6 Dicembre 2022
Biodiversità e conservazione

Salute del suolo: avviata consultazione per una Legge UE

Tutti i portatori di interesse sono invitati a contribuire alla consultazione, aperta fino al 24 ottobre 2022, in vista di una Legge dell’UE sulla salute del suolo, che possa fornire un quadro giuridico completo per la protezione del suolo, garantendo lo stesso livello di protezione esistente per l’acqua, l’ambiente marino e l’aria nell’UE.

La Commissione UE ha avviato una Consultazione pubblica on-line sullo sviluppo di una possibile legge dell’UE sulla salute del suolo, normativa prevista dalla Strategia dell’UE per la protezione del suoloSuoli sani a vantaggio delle persone, degli alimenti, della natura e del clima”, adottata l’anno scorso, quale parte specifica della Strategia sulla Biodiversità per il 2030, che fissa come obiettivo di avere tutti i suoli in condizioni sane entro il 2050, oltre a rendere la protezione, l’uso sostenibile e il ripristino dei suoli una norma attraverso la presentazione di una proposta legislativa che possa fornire un quadro giuridico completo per la protezione del suolo, garantendo lo stesso livello di protezione esistente per l’acqua, l’ambiente marino e l’aria nell’UE.

La sicurezza alimentare globale dipende dalla vita che si trova sotto i nostri piedi. Il 98% di tutte le calorie giornaliere globali derivano dalle azioni della biodiversità del suolo. La resa delle colture e le condizioni per l’allevamento degli animali dipendono dalla fertilità del suolo, che a sua volta è condizionata dalle interazioni delle comunità che vivono nel suolo.

I suoli forniscono un habitat ricco, che può contenere più di 10.000 specie per metro quadrato. Un singolo grammo di terreno può contenere milioni di singole cellule e migliaia di specie di batteri. Gli organismi del suolo mantengono anche processi critici, come lo stoccaggio del carbonio, il ciclo dei nutrienti e la diversità delle specie vegetali e svolgono un ruolo chiave nel mantenimento della fertilità del suolo.

Secondo l’Agenzia Europea dell’Ambiente (AEA), oltre 500 km2 di agricoltura o di terreni naturali scompaiono ogni anno nell’UE e vengono convertiti in aree artificiali. I terreni coltivati ​​gravemente erosi nell’UE contribuiscono a una perdita di produttività agricola stimata in 1,25 miliardi di euro all’anno, mentre un impatto simile a livello mondiale è stimato costare 8 miliardi di dollari all’anno.

Ogni giorno, un numero sempre maggiore di terreni dell’UE è colpito dal degrado e di conseguenza i servizi ecosistemici vanno persi. Inoltre, il degrado del suolo, i suoi fattori e impatti, non conoscono confini. Pertanto, le differenze tra le norme nazionali in materia di protezione del suolo comportano obblighi molto diversi per gli operatori economici nell’UE, con conseguenti distorsioni del mercato interno, concorrenza sleale, mancanza di certezza del diritto, condizioni di concorrenza e livelli di protezione irregolari per suolo e suolo.

“Il modo in cui utilizziamo la terra è decisivo – ha dichiarato il Commissario UE per l’Ambiente, gli oceani e la pesca, Virginijus Sinkevičius – Può compromettere o favorire il progresso nell’arrestare la perdita di biodiversità e il cambiamento climatico. È anche sempre più evidente come i suoli sani siano fondamentali per la sicurezza e la sicurezza alimentare nell’UE e oltre. L’azione per la protezione del suolo è una caratteristica importante del Green Deal europeo e al centro delle nostre agende europee e internazionali”.

La Commissione, pertanto, ha invitato tutte le parti interessate, dagli agricoltori ai silvicoltori, dai pianificatori del territorio all’industria, dai governi nazionali alle autorità locali, dalle ONG ai cittadini, a condividere le loro opinioni su questa iniziativa attraverso la Consultazione che resterà aperta fino al 24 ottobre 2022.

In copertina: © Mike Atkins – JRC global soil biodiversity atlas

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.