27 Maggio 2022
Società Sostenibilità

Sostenibilità ambientale: al centro dei sistemi di istruzione dell’UE

La Commissione UE ha adottato una Raccomandazione al Consiglio per sostenere gli Stati membri dell’Unione europea nel fornire agli studenti le conoscenze, le abilità e le attitudini necessarie per agire in materia di sostenibilità, cambiamento climatico e perdita di biodiversità.

La Commissione ha pubblicato il 14 gennaio 2022 la proposta di Raccomandazione del Consiglio sull’apprendimento per la sostenibilità ambientale, con l’obiettivo di aiutare gli Stati membri, le scuole, gli istituti di istruzione superiore, le organizzazioni non governative e tutti gli erogatori di istruzione a fornire ai discenti conoscenze e competenze sulla sostenibilità, sui cambiamenti climatici e sull’ambiente.

Per preparare la proposta, la Commissione ha effettuato ampie consultazioni sullo stato attuale, tra cui una pubblica consultazione svoltasi da giugno a settembre 2021, in cui il 71 % dei rispondenti ha indicato l’istruzione e la formazione come il settore più importante al riguardo, seguiti in questa scelta da enti pubblici e pubbliche amministrazioni (56 %), e dai mezzi di comunicazione (34 %). I contributi sono stati raccolti anche nel corso di seminari di consultazione online con responsabili politici, insegnanti, organizzazioni giovanili, parti sociali, ricercatori e altri organismi e organizzazioni interessati, che hanno sottolineato il ruolo essenziale dell’istruzione e della formazione nell’aiutare le persone a comprendere la sostenibilità ambientale e a prendere iniziative a suo favore.

Da un sondaggio svolto nel 2019 di Eurobarometro che ha coinvolto oltre 11.000 giovani di tutti i Paesi membri è emerso che per oltre i due terzi (67%) di loro la protezione dell’ambiente e la lotta ai cambiamenti climatici dovrebbero essere la principale priorità dell’azione dell’UE nei prossimi dieci anni.

La partecipazione dei giovani ha rivoluzionato il modo in cui consideriamo il clima e l’ambiente – ha affermato Margaritis Schinas, Vicepresidente per la Promozione dello stile di vita europeo – Attraverso i nostri programmi per i giovani, il Corpo europeo di solidarietà e DiscoverEU promuoviamo gli sforzi di sostenibilità dei nostri giovani. Si tratta di un ulteriore passo avanti verso una migliore integrazione della sostenibilità nell’istruzione“.

Con questa proposta la Commissione invita gli Stati membri a:
– offrire ai discenti di tutte le età l’accesso a un’istruzione e una formazione inclusive e di elevata qualità sui cambiamenti climatici, sulla biodiversità e sulla sostenibilità;
definire l’apprendimento per la sostenibilità ambientale come settore prioritario nelle politiche e nei programmi di istruzione e formazione al fine di sostenere e consentire il contributo del settore alla transizione verde;
incoraggiare e sostenere gli approcci alla sostenibilità che si estendono a tutte le attività di un istituto, in termini di insegnamento e apprendimento; sviluppo di visione, pianificazione e governance; partecipazione attiva di studenti e personale; gestione degli edifici e delle risorse e partenariati con comunità locali e comunità più ampie;
– mobilitare fondi nazionali e dell’UE per investimenti in infrastrutture, formazioni, strumenti e risorse sostenibili e verdi per aumentare la resilienza e la preparazione dell’istruzione e della formazione alla transizione verde.

Contestualmente alla proposta di Raccomandazione la Commissione UE ha reso disponibile GreenComp, il nuovo Quadro europeo delle competenze in materia di sostenibilità pubblicato dal Centro Comune di Ricerca (JRC) che delinea 4 aree di competenze necessarie per la transizione verde, ognuna delle quali contiene 3 specifiche competenze, tutte ugualmente importanti ed interconnesse. 
*Incardinare i valori della sostenibilità:
– valorizzare la sostenibilità;
– sostenere l’equità;
– promuovere la natura.
*Abbracciare la complessità nella sostenibilità:
– pensare in maniera sistemica;
– pensare in maniera critica;
–inquadrare il problema.
*Immaginare un futuro sostenibile:
– sviluppare il senso del futuro;
– adattarsi;
– migliorare il pensiero creativo.
*Agire per la sostenibilità:
– sia a livello politico;
– sia collettivamente;
– sia individualmente.

In tutta l’Europa si sta compiendo un enorme lavoro per aiutare i bambini, i giovani e gli adulti a informarsi sui cambiamenti climatici, sulla perdita di biodiversità e sulla sostenibilità – ha dichiarato Mariya Gabriel, Commissaria UE per l’Innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione e i giovani – Il nostro obiettivo è sfruttare questi sforzi e lavorare in stretta collaborazione con gli Stati membri per porre la sostenibilità al centro dei sistemi di istruzione e formazione. Tutti i discenti, fin dalla più tenera età, hanno bisogno di opportunità per comprendere che cos’è la sostenibilità ambientale e prendere iniziative a suo favore, per proteggere il nostro pianeta e il nostro futuro“.

La Commissione offrirà inoltre opportunità di formazione e comunità di pratica agli educatori attraverso la Piattaforma School Education Gateway” e eTwinnig. Inoltre, attraverso il Portale Spazio Europeo dell’Istruzione è possibile accedere facilmente alle informazioni sull’istruzione e sulla formazione nell’UE, comprese informazioni specifiche sull’istruzione verde.

Ora la proposta della Commissione, come avvenuto per la Raccomandazione sull’Apprendimento misto dello scorso agosto, sarà discussa in seno al Consiglio e in seguito adottata dai Ministri dell’Istruzione dei Paesi membri. La Commissione sosterrà l’attuazione della raccomandazione attraverso l’apprendimento e gli scambi tra gli Stati membri, le parti interessate e i Paesi partner.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.