2 Dicembre 2021
Infrastrutture e mobilità Territorio e paesaggio

Trasporto sostenibile: un’azione trasformativa per gli obiettivi globali

È stato pubblicato il Rapporto interagenziale “Sustainable Transport, Sustainable Development” Documento base per le discussioni alla II Conferenza ONU sul trasporto sostenibile (Pechino, 14-16 ottobre 2021) che focalizzerà l’attenzione su opportunità, sfide e soluzioni per raggiungere in tutto il mondo il trasporto sostenibile, il cui contributo è determinante per il conseguimento degli obiettivi dell’Agenda 2030 e quelli climatici dell’Accordo di Parigi.

Le tecnologie nuove ed emergenti, dalle auto e dagli autobus elettrici alle fonti energetiche a zero emissioni di carbonio, nonché le innovazioni politiche, sono fondamentali per combattere i cambiamenti climatici, ma per essere efficaci devono garantire che le strategie per i trasporti siano vantaggiose per tutti, compresi i più poveri.

È l’assunto del nuovo RapportoSustainable Transport, Sustainable Development”, pubblicato alla vigilia della II Conferenza delle Nazioni Unite sui trasporti sostenibili (Pechino,14-16 ottobre 2021) che avviene dopo 5 anni dalla precedente e dovrà essere un momento fondamentale per i portatori di interesse di tutto il mondo per discutere di sfide e opportunità, buone pratiche e soluzioni.

Il Rapporto che costituirà quindi il Documento base delle discussioni, è stato preparato dal Dipartimento delle Nazioni Unite per gli Affari Economici e Sociali (UN-DESA), in collaborazione con le altre agenzie delle Nazioni Unite, tra cui l’Organizzazione internazionale dell’aviazione civile (ICAO), l’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO), l’Organizzazione marittima internazionale (IMO), la Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo (UNCTAD), il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP), la Commissione economica per l’Europa delle Nazioni Unite (UNECE), il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP), il Programma economico e Commissione Sociale per l’Asia e il Pacifico (UNESCAP),

Il tempo stringe sulla nostra timeline 2030 – afferma nella prefazione al Rapporto Liu Zhenmin, Sottosegretario generale per gli affari economici e sociali delle Nazioni Unite (UN-DESA), facendo esplicito riferimento alla data entro cui gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dovrebbero essere raggiunti e alla deadline entro la quale, secondo gli scienziati dell’IPCC, bisogna ridurre del 45% le emissioni globali di CO2 per non andare incontro ad altri fenomeni climatici irreversibili, oltre all’innalzamento del livello del mare che comunque proseguirà – Dopo due anni dall’inizio del Decennio di azione delle Nazioni Unite per gli SDG, dobbiamo riconoscere che è necessario un progresso accelerato simultaneo su più obiettivi e target“.

Secondo il nuovo rapporto, c’è urgente bisogno di un’azione trasformativa che acceleri la transizione al trasporto sostenibile a livello globale. Esistono soluzioni di trasporto che possono aiutare a raggiungere sia gli Obiettivi di sviluppo sostenibile che quelli concordati alla COP di Parigi, anche se senza le giuste politiche e investimenti, non porteranno il cambiamento dove è più necessario, in particolare per le persone nei Paesi in via di sviluppo.

Il mondo è fuori rotta negli sforzi per limitare il cambiamento climatico a 1,5 °C. Con il 95% dell’energia dei trasporti mondiali che proviene ancora dalla combustione di combustibili fossili, il settore dei trasporti produce un quarto di tutte le emissioni legate all’energia e, senza grandi cambiamenti, si prevede che aumenteranno.

Le crescenti emissioni e l’aumento delle temperature stanno causando eventi meteorologici più estremi, che a loro volta sono anche altamente distruttivi per i trasporti e le relative infrastrutture. E ci vorranno investimenti significativi per garantire che le infrastrutture dei trasporti siano aggiornate per diventare resilienti al clima. 

Uno studio recente ha rilevato che il costo dell’adattamento di 53 porti nella regione Asia-Pacifico potrebbe variare da 31 a 49 miliardi di dollari. Tuttavia, le stime della Banca Mondiale suggeriscono che i benefici netti complessivi dell’investimento in infrastrutture resilienti nei Paesi in via di sviluppo potrebbero ammontare a 4,2 trilioni di dollari nel corso della vita di nuova infrastruttura, con una resa di 4 dollari per ogni dollaro investito in resilienza.

Una ripresa post-pandemica a basse emissioni di carbonio potrebbe ridurre le emissioni previste al 2030 del 25%, in particolare per effetto dei cambiamenti nei settori della navigazione, dell’aviazione e nello stile vita degli individui.

Al contempo, sottolinea il Rapporto, più di 120 milioni di persone sono state spinte nella povertà estrema in tutto il mondo nel 2020 a causa della pandemia di COVID-19. Oltre un miliardo di persone non ha ancora accesso a una strada unica per ogni stagione e solo la metà circa della popolazione urbana mondiale ha un comodo accesso ai trasporti pubblici. In Africa, si stima che circa 450 milioni di persone, ovvero più del 70% della sua popolazione rurale totale, non siano ancora allacciate alle infrastrutture e ai sistemi di trasporto.

La mancanza di accesso a strade e trasporti contribuisce alla privazione in termini di accesso a cure sanitarie tempestive, istruzione, posti di lavoro e mercati per i prodotti agricoli. L’isolamento rurale danneggia in modo sproporzionato i poveri, gli anziani, le persone con disabilità, i bambini e le donne. Le donne e le ragazze possono affrontare ulteriori sfide quando ci sono preoccupazioni per la loro sicurezza fisica.

I trasporti sono particolarmente costosi per molti dei Paesi meno sviluppati del mondo, in particolare per quelli senza sbocco sul mare, e per quelli in via di sviluppo delle piccole isole. Le procedure doganali e di attraversamento delle frontiere, nonché le rotte di transito lunghe e spesso tortuose, fanno sì che, dall’ordine alla consegna, i Paesi meno sviluppati senza sbocco sul mare impieghino quasi il doppio del tempo per importare ed esportare merci rispetto ad altri e hanno un costo medio più elevato di esportazione, pari 3.444 dollari per container, rispetto ai Paesi di transito. Inoltre, i Paesi meno sviluppati senza sbocco sul mare dovrebbero costruire quasi 200.000 km di strade asfaltate e 46.000 km di ferrovie, con un costo di circa 500 miliardi di dollari, equivalente a una media di circa il 2% del PIL per un periodo di 20 anni per cogliere l’accessibilità ai trasporti nel resto del mondo.

Si stima che gli incidenti stradali diventeranno la quinta causa di morte entro il 2030, rivela UN-DESA, e gli incidenti stradali nel 2019 hanno ucciso circa 1,3 milioni di persone in tutto il mondo, delle quali il 75% erano ragazzi e uomini. Gli incidenti stradali rimangono la principale causa di morte tra i giovani di età compresa tra 15 e 29 anni in tutto il mondo.

Più della metà delle morti per incidenti stradali in tutto il mondo riguarda pedoni, ciclisti e motociclisti. Inoltre, tra i 20 ei 50 milioni di infortuni non mortali all’anno sono causati da incidenti stradali. Il tasso di mortalità era oltre 3,5 volte superiore nei Paesi a basso reddito rispetto ai Paesi ad alto reddito, nonostante i tassi più bassi di proprietà di veicoli.

Molti governi locali stanno prendendo provvedimenti per riprogettare strade e costruire più spazi pubblici pedonali e ciclabili. I dati delle regioni sviluppate mostrano che c’è stato un piccolo aumento nell’adozione di modalità attive di trasporto nelle città, in particolare l’uso della bicicletta, in risposta alla pandemia. Dal 2020, sono molte le città che hanno costruito numerose piste ciclabili.

Le nuove tecnologie innovative, afferma il Rapporto, se applicate in modo appropriato, sono la chiave per risolvere molte delle sfide per raggiungere un trasporto sostenibile. Deve essere accelerata l’implementazione di soluzioni esistenti, come veicoli a basse o zero emissioni di carbonio, sicurezza automatizzata e sistemi di trasporto intelligenti, che devono essere accompagnati dalla creazione di nuove infrastrutture per il carburante, l’energia e il digitale, inclusa, ad esempio, la ricarica ad alta velocità delle batterie, mitigando al contempo eventuali conseguenze dannose.

Leinnovazioni, guidate dalle nuove tecnologie, dall’evoluzione delle preferenze dei consumatori e dal sostegno alle politiche, stanno cambiando il panorama dei trasporti – continua Zhenmin Tuttavia, mentre hanno un enorme potenziale per accelerare la trasformazione verso la sostenibilità, corrono anche il rischio che possano rafforzare ulteriormente le disuguaglianze, imporre vincoli ai Paesi in situazioni speciali o presentare ulteriori sfide per l’ambiente”.

Continuare con approcci consueti di trasporto non consentirà di soddisfare i bruschi cambiamenti demografici previsti. Entro il 2030, il traffico passeggeri annuo supererà gli 80 trilioni di passeggeri-chilometro, un aumento del 50% rispetto alle stime del 2015, che metterà in circolazione 1,2 miliardi di auto in più entro il 2030. L’assenza di un cambiamento trasformativo verso il trasporto sostenibile, potrebbe significare un aumento delle emissioni, dell’inquinamento atmosferico e acustico e un peggioramento delle tendenze in atto in materia di sicurezza stradale.

I Governi e gli Organismi internazionali devono fornire regolamenti, politiche e incentivi per accelerare lo sviluppo e la diffusione di nuove tecnologie di trasporto, comprese le applicazioni digitali, garantendo nel contempo che nessuno venga lasciato indietro.

Il rapporto ha anche rilevato la necessità di standard e obiettivi, come l’accelerazione dell’introduzione graduale della tecnologia a basse emissioni, accompagnata da una riduzione e dall’abbandono graduale dell’implementazione di opzioni alimentate a combustibili fossili.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.