27 Maggio 2022
Acqua Fiumi e laghi Risorse e consumi

Siccità nel Nord Italia: diventa un caso europeo

Il Centro Comune di Ricerca (JRC) della Commissione UE ha pubblicato un Rapporto sulla valutazione dell’evoluzione e dell’impatto nell’Italia settentrionale della grave siccità che perdura da 4 mesi nella regione con conseguenti perdite agricole e calo della produzione di energia idroelettrica.

Negli ultimi mesi, i bollettini settimanali dell’Osservatorio sulle risorse idriche dell’ANBI (Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue) hanno continuato a sottolineare il grave deficit idrico nella Pianura padana e il rischio che la siccità diventi endemica per effetto della tropicalizzazione del clima e che il sistema idraulico del Paese sia impreparato a questi cambiamenti..

Ora a lanciare un ulteriore allarme è il Centro Comune di Ricerca (JRC) della Commissione UE che ha pubblicato l’8 aprile 2022 il RapportoDrought in northern Italy – March 2022” che offre una valutazione dell’evoluzione e dell’impatto della siccità che perdura da 4 mesi nella regione, attraverso l’Osservatorio Europeo sulla Siccità (EDO),  parte del Servizio di gestione delle emergenze di Copernicus (CEMS).

Da dicembre non ci sono state quasi precipitazioni nel Nord Italia. Questa mancanza di precipitazioni, che si riflette anche in uno scarso accumulo di neve, combinata con temperature invernali miti, ha portato a una bassa umidità del suolo e a un basso livello dell’acqua nei bacini idrici e nei laghi

È stata inoltre osservata un’anomalia della temperatura invernale di +2,1 °C e un deficit medio di precipitazioni del 65% (rispetto alla media 1991-2020). I ricercatori indicano che una tale combinazione di inverno mite e secco non si è verificata in Lombardia, Piemonte e Svizzera meridionale negli ultimi 30 anni.

Nei prossimi mesi sono previste anche condizioni meteorologiche molto più secche del normale, causando preoccupazione per l’evoluzione dell’attuale siccità che potrebbe diventare un evento di siccità estrema.

All’inizio di marzo sono stati rilevati livelli d’acqua poco profondi lungo il fiume Po, dove alcuni tratti sono già considerati in estrema siccità idrologica. Altre sezioni sono soggette a siccità idrologica grave o moderata. 
 
A fine febbraio, le risorse idriche della neve rappresentavano circa il 40% delle condizioni medie del periodo 2009-2021 sulle Alpi italiane. L’accumulo di neve estremamente basso, soprattutto nelle Alpi meridionali, causa preoccupazioni per il basso contributo dello scioglimento della neve ai flussi fluviali in tarda primavera. Ciò probabilmente aumenterà il rischio di siccità idrologica che si verificherà nei prossimi mesi

Il deficit di precipitazioni e il clima mite hanno causato un’umidità del suolo inferiore alla media per la maggior parte dell’Italia settentrionale, già prima che le piante iniziassero la vera stagione di crescita, il che significa che probabilmente il problema si aggraverà una volta che le piante inizieranno davvero ad assorbire acqua. Pertanto, anche se le colture invernali nel nord Italia sembrano ancora normali, lo stress idrico riduce la potenziale resa, segnalando l’urgenza di precipitazioni, non solo per evitare di ridurre ulteriormente la resa, ma anche per favorire l’applicazione di fertilizzanti e consentire buone condizioni di semina primaverili

I ricercatori avvertono che la disponibilità di acqua per l’irrigazione sarà inferiore al solito. È probabile che si verifichi una maggiore concorrenza idrica tra i diversi settori e all’interno di quello agricolo se l’attuale deficit non sarà ridotto da abbondanti precipitazioni. Il basso livello del fiume Po crea ulteriori problemi e preoccupazioni nel delta per le infiltrazioni di acqua marina nelle fertili basse aree agricole. Questo fenomeno potrebbe aggravare ulteriormente le perdite agricole.

Il volume d’acqua immagazzinato nei bacini idroelettrici italiani è già ai minimi storici (considerando il periodo 1970-2019) ed è quindi probabile che la competizione per altri usi dell’acqua, come l’irrigazione agricola, inizi prima del solito. A metà marzo, il valore dell’energia immagazzinata nei giacimenti italiani era solo del 28,2% della capacità totale di stoccaggio rispetto a un minimo storico (1970-2019) osservato del 30,4% per lo stesso periodo. 

Pertanto, l’attuale basso livello dell’acqua nei bacini idroelettrici italiani potrebbe esacerbare la già difficile situazione del mercato elettrico italiano, che sta già registrando prezzi all’ingrosso da record a causa di fattori geopolitici

Secondo gli autori del Rapporto, il monitoraggio dell’evoluzione della siccità nei prossimi mesi sarà essenziale per valutarne accuratamente l’impatto e iniziare a sviluppare una diligenza di allerta. Se non vengono implementate strategie di mitigazione efficaci, i modelli climatici indicano che con i cambiamenti climatici i rischi di eventi ricorrenti di siccità da gravi a estremi aumenterà nei prossimi decenni.

In copertina: Un’immagine della Valle di Mello, una valle laterale della Val Masino in provincia di Sondrio, come si presentava in marzo 2022 e come era solitamente (immagine nel riquadro in alto a destra). Foto di Davide Bavera, uno degli autori del Rapporto del JRC

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.