17 Agosto 2022
Clima Fonti fossili

Net-zero clima: gli impegni delle multinazionali si fermano al 40%

Secondo il Corporate Climate Responsability Monitor, pubblicato il 7 febbraio 2022 che ha analizzato l’integrità degli impegni net-zero clima e carbon neutral di 25 grandi aziende mondiali, in realtà si arresterebbero mediamente al 40% e si farebbe grande utilizzo di compensazioni delle emissioni di combustibili fossili con il carbonio immagazzinato in pozzi di carbonio non permanenti come le foreste o il suolo.

Gli impegni assunti sul clima da 25 delle più grandi aziende mondiali operanti in diversi settori e aree geografiche per ridurre le emissioni del 100% con affermazioni quali “zero netto” e “neutralità del carbonio”, in realtà raggiungerebbero mediamente solo un taglio del 40%.

Sono i risultati del report, pubblicato  in occasione di un evento online il 7 febbraio dal NewClimate Institute, Istituto di ricerca sui cambiamenti climatici che si adopera per l’implementazione dell’Accordo di Parigi e per il sostegno allo sviluppo sostenibile, in collaborazione con Carbon Market Watch, una Ong specializzata sulla tariffazione del carbonio, che costituisce il primo osservatorio per tenere sotto controllo che le dichiarazioni delle imprese non si trasformino in greenwashing.

Delle 25 società monitorate, il report ha trovato un solo impegno net-zero dotato di “ragionevole integrità”; 3 con “moderata”; 10 con “bassa”; i restanti 12 sono stati valutati con integrità “molto bassa”.

Ci siamo proposti di scoprire quante più buone pratiche possibili, ma siamo rimasti francamente sorpresi e delusi dall’integrità generale delle affermazioni delle aziende – ha affermato Thomas Day del NewClimate Institute, autore principale dello studio – Con l’aumento della pressione sulle aziende affinché agiscano sui cambiamenti climatici, le loro affermazioni dal suono ambizioso troppo spesso mancano di reale sostanza, il che può fuorviare sia i consumatori che le autorità di regolamentazione che sono fondamentali per guidare la loro direzione strategica. Anche le aziende che stanno facendo relativamente bene esagerano sulle azioni”.

Per la minoranza delle 25 società valutate, i loro impegni principali servono come un’utile visione a lungo termine e sono confermati da specifici obiettivi di riduzione delle emissioni a breve termine. Sebbene nessuno degli impegni abbia un alto grado di integrità nel complesso, Maersk è la società migliore, con una “ragionevole integrità”, seguito da Apple, Sony e Vodafone con una “moderata integrità”.

Tuttavia, la maggior parte delle aziende con impegni di zero emissioni nette o di neutralità di carbonio non riescono a proporre obiettivi ambiziosi. Molte promesse aziendali sono minate da piani controversi per ridurre le emissioni altrove, informazioni critiche nascoste e trucchi contabili. Nel complesso, l’analisi rileva che le promesse principali di Amazon, Deutsche Telekom, Enel, GlaxoSmithKline, Google, Hitachi, IKEA, Vale, Volkswagen e Walmart hanno una ”bassa integrità” e quelle di Accenture, BMW Group, Carrefour, CVS Health, Deutsche Post DHL, E .ON SE, JBS, Nestlé, Novartis, Saint-Gobain e Unilever hanno un’ ”integrità molto bassa”.

Le 13 aziende che hanno sostenuto con maggior pubblicità i loro impegni netti zero con impegni espliciti di riduzione delle emissioni si impegnano, in media, a ridurre le loro emissioni dell’intera catena del valore dal 2019 solo del 40%. Gli altri 12 non hanno impegni specifici di riduzione delle emissioni per il loro anno obiettivo netto zero.

Solo 3 delle 25 societàMaersk, Vodafone e Deutsche Telekom – si impegnano chiaramente a una profonda decarbonizzazione di oltre il 90% delle emissioni dell’intera catena del valore. Almeno 5 aziende ridurrebbero effettivamente le proprie emissioni solo di meno del 15%, spesso escludendo le emissioni a valle o a monte nella loro catena del valore.

Integrità degli impegni net-zero delle società

L’esclusione di fonti di emissione o segmenti di mercato è un problema comune che riduce la portata degli obiettivi. Sono 8 le aziende che escludono le emissioni a monte o a valle nella loro catena del valore, che di solito rappresentano oltre il 90% delle emissioni sotto il loro controllo. E.ON può escludere segmenti di mercato che rappresentano oltre il 40% delle sue vendite di energia; Carrefour sembra escludere le località che rappresentano oltre l’80% dei negozi a marchio Carrefour.

Anche gli approcci di compensazione stanno minando l’integrità24 aziende su 25 probabilmente faranno affidamento su crediti di compensazione, di qualità variabile. Almeno due terzi delle aziende fanno affidamento su rimozioni dalle foreste e altre attività biologiche, che possono essere facilmente annullate, ad esempio, da un incendio boschivo. Nestlé e Unilever prendono le distanze dalla pratica della compensazione a livello di società madre, ma consentono e incoraggiano i loro singoli marchi a perseguire la compensazione per vendere prodotti con etichetta carbon neutral.

Alcuni obiettivi apparentemente ambiziosi possono portare a pochissime azioni a breve termine. Potrebbe essere possibile per CVS Health raggiungere l’obiettivo di riduzione delle emissioni per il 2030 con un’azione aggiuntiva limitata, poiché l’obiettivo è confrontato con un anno base con emissioni straordinariamente elevate. GlaxoSmithKline potrebbe ritardare l’attuazione delle misure chiave di riduzione delle emissioni fino al 2028/2029, prima del suo obiettivo per il 2030.

Utilizzo di compensazioni per dichiarazioni di neutralità del carbonio e impegni net-zero.

Le pubblicità ingannevoli delle aziende hanno un impatto reale sui consumatori e sui responsabili politici – ha affermato Gilles Dufrasne di Carbon Market Watch – Siamo ingannati nel credere che queste aziende stiano intraprendendo un’azione sufficiente, quando la realtà è lontana da questo e senza regole  continuerà. Abbiamo bisogno che i governi e gli organismi di regolamentazione si facciano avanti e mettano fine a questa tendenza al greenwashing”.

Sono stati inoltre individuati esempi promettenti di leadership climatica. Google sta sviluppando strumenti innovativi per procurarsi energia rinnovabile di alta qualità in tempo reale; questo viene raccolto da altre società. Maersk e Deutsche Post stanno effettuando importanti investimenti nelle tecnologie di decarbonizzazione per i trasporti e la logistica. C’è ancora un ampio potenziale per le aziende di replicare e ampliare queste migliori pratiche emergenti. Climate Corporate Responsibility Monitor sarà pubblicato ogni anno.

Le aziende devono affrontare la realtà di un pianeta che cambia – ha aggiunto Dufrasne – Quel che sembrava accettabile dieci anni fa non è più sufficiente. Impostare obiettivi vaghi non ci porterà da nessuna parte senza un’azione reale e può essere peggio che non fare nulla se fuorvia il pubblico. I paesi hanno dimostrato che abbiamo bisogno di un nuovo inizio quando è stato adottato l’Accordo di Parigi e le aziende devono rifletterlo nelle proprie azioni“.

Sulla base dei risultati del Climate Corporate Responsibility Monitor, Carbon Market Watch ha prodotto un pacchetto di raccomandazioni politiche per promuovere una leadership aziendale verde e combattere il greenwashing. Le raccomandazioni sono state incluse in una lettera congiuntamente inviata ai responsabili politici dell’UE per esortarli ad adottarle.
Queste includono:
– I governi devono vietare oggi alle società di fare affermazioni di “zero netto” e “neutralità di carbonio”.
– Le aziende devono segnalare le riduzioni delle emissioni assolute separatamente da eventuali riduzioni delle emissioni finanziate al di fuori della loro catena del valore, anziché un unico numero aggregato-
– Le aziende devono sempre fornire ai consumatori e agli investitori un quadro completo. 
– Se le aziende compensano le loro emissioni, devono evitare il doppio conteggio delle riduzioni delle emissioni già contabilizzate da un Paese per il raggiungimento dei suoi obiettivi climatici. 
– Le aziende non dovrebbero compensare le emissioni di combustibili fossili con il carbonio immagazzinato in pozzi di carbonio non permanenti come le foreste o il suolo.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.