2 Dicembre 2021
Circular economy Sostenibilità

Oli usati: nel 2020 il 98% del raccolto da CONOU è stato rigenerato

Il Consorzio Nazionale degli Oli Usati (CONOU) ha presentato il Rapporto Sostenibilità 2020 da cui si evidenzia l’efficienza di gestione del Sistema che ha raggiunto il 98% di rigenerazione di quanto raccolto, confermandosi una eccellenza a livello europeo dove la media è del 60%.

Con 171mila tonnellate di olio minerale usato raccolte nel 2020, il Consorzio Nazionale degli Oli Usati (CONOU) ha raggiunto il traguardo del massimo raccoglibile nel Sistema. Dell’olio, il 98% è stato avviato a rigenerazione, generando un significativo risparmio sulla bilancia energetica del Paese e permettendo una riduzione di circa 46,7 milioni di euro sulle importazioni di greggio in Italia.

A sottolinearlo è il Rapporto di Sostenibilità 2020 del CONOU, (Consorzio Nazionale Oli Usati)redatto con il supporto di Deloitte Italia e revisionato da Ernst&Young, che è presentato il 30 settembre 2021 nel corso di un evento online.

In questi giorni di Pre-Cop26 siamo orgogliosi di poter mostrare la nostra best practice, in linea con le esigenze dei parametri da rispettare per l’Agenda 2030 – ha sottolineato il Presidente del CONOU, Riccardo PiuntiInfatti la nostra attività di gestione e avvio a riciclo dell’olio lubrificante usato, che per la sua pericolosità non può essere disperso nell’ambiente, nel 2020 ha contribuito a salvare 3,2 specie viventi e a evitare l’emissione di 78,4mila tonnellate di CO2 equivalenti“.

Secondo quanto evidenziato dal rapporto, circolarità completa, salvaguardia ambientale, lotta ai cambiamenti climatici, difesa delle specie animali e innovazione tecnologica sono gli asset strategici su cui poggia l’attività del Consorzio che, nonostante le difficoltà imposte dall’emergenza pandemica, continua ad essere riconosciuto come un’eccellenza a livello europeo, dove mediamente si recupera solo il 40% dell’olio immesso al consumo e se ne rigenera solo il 60%.

Il Rapporto di Sostenibilità del CONOU, in tempi in cui tanto si parla del fenomeno deteriore del ‘greenwashing’, si distingue grazie ad alcuni parametri come la trasparenza, raccontando tutto della filiera, dai successi alle difficoltà e alle sfide; la compliance e gli standard internazionali Gri; la correttezza dei numeri, la condivisione e la partecipazione di tutte le aziende della Filiera, a cui chiediamo non solo dati, ma anche idee, prospettive e strategie – ha aggiunto Piunti – Infine il nostro Rapporto si distingue per l’evidenza dei grandi benefici ambientali che la nostra Circolarità genera. Ogni anno ci proponiamo, con successo, di migliorarlo in ognuno di questi aspetti“.

Nel 2020 l’attività del CONOU ha consentito di salvaguardare l’ambiente con benefici per la salute umana e l’economia. Ecco di seguito i numeri degli impatti ambientali evitati:
8,4 mila tonnellate di emissioni di CO2eq evitate, con un impatto inferiore del 49% rispetto al sistema alternativo;
1 milione di tonnellate di impoverimento di carbonio nel suolo risparmiate all’anno;
34 milioni m3 di acqua risparmiata all’anno, con un impatto inferiore del 76%;
– 97% di tonnellate di clorobenzene equivalente prodotte, tossico per l’uomo e per l’ambiente, soprattutto per gli organismi acquatici.
Complessivamente, il sistema CONOU ha quindi consentito un risparmio di 3.441 anni di vita ‘sana’ all’anno. Per quanto riguarda la qualità dell’ecosistema invece, nel 2020, ha contribuito a salvare 3,2 specie viventi.

L’attività di recupero degli oli usati ha impatti positivi sul sistema Paese, soprattutto grazie alla riduzione del fabbisogno di materie prime: le 167 mila tonnellate complessivamente avviate a recupero in Italia nel 2020 hanno consentito un risparmio di circa 47 milioni di euro sulle importazioni di greggio. L’attività del Consorzio ha generato, poi, esternalità positive anche in termini economici e sociali, con un impatto economico totale pari a 67,9 milioni di euro e e impiegando 1.185 persone lungo la filiera.

La qualità dell’olio lubrificante usato, raccolto nel 2020, è stata la sfida centrale per l’efficacia della rigenerazione. Nonostante l’incremento dell’olio di provenienza industriale e da emulsioni, che ha apportato delle criticità per la presenza di inquinanti nell’olio stesso, il CONOU ha proseguito la sua attività di sensibilizzazione alla corretta gestione e stoccaggio del rifiuto, riuscendo a preservare l’integrità del ciclo degli oli usati.

Oltre a quella della qualità – ha osservato infine il Presidente del CONOU – il Consorzio affronta le sfide dell’innovazione, intesa in senso tecnologico e digitale, e della comunicazione ambientale. Il primo profilo vede il CONOU impegnato nel sostegno attento alle realtà della sua filiera, chiamata a ottimizzare le proprie performance attraverso l’aggiornamento e l’evoluzione industriale, gestionale e di processo. Allo stesso modo sarà fondamentale nel prossimo futuro, mantenere e rafforzare il dialogo con il pubblico e tutti gli stakeholder del Consorzio allo scopo di veicolare il messaggio di sensibilizzazione ambientale di cui è portavoce, ricorrendo a tutti gli strumenti più attuali e innovativi a disposizione. A partire dai canali social che rappresentano oggi uno dei principali veicoli per il confronto con le nuove generazioni“.


Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.