16 Settembre 2021
Cambiamenti climatici Mari e oceani

Corrente del Golfo rallenta: i potenziali effetti catastrofici

La Corrente del Golfo, uno degli elementi cardine per la regolazione del mite clima dell’Europa, non è mai stata così debole da oltre un millennio per effetto del riscaldamento globale che ha modificato la circolazione dell’AMOC, con potenziali aumenti del livello del mare, di tempeste estreme, di ondate di calore e di lunghi periodi di siccità estiva.

In oltre 1000 anni, la Circolazione delle acque nell’Oceano Atlantico, alla base della Corrente del Golfo, responsabile del clima mite dell’Europa, non è mai stata così debole, in gran parte a causa dei cambiamenti climatici e potrebbe causare un disastroso innalzamento del livello del mare lungo la costa orientale degli Stati Uniti.

È quel che evidenzia lo StudioCurrent Atlantic Meridional Overturning Circulation weakest in last millennium”, pubblicato su Nature Geoscience e condotto da un gruppo di ricercatori di Università irlandesi e britanniche e del Potsdam Institute for Climate Impact Research (PIK).

L’Atlantic Meridional Overturning Circulation (AMOC), noto anche come Gulf Stream System funziona come una sorta di nastro trasportatore che trasporta l’acqua calda di superficie dall’equatore verso nord e invia l’acqua fredda e a bassa salinità verso sud. Muove quasi 20 milioni di metri cubi d’acqua al secondo, quasi cento volte il flusso dell’Amazzonia, ridistribuendo e stabilizzando il calore e la salinità dell’oceano. 

Man mano che la corrente rallenta – ha dichiarato Levke Caesar, fisico del clima presso la Maynooth University in Irlanda e principale autore dello Studio – più acqua tende ad accumularsi lungo la costa orientale degli Stati Uniti, determinando un aumento del livello del mare”.

Già il Rapporto speciale sull’oceano e la criosfera in un clima che cambia (SROCC) del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) concludeva “che la circolazione ribaltante meridionale atlantica (AMOC) si è indebolita rispetto al 1850-1900“. 

Il nuovo studio fornisce ulteriori prove indipendenti per questa conclusione e la colloca in un contesto paleoclimatico a lungo termine – ha spiegato il co-autore Stefan Rahmstorf del PIK, che in precedenti studi condotti con i colleghi aveva rilevato un rallentamento della corrente oceanica di circa il 15% dalla metà del XX secolo – Ora, per la prima volta, abbiamo combinato una serie di studi precedenti e abbiamo scoperto che forniscono un quadro coerente dell’evoluzione dell’AMOC negli ultimi 1600 anni. Le conclusioni indicano che il flusso è stato relativamente stabile fino alla fine del XIX secolo. Con la fine della piccola era glaciale intorno al 1850, le correnti oceaniche hanno iniziato a diminuire, con un secondo declino più drastico successivo dalla metà del XX secolo“.

Poiché le misurazioni dirette sull’AMOC sono iniziate solo nel 2004, i ricercatori hanno applicato un approccio indiretto, utilizzando i cosiddetti dati da un vastissimo campo di risorse (proxy) sulla prospettiva a lungo termine del suo declino. I dati proxy, in quanto testimoni del passato, consistono in informazioni raccolte da archivi ambientali naturali come anelli di alberi, carote di ghiaccio, sedimenti oceanici e coralli, nonché da dati storici, ad esempio dai registri delle navi.
Abbiamo utilizzato una combinazione di tre diversi tipi di dati per ottenere informazioni sulle correnti oceaniche: modelli di temperatura nell’Oceano Atlantico, proprietà della massa d’acqua nel sottosuolo e dimensioni dei grani dei sedimenti di acque profonde, risalenti da 100 a circa 1600 anni – ha aggiunto Caesar –  Sebbene i dati proxy individuali siano imperfetti nel rappresentare l’evoluzione dell’AMOC, la loro combinazione ha rivelato un quadro solido della mutata circolazione“.

Poiché i record proxy in generale sono soggetti a incertezze, Niamh Cahill del Dipartimento di Matematica e Statistica della Maynooth University ha testato la validità dei risultati, scoprendo che in 9 degli 11 set di dati considerati, l’attuale debolezza dell’AMOC è risultata statisticamente significativa. 
Supponendo che i processi misurati nei record proxy riflettano i cambiamenti in AMOC – ha affermato lo statistico co-autore dello Studio – nonostante le diverse posizioni e scale temporali rappresentate nei dati, forniscono un’immagine coerente del suo indebolimento senza precedenti in oltre 1000 anni”.

Un rallentamento dell’AMOC è stato a lungo previsto dai modelli climatici come risposta al riscaldamento globale causato dai gas serra. Il “ribaltamento” dell’Atlantico è guidato da quella che gli scienziati chiamano convezione profonda, innescata dalle differenze nella densità dell’acqua dell’oceano: l’acqua calda e salata si sposta da sud a nord dove si raffredda e quindi diventa più densa. Quando è abbastanza pesante l’acqua affonda negli strati oceanici più profondi e rifluisce verso sud. Il riscaldamento globale disturba questo meccanismo. Lo scioglimento del ghiaccio marino artico e la fusione dei ghiacciai della Groenlandia fa entrare nelle acque dell’Atlantico settentrionale un’enorme quantità di acqua più fredda e meno salata inibendo l’affondamento e indebolendo così il flusso della Corrente del Golfo.

L’indebolimento dell’AMOC è stato anche collegato a un notevole raffreddamento dell’Atlantico settentrionale negli ultimi cento anni. Questo cosiddetto “blob freddo” è stato previsto dai modelli climatici come risultato di un indebolimento dell’AMOC, che trasporta meno calore in questa regione.

Le conseguenze del rallentamento dell’AMOC potrebbero essere molteplici per le persone che vivono su entrambe le sponde dell’Atlantico.
Il flusso superficiale verso nord dell’AMOC porta a una deviazione delle masse d’acqua a destra, lontano dalla costa orientale degli Stati Uniti – ha spiegato Caesar – Ciò è dovuto alla rotazione terrestre che devia gli oggetti in movimento come le correnti a destra nell’emisfero settentrionale e a sinistra nell’emisfero meridionale [ndr: Forza di Coriolis]Quando la corrente rallenta, questo effetto si indebolisce e più acqua può accumularsi sulla costa orientale degli Stati Uniti, portando a un aumento del livello del mare“.

In Europa, un ulteriore rallentamento dell’AMOC potrebbe implicare eventi meteorologici più estremi come un cambiamento del tracciato delle tempeste invernali provenienti dall’Atlantico di maggiore intensità. Altri studi hanno rilevato possibili conseguenze come le ondate di calore e la diminuzione delle piogge estive. 

Se continuiamo a guidare il riscaldamento globale, il Gulf Stream System si indebolirà ulteriormente – dal 34 al 45 percento entro il 2100 secondo l’ultima generazione di modelli climatici – ha concluso Rahmstorf – Questo potrebbe portarci pericolosamente vicino al punto di svolta in cui il flusso diventa instabile“.

Una rappresentazione della NASA delle correnti superficiali oceaniche in tutto il mondo, inclusa la Corrente del Golfo, che viaggia dal Golfo del Messico all’Europa occidentale (fonte: NASA / Goddard Space Flight Center).

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.