20 Settembre 2021
Malattie e cure Salute

Cibi fermentati: migliorano microbiota intestinale e riducono infiammazioni

Uno Studio a piccola scala condotto da ricercatori della Stanford School of Medicine che hanno confrontato gli effetti di due diete, una a base di cibi fermentati e un’altra ricca di fibre, ha rivelato che la dieta alimentare ricca di alimenti fermentati aumenta la diversità del microbiota intestinale e abbassa i marker di infiammazioni, mentre in quella ricca di fibre la diversità dei microbi intestinali è rimasta stabile e non c’è stata riduzione delle proteine infiammatorie.

Secondo ricercatori della Stanford School of Medicine, una dieta ricca di cibi fermentati migliora la diversità del microbiota intestinale e il sistema immunitario, riducendo i marker molecolari di infiammazione.

Pubblicato online il 12 luglio 2021  su Cell, una rivista scientifica sottoposta a revisione paritaria che  pubblica articoli di ricerca in un’ampia gamma di discipline nell’ambito delle scienze della vita, lo StudioGut-microbiota-targeted diets modulate human immune status” è stato condotto su 36 adulti sani ai quali sono state assegnate in modo casuale diete di 10 settimane che includeva in una cibi fermentati e nell’altra cibi ricchi di fibre, constatando che le due diete hanno avuto effetti diversi sul microbiota intestinale e sul sistema immunitario (NdR: microbioma e microbiota seppure spesso utilizzati quali sinonimi, non sono la stessa cosa. Per approfondire: Flora intestinale, microbiota e microbiomadell’ISS).

Mangiare cibi come yogurt, kefir (latte fermentato), ricotta fermentata, kimchi (verdure fermentate con spezie), bevande salate vegetali e tè kombucha (tè zuccherato, fermentato con una coltura di batteri e lieviti), ha complessivamente determinato un aumento della diversità microbica intestinale, con effetti maggiori in base alle porzioni più grandi. 
Questa è una scoperta sorprendente – ha dichiarato Justin Sonnenburg, Professore associato di Microbiologia e Immunologia presso la Stanford School of Medicine dell’Università californiana, autore senior dello Studio – Fornisce uno dei primi esempi di come un semplice cambiamento nella dieta può rimodellare in modo riproducibile il microbiota in una coorte di adulti sani“.

Inoltre, quattro tipi di cellule immunitarie hanno mostrato una minore attivazione nel gruppo con dieta ricca di cibi fermentati. Anche i livelli di 19 proteine ​​infiammatorie misurati nei campioni di sangue sono diminuiti. Una di queste proteine, l’interleuchina 6, è stata collegata a patologie come l’artrite reumatoide, il diabete di tipo 2 e lo stress cronico.

Le diete mirate al microbiota possono modificare lo stato immunitario, fornendo una strada promettente per ridurre l’infiammazione negli adulti sani – ha affermato a sua volta Christopher Gardner, Direttore degli studi sulla nutrizione presso lo Stanford Prevention Research Center e co-autore dello Studio – Questo risultato è stato coerente tra tutti i partecipanti allo studio a cui è stata assegnata una porzione maggiore di alimenti a fermentazione più alta”.

Al contrario, nessuna di queste 19 proteine ​​infiammatorie è diminuita nei partecipanti a cui è stata assegnata una dieta ricca di fibre a base di legumi, semi, cereali integrali, noci, verdure e frutta. In media, anche la diversità dei loro microbi intestinali è rimasta stabile.

Ci aspettavamo che l’alto contenuto di fibre avesse un effetto più universalmente benefico e aumentasse la diversità del microbiota – ha affermato Erica Sonnenburg, ricercatrice senior al Centro Studi per il Microbioma Umano presso la Stanford School of Medicine, anche lei tra gli autori – I dati suggeriscono che un aumento dell’assunzione di fibre da solo in un breve periodo di tempo non è sufficiente per aumentare la diversità del microbiota“.

Un ampio numero di prove ha dimostrato che la dieta modella il microbioma intestinale che, a sua volta, può influenzare il sistema immunitario e la salute generale. Secondo Gardner, la bassa diversità del microbioma è stata collegata all’obesità e al diabete: “Volevamo condurre uno studio di prova che potesse testare se il cibo mirato al microbiota potesse essere una strada per combattere l’enorme aumento delle malattie infiammatorie croniche“.

I ricercatori si sono concentrati su fibre e alimenti fermentati perché precedenti studi li avevano indicati come potenziali apportatori di benefici per la salute. Mentre le diete ricche di fibre sono state associate a tassi di mortalità più bassi, il consumo di cibi fermentati può aiutare a mantenere il peso e ridurre il rischio di diabete, cancro e malattie cardiovascolari.

I ricercatori hanno analizzato i campioni di sangue e feci raccolti durante un periodo di tre settimane prima della prova, le 10 settimane della dieta e un periodo di quattro settimane dopo la dieta, quando i partecipanti hanno potuto mangiare quel che volevano.

I risultati dipingono un quadro sfumato dell’influenza della dieta sui microbi intestinali e sullo stato immunitario. Da un lato, coloro che hanno aumentato il consumo di alimenti fermentati hanno mostrato effetti simili sulla diversità del microbioma e sui marcatori infiammatori, in linea con ricerche precedenti che mostravano che i cambiamenti a breve termine nella dieta possono alterare rapidamente il microbioma intestinale. D’altra parte, il cambiamento limitato nel microbioma all’interno del gruppo ad alto contenuto di fibre avvalora precedenti rapporti dei ricercatori su una resilienza generale del microbioma umano in brevi periodi di tempo.

Al contempo, una maggiore assunzione di fibre ha determinato la maggior presenza di carboidrati nei campioni di feci, indicando una degradazione incompleta delle fibre da parte dei microbi intestinali. Questi risultati sono coerenti con altre ricerche che suggeriscono che il microbioma delle persone che vivono nel mondo industrializzato è povero di microbi che degradano le fibre.

È possibile che un intervento più lungo avrebbe consentito al microbiota di adattarsi adeguatamente all’aumento del consumo di fibre – ha sottolineato la Sonnenburg – In alternativa, potrebbe essere necessaria l’introduzione deliberata di microbi che consumano fibre per aumentare la capacità del microbiota di abbattere i carboidrati“.

Oltre a esplorare queste possibilità, i ricercatori hanno in programma di condurre studi sui topi per studiare i meccanismi molecolari con cui le diete alterano il microbioma e riducono le proteine ​​infiammatorie. Inoltre, sono intenzionati a testare se gli alimenti ad alto contenuto di fibre e quelli fermentati assunti insieme possono influenzare il microbioma e il sistema immunitario degli esseri umani. 

Un ulteriore obiettivo è di esaminare se il consumo di alimenti fermentati riduce l’infiammazione o migliora altri indicatori di salute nei pazienti con malattie immunologiche e metaboliche, nelle donne in gravidanza e negli anziani.

Esistono molti altri modi per influenzare il microbioma con cibo e integratori – ha concluso Justin Sonnenburg – e speriamo di continuare a indagare su come diverse diete, probiotici e prebiotici influiscano sul microbioma e sulla salute in diversi gruppi“.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.