7 Dicembre 2022
Biodiversità e conservazione Flora Friuli Venezia Giulia Lombardia Trentino Alto Adige Veneto

Foreste: Italia in ritardo nella pianificazione e gestione sostenibile  

Il Rapporto Foreste 2022 di Legambiente, presentato al Forum “La Bioeconomia delle Foreste” il 27 ottobre 2022, a 4 anni dalla tempesta Vaia che ha devastato il patrimonio boschivo di 4 regioni italiane, lancia una serie di proposte per salvaguardare, conservare e rigenerare il patrimonio forestale d’Italia, sottoposto costantemente a una serie di rischi.

L’Italia è in forte ritardo nella pianificazione e gestione forestale sostenibile e nella valorizzazione delle filiere forestali Made in Italy: solo il 18% è sottoposto a pianificazione, appena l’8% è interessato da certificazione.

Lo evidenzia il Rapporto  “La Bioeconomia delle Foreste: conservare, ricostruire, rigenerare”, di Legambiente e presentato al V Forum Nazionale sulla Gestione Forestale Sostenibile, svoltosi a Roma e in diretta streaming, nel 4° anniversario della tempesta Vaia. A fine ottobre 2018 quattro regioni italiane (Lombardia, Trentino – Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia) furono colpite da una tempesta di eccezionale violenza che ha raso al suolo in pochi minuti 41.000 ettari di boschi, 16 milioni di alberi, 8,7 milioni di m3 di legno, e che continua a produrre ulteriori danni al patrimonio boschivo dei territori colpiti rimasto in piedi, per effetto della proliferazione del bostrico, un coleottero che si riproduce nel legno malato o già morto, ad esempio alberi caduti, ma che poi colpisce anche gli alberi sani, comportando addirittura la morte di  intere foreste.

Secondo il Rapporto, solo il 18% del territorio forestale è sottoposto a pianificazione e appena il 9% dispone della certificazione. L’Italia è tra i maggiori importatori di legname e semilavorati per oltre l’80% del fabbisogno nazionale, un commercio che non ha eguali in Europa, con un impatto ecologico ed emissioni in altri Paesi, e che a livello globale è al centro di traffici illegali e deforestazione con un fatturato inferiore solo al traffico di stupefacenti.

Per colmare questi ritardi, secondo l’associazione ambientalista è necessario agire subito, accelerando in primis nell’applicazione della Strategia nazionale forestale, promuovendo la nascita di un Cluster Legno Nazionale per rafforzare il Made in Italy e aumentando la produzione interna di prodotti forestali di qualità per ridurre la dipendenza dall’estero e contribuire in tal modo alla decarbonizzazione. Le foreste sono un patrimonio ambientale che potrebbe giocare un ruolo diverso nel comparto del legno arredo, seconda manifattura del Paese la cui filiera del riciclo post-consumo vale oggi circa due miliardi di euro e oltre 11 mila posti di lavoro.

“Lo scorso marzo è stata approvata la Strategia forestale nazionale che è il fondamento su cui imprimere una svolta per gestire in maniera sostenibile il nostro patrimonio boschivo – ha dichiarato Stefano Ciafani, Presidente  nazionale di Legambiente Un patrimonio che non è soltanto il principale serbatoio naturale di carbonio di cui disponiamo, ma anche generatore di un valore sociale ed economico da capitalizzare tramite una pianificazione adeguata. Occorre però che la Strategia sia attuata velocemente per raggiungere i target al 2030 di aumento della capacità di assorbimento della CO2 di superfici e suoli forestali e di rafforzamento della bioeconomia circolare, rendendo trasparenti il settore e le filiere produttive. Il Next Generation EU, la Strategia dell’UE per le foreste, il clima e la biodiversità e le politiche comunitarie per l’agricoltura, d’altra parte, ci offrono l’opportunità di valorizzare sia i boschi che le filiere forestali”.

Dati sui rischi per le foreste
Al Forum sono stati valutati i rischi per le foreste italiane che ospitano quasi la metà delle specie animali e vegetali di tutta Europa e una variegata biodiversità forestale, con specie legnose endemicheL’ammontare complessivo di carbonio immagazzinato negli ecosistemi forestali italiani è inoltre pari a 1,24 Gt (miliardi di tonnellate).

Calamità naturali ed eventi climatici estremi sono sempre più frequenti e hanno reso le foreste italiane più fragili, vulnerabili e meno resilienti. Minacce che, secondo Legambiente, possono portare a conseguenze devastanti per la sopravvivenza e l’efficienza di particolari ecosistemi forestali, ma anche per il loro valore economico e sociale. Dall’analisi dei dati dell’ultimo aggiornamento dell’Inventario nazionale delle foreste e dei serbatoi forestali di carbonio (INFC), si evidenzia come il 4,3% dei nostri boschi sia interessato da danni più o meno evidenti su una porzione della copertura superiore al 30%, dato su cui hanno inciso sia gli incendi devastanti (dal 2017 al 2021) che la tempesta Vaia del 2018.

Le principali cause di danno sono fitopatie causate da insetti, funghi, batteri, micoplasmi e virus (33,8% della superficie del bosco con danni su almeno il 30% della copertura), eventi climatici estremi quali tempeste di vento, alluvioni, nevicate molto abbondanti (26,5%) e incendi del soprassuolo e del sottobosco (rispettivamente 20,7% e 1,9%). Questi dati ufficiali, però, non tengono conto della poca trasparenza della filiera burocratica che sovraintende il sistema delle autorizzazioni per l’utilizzo produttivo del nostro patrimonio boschivo che, per un inefficiente sistema di raccolta dei dati sulle autorizzazioni ai tagli, non è in grado di garantire un conseguente sistema di controlli e verifiche legali.

Le proposte di Legambiente
Per superare i ritardi e raggiungere con immediatezza gli obiettivi previsti, Legambiente propone:
– un incremento della diversità forestale per frenare gli effetti del climate change;
– più boschi con popolamenti maturi e senescenti e la costituzione della rete delle foreste primarie e vetuste, con l’obiettivo di tutelare il 30% del territorio, destinare a riserva integrale il 10% delle foreste e realizzare hot-spot di biodiversità forestale;
– un incremento di monitoraggio, ricerca e conoscenza degli ecosistemi forestali;
– prevenzione dei rischi naturali e riduzione delle minacce per le foreste, attraverso un sistema di prevenzione multirischio e un efficace sistema d’intervento di protezione civile in ambito forestale;
– foreste urbane per rigenerare le città e combattere la crisi climatica; 
pianificazione forestale obbligatoria e certificazione;
più legno nei processi produttivi e uso a cascata per fini energetici, promuovendo l’utilizzo di materiali di origine forestale in sostituzione di materiali di origine fossile e il cemento nel settore delle costruzioni;
– un uso della biomassa forestale per produrre energia rinnovabile
– bioeconomia circolare, biodiversità e infrastrutture verdi, destinando in particolare risorse ordinarie per il settore forestale a investimenti e agevolazioni per giovani imprese che investono in green jobs e a bonus fiscali per il ripristino degli ecosistemi;
– la definizione di una strategia di contrasto a commercio illegale e deforestazione.

Gli ecosistemi forestali sono essenziali per ridurre i rischi e mitigare le minacce della crisi climatica, sono un patrimonio strategico per il raggiungimento della neutralità climatica al 2050, per la salvaguardia della biodiversità e dei territori e per il potenziamento delle filiere made in Italy a esso connesse – ha spiegato Antonio Nicoletti, Responsabile aree protette di Legambiente – Per questo è fondamentale una gestione sostenibile e responsabile, ma soprattutto competente e consapevole, che punti al ruolo multifunzionale dei boschi. I prodotti a base legno, in particolare, sono importanti per la transizione dell’UE verso un’economia a impatto climatico zero e, nel breve periodo, serve valorizzare tutte quelle filiere in grado di contribuire alla decarbonizzazione”.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.