27 Maggio 2022
Circular economy Sostenibilità

Cartone: può essere riciclato più di 25 volte

Uno Studio indipendente commissionato da Pro Carton, l’Associazione europea dei produttori di cartone e cartoncino, ha rilevato che il materiale relativo agli imballaggi in fibra, ovvero carta, cartoncino, cartone e scatole pieghevoli, può essere riciclato più di 25 volte senza perdere quasi mai integrità.

Pro Carton, l ‘Associazione europea dei produttori di cartone e cartoncino, il cui principale pbiettivo è la promozione di imballaggi in cartone quale soluzione economica ed ecologica presso i proprietari di marchi, il commercio, i designer, i media e i policy maker, ha commissione all’Università di Tecnologia (TU) di Graz (Austria) uno Studio https://www.procarton.com/wp-content/uploads/2022/01/25-Loops-Study-English-v3.pdf  per comprendere i possibili effetti sulle caratteristiche meccaniche degli imballaggi in fibra ovvero carta, cartoncino, cartone e scatole pieghevoli, comprese la durevolezza e la resistenza alla compressione tipiche del materiale.

Durante la fase di ricerca non è stato dimostrato alcun effetto negativo sulle caratteristiche meccaniche in questione – si legge –  Nessuna tendenza negativa di rigonfiamento della fibra, inoltre, è stata dimostrata” inoltre, che non vi è alcuna tendenza negativa”.

Il materiale non ha perso integrità dopo essere stato riciclato per 25 volte.
In merito alle proprietà meccaniche, non abbiamo riscontrato quasi alcun effetto – ha ribadito Rene Eckhart , Scienziato senior presso la TU di Graz.- Non direi nemmeno che 25 volte si il limite di riciclaggio”.

I risultati hanno decisamente sfatato il mito secondo il quale gli imballaggi in fibra possono essere riciclati solo 4-7 volte prima di perdere la loro integrità – ha dichiarato Winfried Muehling, Direttore generale di  Pro Carton – Inoltre, evidenziano che le fibre in carta e cartone sono molto più resistenti di quanto precedentemente pensato”.  

Inoltre, lo studio evidenzia il determinante contributo all’economia circolare e il ruolo svolto nel miglioramento dell’impegno relativo alla sostenibilità da parte di aziende e brand. In Europa, l’attuale tasso di riciclaggio di imballaggi in carta e cartone è pari a circa l’84,2%1 e l’industria europea della carta si è prefissata di raggiungere un tasso del 90% entro il 2030. Peraltro, il cartone è biodegradabile, un processo comunemente definito come “riciclaggio organico”.

Per mantenere un modello di business circolare, è sempre necessario avere una corretta combinazione di fibre vergini e di recupero – ha aggiunto MuehlingAlcuni clienti hanno requisiti specifici relativi ai prodotti, permettendo solo l’utilizzo di fibre vergini, come, ad esempio, le confezioni per il contatto diretto con alimenti umidi o grassi come il cioccolato. Altri esempi includono le confezioni lussuose con requisiti specifici relativi alla ‘bianchezza’ o alla ‘rigidità’ del materiale che necessitano sicuramente di fibre vergini. Per la nostra industria è fondamentale raccogliere, smistare e riciclare tutti i materiali in fibra presenti sul mercato. Le fibre vergini e di recupero sono egualmente importanti per l’economia circolare, un concetto che molti dei nostri brand e rivenditori stanno cercando di sostenere”.

Distribuzione della lunghezza della fibra ponderata in base alla lunghezza della materia prima, prima della classificazione (rosso), dopo la cernita e dopo i singoli cicli di riciclo. Il dettaglio mostra l’area di materiale molto fine (200-400 µm).

 “I risultati – conclude il report – mostrano che le scatole pieghevoli costituiscono una soluzione di imballaggio altamente sostenibile, che può essere riciclata un numero qualsiasi di volte e i cui cicli sono limitati essenzialmente dal tasso di raccolta della carta da macero e dalle perdite che si verificano durante la pulizia del materiale”.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.