5 Febbraio 2023
Economia e finanza Società

Politiche climatiche: cambiano gli orientamenti delle persone

Secondo un team di ricercatori, le politiche climatiche potrebbero essere progettate meglio se si tenesse conto che gli orientamenti delle persone potrebbero subire modifiche proprio a seguito di tali politiche, come accaduto in passato con le campagne sui pericoli del fumo per la salute.

Secondo un team di ricercatori guidato dall’Istituto di Potsdam per la ricerca sull’impatto climatico (PIK) che ha pubblicato su Resource and Energy Economics lo Studio The economics of climate change with endogenous preferences”, le politiche rispettose del clima cambiano effettivamente il modo in cui le persone pensano a ciò che fanno. Le preferenze delle persone sono più dinamiche di quanto spesso l’economia presupponga.

Il consiglio dei ricercatori ai responsabili politici è di tenere conto del cambiamento di orientamenti delle persone quando si personalizzano politiche come le tasse sul carbonio o si costruiscono infrastrutture a basse emissioni di carbonio.

La progettazione delle politiche di mitigazione climatica si basa su modelli economici– ha affermato Linus Mattauch, ricercatore presso il PIK e l’Università di Oxford.- La nostra ricerca mostra che è possibile migliorare tali modelli per rappresentare i cambiamenti negli orientamenti che rappresentano valori e abitudini, intendendo essenzialmente cosa ti piace, cosa preferisci consumare di più e di meno. Gli economisti in genere presumono che tu sia fondamentalmente nato con un insieme fisso di valori e orientamenti che rimangono tali per tutta la vita, semplificando rispetto alla realtà. E, soprattutto, se si presume che le predilezioni rimarranno sempre le stesse, sarebbe difficile intraprendere un vero cambiamento come la transizione verso un’economia decarbonizzata“.

I cambiamenti di orientamento sono ben documentati in passato: quando gli impatti negativi sulla salute del fumo sono stati sollevati nelle campagne educative insieme agli interventi sui prezzi e ai divieti, sempre più persone hanno smesso di fumare. Tuttavia, l’economia raramente lo interpreta come un cambiamento nelle preferenze. Così le politiche climatiche possono costituire un cambiamento nel modo di vedere le cose delle persone.

Il prezzo del carbonio è indispensabile per raggiungere gli obiettivi climatici – ha osservato Nicolas  Stern, co-autore dello Studio, nonché autore del famoso Rapporto che porta il suo nome che nel 2006 metteva in guardia sui rischi per l’economia globale derivanti dai cambiamenti climatici – Tuttavia, se il prezzo del carbonio cambia le preferenze delle persone – e ci sono prove che lo fa – ciò ha delle implicazioni. Ad esempio, se i cittadini vedono i prezzi del carbonio come un’indicazione della determinazione della politica in direzioni che ritengono sensate, la risposta al prezzo del carbonio potrebbe essere migliorata“. 

Non agendo solo come consumatori, ma in quanto cittadini, gli individui svilupperanno preferenze per basse emissioni di carbonio e una determinata aliquota fiscale potrebbe ottenere una maggiore protezione ambientale.

Un altro esempio è la riprogettazione urbana – ha aggiunto Mattauch – Se un governo mette i soldi e rende le infrastrutture di una città più adatte alle biciclette, i cittadini passeranno dalla guida dell’auto all’uso dei mezzi pubblici o della bicicletta. Questo comportamento rimarrà, anche in diverse infrastrutture, portando ulteriori benefici all’ambiente e alla propria salute. Prendere in considerazione questi vantaggi può abbassare la soglia per rendere utili investimenti così grandi“.

Si potrebbe obiettare che puntare ai cambiamenti delle preferenze è qualcosa che la politica non dovrebbe fare
In generale, la nostra risposta a questa obiezione è: se la società non discute su come si formano le preferenze, rischiano di essere modellate da e a beneficio di gruppi di interesse speciale piuttosto che in modo democratico – ha concluso Mattauch – Per l’enorme sfida di ridurre drasticamente le emissioni di gas serra nel prossimo futuro, riconoscere che gli strumenti di politica climatica modificano il processo di formazione delle preferenze possono produrre politiche climatiche migliori per tutti e contribuire a far avanzare la recente raccomandazione del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC) di utilizzare misure sul lato della domanda per ridurre le emissioni di carbonio”.

Immagine di copertina: fonte Oxera, Società di consulenza economica e finanziaria leader in Europa, con sede i Gran Bretagna, che aiuta i propri clienti “a risolvere sfide complesse e a costruire strategie più solide”.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.