18 Agosto 2022
Agenda Manifestazioni e celebrazioni

Giornata contro la violenza sulle donne: 25 novembre 2018

La Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

La Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, che si celebra in tutto il mondo il 25 novembre, costituisce un’occasione di riflessione, dibattito e impegno sul tema, per azioni concrete di contrasto agli atti di violenza e di maltrattamenti di cui le donne sono vittime. La data segna anche l’inizio di 16 giorni di “attivismo” che si concluderanno il 10 dicembre “Giornata dei Diritti umani” al motto di “Orange the World: #HearMeToo”.

 Il 25 novembre 2018 è Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne (International Day for the Elimination of Violence against Women), adottata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite con risoluzione del 17 dicembre 1999, che ha definito violenza contro le donne qualsiasi atto di violenza di genere che si traduca, o che possa comportare come risultato, un danno o una sofferenza fisica e psicologica per le donne, comprese le minacce di tali atti, la coercizione o la privazione arbitraria della libertà, che si verifichi nella vita pubblica o privata”.

La data del 25 novembre fu adottata, ufficializzando di fatto quella che era stata scelta da un gruppo di donne attiviste che, riunitesi nell’Incontro Femminista Latino-americano e dei Carabi (Bogotà, 1981), avevano voluto ricordare il giorno del brutale assassinio nel 1960 delle 3 sorelle Mirabal, tenaci oppositrici del regime di Rafael Leónidas Trujillo, il dittatore che tenne la Repubblica Dominicana nell’arretratezza e nel caos per oltre 30 anni.

La Giornata rappresenta un momento di riflessione, di dibattito e di impegno sul tema, per azioni concrete di contrasto agli atti di violenza e di maltrattamenti di cui le donne sono vittime in tutto il mondo.

Il 25 novembre è anche l’Orange Day della Campagna dell’ONU “Say NO – UniTE”, che come le precedenti edizioni, segna la data del lancio di 16 giorni di attivismo che si concluderà il 10 dicembre 2018 Giornata per i Diritti Umani”, proprio per sottolineare il fatto che la violenza contro le donne è una vera e propria violazione dei diritti umani.

Il tema del 2018 è  “Orange the World: #HearMeToo”, con una serie di eventi pubblici programmati e coordinati in tutto il mondo, tra cui la colorazione “orange” che assumeranno i principali punti di riferimento pubblico e gli edifici iconici per ricordare la necessità di un futuro senza violenza.

L’attività prevede anche la condivisione sui più diffusi social network di scatti fotografici che riprendono persone che indossano indumenti di colore arancione, utilizzando gli hashtag: #OrangeUrWorld, #OrangeTheWorld, #HearMeToo, #EndVAW.

I dati sul fenomeno della violenza sulle donne sono allarmanti:
– una donna o ragazza su 3 subisce violenza fisica o sessuale durante la propria vita, più frequentemente da un partner intimo;
– solo il 52% delle donne sposate o accompagnate prende liberamente le proprie decisioni in merito a rapporti sessuali, uso di contraccettivi e assistenza sanitaria (vedi Il Rapporto dell’UNFPA (Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione) “Stato della Popolazione nel Mondo 2018”;
– in tutto il mondo, quasi 750 milioni di donne e ragazze che sono attualmente in vita si sono sposate prima del loro diciottesimo compleanno; mentre 200 milioni di donne e ragazze hanno subito mutilazioni genitali femminili;
– una su 2 donne uccise in tutto il mondo è stata uccisa dal partner e familiari nel 2012; mentre solo un uomo su 20 è stato ucciso in circostanze simili;
– il 71% di tutte le vittime della tratta di esseri umani nel mondo è costituito da donne e ragazze e 3 su 4 di queste sono sessualmente sfruttate;
– la violenza contro le donne è una grave causa di morte e invalidità delle donne in età riproduttiva come il cancro ed è una causa maggiore di cattive condizioni di salute rispetto agli incidenti stradali e alla malaria messi insieme.

Per quanto riguarda l’Italia, un quadro complessivo e articolato sulla violenza contro le donne è emerso soltanto a partire dai dati dell’indagine sulla violenza,  denominata “Indagine sulla sicurezza delle donne”, condotta dall’Istat nel 2006 e nel 2014, e proprio per l’occasione l’Istituto ha deciso di rendere disponibile sul proprio sito www.istat.it, a partire dalle ore 12 del 23 novembre 2018, nuovi contenuti e un nuovo strumento per l’accesso ai dati. In particolare:
– i dati statistici inediti provenienti dalla rilevazione sui servizi e le prestazioni offerte dai Centri antiviolenza e approfondimenti sulle chiamate ricevute dal numero verde contro la violenza e lo stalking-1522;
– un’infografica che sintetizza i risultati dell’indagine sui centri antiviolenza;
– un datawarehouse dedicato alla violenza sulle donne (violenzasulledonne.Stat), popolato allo stato attuale con i dati del percorso giudiziario (denunce, vittime, autori di reati di genere, procedimenti e condanne).

 

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.