19 Gennaio 2022
Malattie e cure Salute

Vitamina D: la carenza espone a maggior rischio di mortalità da Covid-19

Uno studio di ricercatori della Northwestern University ha trovato una correlazione tra una maggiore mortalità da Covid-19 e bassi livelli di vitamina D, anche se mettono in guardia dall’assunzione incontrollata di integratori per l’ipovitaminosi D che può essere contrastata trascorrendo ore all’aria aperta e alla luce solare.

Dopo aver analizzato i dati globali della nuova pandemia di coronavirus (Covid-19), ricercatori della Northwestern University (Illinois) hanno scoperto una forte correlazione tra grave carenza di vitamina D e tassi di mortalità.

Lo studio The Possible Role of Vitamin D in Suppressing Cytokine Storm and Associated Mortality in COVID-19 Patients”, pubblicato su un server di pre-stampa come accade in questi mesi per diffondere i risultati di studi sul SARS-CoV-2 prima di essere sottoposti a peer-reviewed, ha condotto un’analisi statistica dei dati provenienti da ospedali e cliniche in Cina, Francia, Germania, Italia, Iran, Corea del Sud, Spagna, Svizzera, Regno Unito (Regno Unito) e Stati Uniti.

I ricercatori hanno notato che i pazienti di Paesi con alti tassi di mortalità da Covid-19 come Italia, Spagna e Regno Unito, avevano livelli più bassi di vitamina D rispetto a quelli che non erano così gravemente colpiti.

Ciò non significa che tutti, specialmente quelli senza una carenza nota, debbano iniziare a accumulare integratori, avvertono i ricercatori.
Pur ritenendo che sia importante che le persone sappiano che la carenza di vitamina D potrebbe avere un ruolo nella mortalità, non c’è alcun bisogno di spingere tutti all’assunzione di vitamina D –  ha dichiarato Vadim Backman, Professore di ingegneria biomedica presso la McCormick School of Engineering della Western University e coordinatore della ricerca – Solo ulteriori studi potranno confermare i risultati e spero che il nostro lavoro stimolerà l’interesse in questo settore. I dati potrebbero anche illuminare il meccanismo di mortalità, che, se dimostrato, potrebbe portare a nuovi obiettivi terapeutici”.

Backman e il suo gruppo di ricerca sono stati ispirati a esaminare i livelli di vitamina D dopo aver notato differenze inspiegabili nei tassi di mortalità COVID-19 da Paese a Paese. Alcuni hanno ipotizzato che la responsabilità della maggiore mortalità fosse da individuare nella differenza di qualità dell’assistenza sanitaria, nella distribuzione dell’età nella popolazione, nei tassi di test o nei diversi ceppi del coronavirus, ma Backman non è stato troppo convinto.

Nessuno di questi fattori sembra svolgere un ruolo significativo – ha detto Backman – Il sistema sanitario nel nord Italia è uno dei migliori al mondo. Le differenze di mortalità esistono anche se si guarda attraverso la stessa fascia d’età. E, anche se le restrizioni sui test variano davvero, le disparità nella mortalità esistono ancora anche quando abbiamo esaminato Paesi o popolazioni per le quali si applicano tassi di test simili. Invece, abbiamo visto una correlazione significativa con la carenza di vitamina D”.

Analizzando i dati dei pazienti disponibili pubblicamente da tutto il mondo, il gruppo di ricercatori ha scoperto una forte correlazione tra i livelli di vitamina D e la tempesta di citochine ovvero la condizione iperinfiammatoria causata da un sistema immunitario iperattivo, nonché una correlazione tra carenza di vitamina D e mortalità.

La tempesta di citochine può danneggiare gravemente i polmoni e portare alla sindrome da distress respiratorio acuto e alla morte nei pazienti – ha aggiunto Ali Daneshkhah, ricercatore post-dottorato presso il laboratorio di Backman, principale autore dello Studio – Questa sembra essere la causa principale della morte dei pazienti da COVID-19, non già la distruzione dei polmoni da parte del virus. Sono le complicazioni dovute all’abnorme reazione immunitaria”.

In questo quadro Backman ritiene che la vitamina D abbia un ruolo importante, non solo perché questa vitamina migliora il sistema immunitario, ma gli impedisce anche di diventare pericolosamente iperattivo. Ciò significa che avere livelli sani di vitamina D potrebbe proteggere i pazienti da gravi complicanze, compresa la morte, da Covid-19.

La nostra analisi indica che livelli adeguati di vitamina D sarebbero in grado di ridurre della metà il tasso di mortalità – ha aggiunto Backman – Non impedirà ad un paziente di contrarre il virus, ma può ridurre le complicanze e prevenire la morte di coloro che ne sono stati infettati”.

Backman ha affermato che questa correlazione potrebbe aiutare a spiegare i molti misteri che circondano il Covid-19, tra cui, per esempio, perché i bambini hanno meno probabilità di morire. Non avendo ancora un sistema immunitario completamente sviluppato, i bambini hanno minori probabilità che questa reagisca in modo eccessivo e questo potrebbe spiegare perché il loro tasso di mortalità è inferiore.

Backman avverte che le persone non dovrebbero assumere dosi eccessive di vitamina D, che potrebbero determinare effetti collaterali negativi. C’è bisogno di ulteriori ricerche per sapere come la vitamina D possa essere utilizzata nel modo più efficace per proteggere dalle complicazioni di Covid-19.

È difficile dire quale dose sia più vantaggiosa per contrastare gli effetti del Covid-19 – ha concluso Backman –Tuttavia, è chiaro che la carenza di vitamina D è dannosa e può essere facilmente risolta con un’adeguata integrazione. Questa potrebbe essere un’altra chiave per aiutare a proteggere le popolazioni vulnerabili, come i pazienti afro-americani e gli anziani, che soffrono della carenza di vitamina D“.

Questo studio corrobora l’importanza di trascorrere parte della giornata all’aria aperta e alla luce solare, visto che l’ipovitaminosi D non può essere contrastata con la dieta alimentare, anche se l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) non esclude una supplementazione di vitamina D in determinati casi, e che altri studi hanno evidenziato come la luce solare sia in grado di far decadere la virulenza del SARS-CoV-19 e le proprietà sterilizzanti delle radiazioni ultraviolette.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.