2 Dicembre 2021
Cambiamenti climatici Inquinamenti e bonifiche

Gas serra in atmosfera: non c’è più tempo da perdere

L’Organizzazione Meteorologica Mondiale (WMO) ha appena diffuso il suo ultimo   Bollettino annuale sui gas serra, che costituisce la verifica scientifica delle azioni e misure degli impegni dell’Accordo di Parigi, da cui emerge che il calore intrappolato nell’atmosfera ha raggiunto ancora una volta un nuovo record lo scorso anno, nonostante le interruzioni delle attività correlate al Covid-19, con un tasso di incremento annuo superiore alla media 2011-2020, tendenza sta proseguendo nel 2021.

A pochi giorni dall’inizio della Conferenza delle Parti della Convenzione delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (UNFCCC-COP26) di Glasgow (31 ottobre -12 novembre 2021), il Greenhouse Gas Bulletin 2021, pubblicato oggi (25 ottobre 2021) della World Meteorological Organization (WMO), costituisce assieme all’Emissions Gap Report dell’UNEP (la pubblicazione è prevista il 26 ottobre 2021) la relazione scientifica di verifica delle azioni e misure degli impegni presi a Parigi (2015) per mantenere alla fine del secolo l’aumento della temperatura globale al di sotto dei 2 °C e di fare tutti gli sforzi possibili per contenerlo a 1,5 °C.

La concentrazione di anidride carbonica (CO2), il principale gas ad effetto serra, ha raggiunto 413,2 parti per milione nel 2020 ed è al 149% del livello pre-industriale. Il metano (CH4) è al 262% e il protossido di azoto (N2O) al 123% dei livelli nel 1750 quando le attività umane iniziarono a disturbare l’equilibrio naturale della Terra. Il rallentamento economico del COVID-19 non ha avuto alcun impatto percepibile sui livelli atmosferici dei gas serra e sui loro tassi di crescita, sebbene si sia verificato un calo temporaneo delle nuove emissioni.

Finché le emissioni continueranno, la temperatura globale continuerà ad aumentare. Dal momento che la CO2 persiste a lungo in atmosfera, l’aumento di temperatura già osservato persisterà per diversi decenni anche se le emissioni si ridurranno rapidamente allo zero netto. Oltre all’aumento delle temperature, avremo maggiori eventi meteorologici estremi, tra cui ondate di calore e precipitazioni intense, scioglimento dei ghiacci, aumento del livello del mare e acidificazione degli oceani, accompagnati da impatti socioeconomici di vasta portata.

Circa la metà della CO2 emessa dalle attività umane oggi rimane nell’atmosfera, l’atra metà è stoccata dagli oceani e dagli ecosistemi terrestri. Il Bollettino ha segnalato la preoccupazione che la capacità degli ecosistemi terrestri e degli oceani di fungere da “pozzi” possa diventare meno efficace in futuro, riducendo così la loro capacità di assorbire l’anidride carbonica e agire da cuscinetto contro un maggiore aumento della temperatura.

Il Bollettino, basandosi sulla rete di monitoraggio del Global Atmosphere Watch della WMO, mostra, inoltre, che dal 1990 al 2020, il forzante radiativo – l’effetto di riscaldamento sul nostro clima – dei gas serra a lunga vita è aumentato del 47%, con la CO2 che rappresenta circa l’80% di questo aumento. 

Il Greenhouse Gas Bulletin contiene un chiaro messaggio scientifico per i negoziatori della COP26 sui cambiamenti climatici – ha affermato il Segretario generale della WMO, Petteri TaalasAll’attuale tasso di aumento delle concentrazioni di gas serra, entro la fine di questo secolo assisteremo a un aumento della temperatura di gran lunga superiore agli obiettivi dell’Accordo di Parigi da 1,5 a 2 °C al di sopra dei livelli preindustriali. Siamo molto fuori strada. La quantità di CO2 nell’atmosfera ha superato il traguardo di 400 parti per milione nel 2015. E solo cinque anni dopo, ha superato le 413 ppm. Questo è più di una semplice formula chimica e di cifre su un grafico. Ha importanti ripercussioni negative per la nostra vita quotidiana e il nostro benessere, per lo stato del nostro pianeta e per il futuro dei nostri figli e nipoti“.

L’anidride carbonica rimane nell’atmosfera per secoli e nell’oceano ancora più a lungo – ha proseguito Taalas – L’ultima volta che la Terra ha sperimentato una concentrazione simile di CO2 è stato 3-5 milioni di anni fa, quando la temperatura era di 2-3 °C più calda e il livello del mare era di 10-20 metri più alto di quello attuale. Ma allora non c’erano 7,8 miliardi di persone, Molti paesi stanno ora fissando obiettivi carbon neutral e si spera che la COP26 evidenzi uno straordinario aumento degli impegni. Dobbiamo trasformare il nostro impegno in azioni che avranno un impatto sui gas che guidano il cambiamento climatico. Dobbiamo trasformare i nostri sistemi industriali, energetici e di trasporto e l’intero stile di vita. Le modifiche necessarie sono economicamente accessibili e tecnicamente possibili. Non c’è tempo da perdere”.

Contributi dei più importanti gas a lungo tempo di residenza in atmosfera ( LLGHG) all’aumento del forzante radiativo globale dovuto a questi gas emessi dall’era  preindustriale (1750) al 2020. (Fonte: NOAA)

Di seguito gli aspetti salienti che emergono dal Greenhouse Gas Bulletin 2021.

Serbatoi di carbonio
Circa la metà della CO2 emessa dalle attività umane oggi rimane nell’atmosfera. L’altra metà è occupata dagli oceani e dagli ecosistemi terrestri. La parte di CO2 che rimane in atmosfera, è un importante indicatore dell’equilibrio tra fonti e serbatoi, e cambia di anno in anno a causa della variabilità naturale.

I serbatoi di CO2 terrestri e oceanici sono aumentati proporzionalmente all’aumento delle emissioni negli ultimi 60 anni. Ma questi processi di assorbimento sono sensibili ai cambiamenti climatici e all’uso del suolo. I cambiamenti nell’efficacia dei serbatoi di carbonio avrebbero forti implicazioni per il raggiungimento degli obiettivi dell’Accordo di Parigi (2015) e richiederanno adeguamenti nei tempi e/o nell’entità degli impegni di riduzione delle emissioni.

I cambiamenti climatici in corso e i relativi feedback, come siccità più frequenti e il connesso aumento e intensificazione degli incendi boschivi, potrebbero ridurre l’assorbimento di CO2 da parte degli ecosistemi terrestri. Tali cambiamenti stanno già avvenendo e il Bollettino fornisce un esempio di transizione della parte dell’Amazzonia che da pozzo a fonte di carbonio. Anche l’assorbimento dell’oceano potrebbe ridursi a causa delle temperature più elevate della superficie del mare, della diminuzione del pH dovuta all’assorbimento di CO2 e del rallentamento della circolazione oceanica meridionale a causa dell’aumento dello scioglimento del ghiaccio marino. Informazioni tempestive e accurate sui cambiamenti sono fondamentali per rilevare cambiamenti futuri nel bilancio fonte/serbatoio questi sono monitorati dalle reti Global Atmosphere Watch.

L’anidride carbonica è il singolo gas serra più importante nell’atmosfera, rappresentando circa il 66% dell’effetto di riscaldamento sul clima, principalmente a causa della combustione di combustibili fossili e della produzione di cemento. Le concentrazioni medie globali di CO2 raggiunto un nuovo massimo di 413,2 ppm nel 2020, anche se l’aumento di CO2 dal 2019 al 2020 è stato leggermente inferiore rispetto a quello dal 2018 al 2019, ma superiore al tasso di crescita medio annuo nell’ultimo decennio. Questo nonostante il calo di circa il 5,6% delle emissioni di CO2 da combustibili fossili nel 2020 a causa delle restrizioni COVID-19.

I dati delle stazioni di monitoraggio mostrano chiaramente che i livelli di CO2 hanno continuato ad aumentare nel 2021. A luglio 2021, la concentrazione di CO2 a Mauna Loa (Hawaii, USA) e Cape Grim (Tasmania, Australia) ha raggiunto rispettivamente 416,96 ppm e 412,1 ppm, rispetto a 414,62 ppm e 410,03 ppm a luglio 2020.

Il metano è un potente gas serra che rimane nell’atmosfera per circa un decennio. Secondo la NOOA (National Oceanic and Atmospheric Administration) degli Stati Uniti, il metano rappresenta circa il 16% dell’effetto di riscaldamento dei gas serra di lunga durata. Circa il 40% del metano viene emesso nell’atmosfera da fonti naturali (ad esempio zone umide e termiti) e circa il 60% proviene da fonti antropiche (ad allevamenti di ruminanti, risicoltura, sfruttamento di combustibili fossili, discariche e combustione di biomasse).

L’aumento dal 2019 al 2020 è stato superiore a quello dal 2018 al 2019 e anche superiore al tasso di crescita medio annuo dell’ultimo decennio. La riduzione del metano atmosferico a breve termine potrebbe supportare il raggiungimento dell’Accordo di Parigi e aiutare a raggiungere molti obiettivi di sviluppo sostenibile grazie ai molteplici benefici della mitigazione del metano. Ma ciò non riduce la necessità di riduzioni forti, rapide e durature di CO2.

Il protossido d’azoto è sia un potente gas serra che una sostanza chimica che riduce l’ozono. Rappresenta circa il 7% del forzante radiativo dei gas serra di lunga durata e viene emesso nell’atmosfera sia da fonti naturali (circa il 60%) che da fonti antropogeniche (circa il 40%), inclusi oceani, suoli, combustione di biomasse, uso di fertilizzanti e vari processi industriali. La frazione molare di N2O mediata a livello globale nel 2020 ha raggiunto 333,2 ppb, con un aumento di 1,2 ppb rispetto al 2019. L’aumento annuale dal 2019 al 2020 è stato superiore all’aumento dal 2018 al 2019 e anche superiore al tasso di crescita medio negli ultimi 10 anni (0,99 ppb all’anno).

Le emissioni globali di N2O indotte dall’uomo, che sono dominate dall’aggiunta di azoto ai terreni coltivati, sono aumentate del 30% negli ultimi quattro decenni. L’agricoltura, a causa dell’uso di fertilizzanti azotati e letame, contribuisce al 70% di tutte le emissioni di N2O di origine antropica. Questo aumento è stato il principale responsabile della crescita del carico atmosferico di N2O.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.