1 Febbraio 2023
Agenda Manifestazioni e celebrazioni Società

Giornata Mondiale dei Diritti Umani: una Campagna per un anno

In occasione della Giornata Mondiale dei Diritti Umani (10 dicembre 2022) che quest’anno ha per tema “Dignità, libertà e giustizia per tutti”, viene lanciata la omonima Campagna lunga un anno che si concluderà il 10 dicembre 2023, giorno del 75° Anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, che si propone l’obiettivo di far aumentare la consapevolezza dell’importanza di quel documento, concentrandosi sulla sua eredità, rilevanza e attivismo.

Il 10 dicembre si celebra la Giornata Mondiale dei Diritti Umani, data scelta per ricordare il giorno del 1948 in cui l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite adottò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il Documento più tradotto nel mondo, essendo disponibile in 514 lingue che ha proclamato i diritti inalienabili che ogni persona possiede in quanto essere umano, indipendentemente da razza, colore, religione, sesso, lingua, opinione politica o di altro tipo, origine nazionale o sociale, proprietà, nascita o altro status, e in cui i princìpi di uguaglianza e non discriminazione, sono princìpi cardine.

In linea con il Preambolo della Dichiarazione che considera “il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana e dei loro diritti, uguali ed inalienabili, costituisce il fondamento della libertà, della giustizia e della pace nel mondo”, lo slogan scelto per la Celebrazione di quest’anno è “Dignità, libertà e giustizia per tutti” e l’invito all’azione è #StandUp4HumanRights.

In occasione della Giornata, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani lancia la Campagna lunga un anno con lo stesso slogan, che culminerà il 10 dicembre 2023 con la celebrazione del 75° Anniversario della Dichiarazione, con lo scopo di aumentare la consapevolezza dell’importanza di quel documento, concentrandosi sulla sua eredità, rilevanza e attivismo.

La Dichiarazione universale dei diritti umani è un testo miracoloso – ha dichiarato l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, Volker TürkNel momento in cui il mondo usciva da eventi catastrofici, la Dichiarazione ha stabilito i diritti universali e ha riconosciuto l’eguale valore di ogni persona. Redatta da rappresentanti di tutto il mondo, la Dichiarazione  esprime in un linguaggio comune la nostra comune umanità, una forza unificante al centro della quale si trova la dignità umana e il dovere di curarla  che ci spetta a vicenda come esseri umani“.

Dall’adozione della Dichiarazione, i diritti umani sono stati maggiormente garantiti e riconosciuti in tutto il mondo, compresi i miglioramenti nei diritti delle donne, dei bambini e dei giovani, delle popolazioni indigene intente a proteggere e mantenere la loro terra e cultura e l’abolizione della la pena di morte in molti Paesi.

Ma la promessa della dignità e dell’uguaglianza dei diritti che era esplicita nella Dichiarazione, è sotto attacco. Il mondo sta affrontando una crisi climatica, la pandemia di COVID-19, crescenti conflitti, instabilità economica, disinformazione, ingiustizia razziale e battute d’arresto globali sui diritti delle donne. Le persone sono frustrate e hanno perso la fiducia in quella che viene vista come inerzia e irrisolutezza dei Governi e delle Istituzioni nella protezione dei diritti umani. I giovani non si sentono ascoltati, né conoscono l’esistenza della Dichiarazione.

Anche se i 30 articoli della Dichiarazione hanno innescato la trasformazione in tutte le aree della nostra vita, le braci del razzismo, della misoginia, della disuguaglianza e dell’odio continuano a minacciare il nostro mondo – ha aggiunto Türk – Il linguaggio e lo spirito della Dichiarazione hanno il potenziale per superare la divisione e la polarizzazione. Può indicare come fare pace con la natura, il nostro pianeta, e la strada verso uno sviluppo sostenibile per le generazioni future”.

L’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile sottoscritta nel settembre 2015 dai Governi dei 193 Paesi membri dell’ONU, già nel preambolo fissa l’obiettivo di “far rispettare i diritti umani per tutti” e si prefigge di creare un mondo “in cui i diritti umani e la dignità umana, lo stato di diritto, la giustizia, l’uguaglianza e la non discriminazione siano universalmente rispettati”.

I Messaggi chiave della Campagna UDHR75

Educare. Aumentare la conoscenza e la consapevolezza della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e della sua perdurante rilevanza per i nostri tempi e per il futuro, mostrando come quella Dichiarazione abbia guidato il lavoro delle Nazioni Unite per i diritti umani.
Promuovere il cambio di atteggiamento. Contrastare il crescente scetticismo e le resistenze nei confronti dei diritti umani, definendo che i diritti umani non sono mai relativi e devono essere sempre tutelati come sostenuti come ciò che unisce tutta l’umanità.
Responsabilizzare e mobilitare. Offrire conoscenze e strumenti concreti per aiutare le persone a lottare meglio per i propri diritti.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.