27 Maggio 2022
Energia Fonti rinnovabili

Energia solare, autorizzazioni rinnovabili e PPA a consultazione UE

La Commissione UE ha contestualmente avviato due Consultazioni in vista dell’adozione di una Strategia per il solare, per snellire le procedure di rilascio delle autorizzazione per i progetti di energia rinnovabile, e per l’agevolazione degli accordi di compravendita di energia elettrica rinnovabile (PPA). Scadenza: 12 aprile 2022.

La Commissione UE ha avviato il 18 gennaio 2022 due consultazioni pubbliche nel settore dell’energia per sostenere l’attuazione del Green Deal europeo e ridurre le emissioni in Europa di almeno il 55% entro il 2030.

La prima riguarda l’energia l’energia solare. Nel secondo trimestre del 2022 la Commissione UE pubblicherà una Strategia sull’energia solare nel contesto della proposta di revisione della Direttiva sulle energie rinnovabili, inserita nel pacchetto legislativo adottato lo scorso luglio  Fit for 55, che prevede di raddoppiare la quota di energie rinnovabili al 40% entro il 2030.

La consultazione è volta in particolare ad esaminare qual è il modo migliore per ottenere il necessario aumento della capacità di energia solare, e affrontare in particolare i principali rischi di strozzature e ostacoli agli investimenti nel quadro delle norme vigenti. 

La Commissione UE è consapevole che sviluppo accelerato ed efficiente in termini di costi nell’ambito di un sistema energetico più integrato non può essere conseguito in misura sufficiente dagli Stati membri da soli. È necessario un approccio a livello dell’UE per fornire i giusti incentivi agli Stati membri con diversi livelli di ambizione per accelerare, in modo coordinato, la transizione energetica verso un sistema energetico più integrato ed efficiente sotto il profilo energetico basato sulla produzione di energia rinnovabile. Una strategia a livello dell’UE in materia di energia solare contribuirà ad affrontare questa sfida.

Tutte le parti interessate sono invitate a esprimere il loro parere su tale consultazione entro il 12 aprile 2022, rispondendo al questionario disponibile anche in italiano, a 26 domande.

La seconda consultazione riguarda le modalità per migliorare le procedure di autorizzazione per i progetti di energia rinnovabile e l’agevolazione degli accordi di compravendita di energia elettrica rinnovabile (PPA), che sono contratti diretti tra imprese e fornitori di energia elettrica per la fornitura di energia rinnovabile.

Le barriere amministrative, in particolare nella concessione delle autorizzazioni, sono da tempo identificate come un collo di bottiglia comune per la diffusione di progetti di energia rinnovabile che scoraggia i potenziali investitori. Mentre la Direttiva sulle energie rinnovabili del 2018 ha introdotto regole sull’organizzazione (punti di contatto unici) e sulla durata massima del processo di rilascio delle autorizzazioni, le parti interessate hanno sottolineato, come la condivisione di buone pratiche, aiuterebbero a fornire ulteriori miglioramenti sul campo.  

Inoltre, nei prossimi anni si prevede che gli accordi di acquisto di energia rinnovabile (PPA) diventeranno un importante motore per una diffusione più ampia delle energie rinnovabili basata sul mercato. Tuttavia, l’adozione di questo concetto è stata molto più lenta del previsto. Sebbene i paesi dell’UE fossero tenuti a riferire e rimuovere qualsiasi ostacolo a questi PPA rinnovabili nei loro piani nazionali per l’energia e il clima (PNEC), solo 8 paesi dell’UE lo hanno fatto.

La Commissione UE intende elaborare orientamenti, previsti per l’estate, per accelerare le procedure di rilascio delle autorizzazioni delle energie rinnovabili e ridurre la complessità degli accordi che contribuiscono a garantire stabilità e prevedibilità a chi investe in progetti nel campo delle energie rinnovabili, nonché presentare best practices e soluzioni in merito.

La Consultazione è rivolta alle autorità pubbliche, ai promotori di progetti e alle associazioni domande su come facilitare al meglio i PPA. Tutte le parti interessate sono invitate a esprimere il loro parere rispondendo al questionario, disponibile anche in italiano, entro il 12 aprile 2022.  

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.