema coordinato dal CdC RAEE.

Entrando nel dettaglio delle tipologie, i maggiori quantitativi di RAEE riguardano i grandi bianchi (R2) e freddo e clima (R1), mentre l’incremento maggiore (+23,8%) lo registrano TV e apparecchi con schermi (R3), determinato dall’importante incremento della raccolta che ha caratterizzato l’ultimo quadrimestre dell’anno a seguito dell’erogazione del Bonus TV.

In crescita anche i volumi delle sorgenti luminose (R5) che registrano un incremento dell’8,1% rispetto al 2020, mentre piccoli elettrodomestici ed elettronica di consumo (R4) segnano una battuta d’arresto (-5,4%), come confermato anche da quanto emerge dai dati di raccolta pubblicati dal CdC- RAEE nel Rapporto annuale 2021.

Andamento delle dichiarazioni
Gli impianti di trattamento RAEE che hanno dichiarato i volumi di rifiuti elettronici gestiti nel 2021 sono 1.058, in lieve crescita rispetto al 2020. Il calcolo comprende sia gli impianti che si occupano del trattamento per il recupero delle materie prime sia quelli che svolgono semplice attività di stoccaggio dei rifiuti in attesa dell’invio a un impianto di trattamento.

A livello geografico, le strutture sono presenti in tutta Italia seppure con una concentrazione differente a seconda delle differenti macroaree: 739 si trovano al Nord, 144 al Centro, 175 al Sud.

Di tutti gli impianti che effettuano il trattamento, 43 risultano anche accreditati al Centro di Coordinamento RAEE: hanno cioè dimostrato – grazie al superamento di un audit condotto da enti terzi qualificati dallo stesso CdC RAEE – di essere in grado di rispettare dei requisiti di adeguato trattamento ulteriori, rispetto ai vincoli già previsti dalla normativa. Questa qualifica consente di ricevere e trattare i rifiuti elettronici domestici gestiti dai Sistemi Collettivi, i consorzi senza fine di lucro a cui aderiscono i produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE) con il compito di raccogliere, ritirare e gestire i rifiuti elettronici domestici in tutta Italia.

Questi requisiti ulteriori di adeguato trattamento sono l’esito dell’Accordo previsto dal D.lgs 49/2014, siglato dal Centro di Coordinamento RAEE con le associazioni rappresentanti le aziende di trattamento (ASSORAEE, Assofermet e Assorecuperi).

Tasso di raccolta e obiettivi europei
I dati forniti dagli impianti di trattamento dei RAEE al Centro di Coordinamento consentono di monitorare l’andamento del nostro Paese rispetto ai target di raccolta fissati dall’UE. Dal 2019 il target è del 65% (rapporto tra i RAEE raccolti nell’anno di riferimento e la media delle apparecchiature elettriche ed elettroniche immesse sul mercato nel triennio precedente).

Stando ai dati resi disponibili al 30 giugno 2022, in Italia il tasso di raccolta si attesta al 34,56%, in linea con il trend di decrescita registrato dal 2019 e distante oltre 30 punti percentuali dal target europeo.

Secondo il CdC-RAEE, uno dei fattori a cui si deve ricondurre questo ritardo è la forte crescita dell’immesso di AEE nel triennio 2018-2020 la cui media si attesta a 1.476.955 tonnellate, in aumento del 13,5% rispetto al triennio precedente. A far “esplodere” i dati d’immesso degli ultimi anni hanno contribuito l’Open Scope, entrato in vigore nell’agosto 2018, che ha esteso gli obblighi dei produttori a tutte le AEE eccetto quelle esplicitamente escluse dalla Direttiva stessa, e l’aumento delle vendite di apparecchiature domestiche avvenuto nei recenti mesi di pandemia. Questo ha determinato un immediato incremento delle tipologie di apparecchiature conteggiate come immesso. Basti pensare che nel solo 2018 le dichiarazioni registrano un +44% dei volumi rispetto all’anno precedente, pari a circa 450.000 tonnellate di apparecchiature.

Se l’aumento dell’immesso è stato immediato, l’abitudine a considerare i rifiuti derivanti dalle nuove AEE come RAEE, e quindi la loro completa e corretta rendicontazione, rappresenta un processo non ancora completamente metabolizzato.

Va poi aggiunta la considerazione che a fronte di una crescita così repentina della curva dell’immesso, quella registrata dai flussi dei RAEE è molto più contenuta. È un dato di fatto che negli ultimi anni la raccolta di rifiuti tecnologici proveniente dai nuclei domestici sia cresciuta in modo costante, con un incremento del 10% dal 2019 al 2021, che si è tradotto in quasi 400mila tonnellate di rifiuti tecnologici avviati a corretto smaltimento lo scorso anno. Ciò nonostante il ritardo nella raccolta è cronico e sconta una dispersione al di fuori dei canali ufficiali con l’indubbio vantaggio offerto a chi opera in tali contesti.

Questo vale soprattutto per alcune tipologie di rifiuti ed in alcune aree del Paese: basti pensare che la raccolta di R2, che è il raggruppamento che rappresenta le maggiori quantità in peso e che rappresenta il 33% della raccolta a livello nazionale, in alcune province non raggiunge nemmeno il 10%.

Anche nel 2021 c’è stato un ulteriore incremento nella quantità di RAEE avviati a trattamento in Italia -ha dichiara Fabrizio Longoni, Direttore generale del CdC-RAEE – Nonostante il buon lavoro effettuato da tutti i soggetti che costituiscono la filiera degli operatori del sistema, il tasso di avvio al trattamento dei rifiuti tecnologici in Italia scende rispetto all’anno precedente (34,5%), e si attesta su un valore di oltre 30 punti percentuali sotto il target che la Comunità Europea ha assegnato agli stati membri. Come sempre, ricordiamo si deve riflettere su quali siano le cause di una distanza così ingente dall’obiettivo. Sul banco degli indagati sale, da protagonista, la raccolta. L’impatto negativo sui risultati è dovuto alla carenza della raccolta e alla scorretta gestione favorita anche dalla pressocché assoluta mancanza di controlli da parte degli organi preposti mirati a contrastare la gestione illegale dei RAEE. A questo dato negativo fa da contraltare il lavoro di qualità svolto dagli impianti italiani di trattamento dei RAEE che proseguono in un iter di evoluzione qualitativa di assoluto livello, a cui si accompagnano costanti investimenti in sviluppo tecnologico. Fanno invece sorridere, per non mettersi a piangere, idee bizzarre provenienti dall’ambiente politico che, prive di una base industriale e di qualsiasi prospettiva logica e di mercato, fantasticano su immaginari percorsi di industrializzazione pseudo-mineraria, senza aver contezza di cosa sia realmente necessario fare per estrarre materie prime dai RAEE. Soprattutto senza interrogarsi su quanto si raccoglie e con quanti RAEE si deve alimentare un impianto di trattamento. Concentriamoci sul necessario per lo sviluppo futuro, la raccolta, e lasciamo la fantasia al mondo dell’irrealtà”.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.