8 Dicembre 2022
Agenda Demografia

Il giorno degli 8 miliardi: fare in modo che tutti possano prosperare

In occasione del 15 novembre 2022, data simbolica desunta dall’ultimo Rapporto delle Nazioni Unite sulla popolazione mondiale, in una Dichiarazione rilasciata per l’occasione il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione, l’Agenzia che si batte per lo sviluppo dei diritti umani per le donne e i bambini, sottolinea che si tratta di una pietra miliare nello sviluppo umano, ma anche motivo di riflessione sulle sfide che si prospettano.

La popolazione mondiale il 15 novembre 2022 ha raggiunto gli 8 miliardi di individui.

La previsione è  contenuta nel Rapporto World Population Prospects 2022“, presentato lo scorso luglio dal Dipartimento degli Affari Economici e Sociali delle Nazioni Unite (UN-DESA) in occasione della Giornata Mondiale della Popolazione (11 luglio 2022).

Nel Rapporto, inoltre, si attesta inoltre che nel 2020 il tasso di crescita della popolazione globale è sceso al di sotto dell’1% all’anno per la prima volta dal 1950. Secondo le statistiche, la popolazione mondiale ha impiegato 12 anni per crescere da 7 a 8 miliardi di persone. Tuttavia, si prevede che per raggiungere la crescita mondiale di 9 miliardi ci vorranno 15 anni, fino al 2037. Questo è un segnale che il tasso di crescita complessivo della popolazione globale sta rallentando, tanto che la popolazione mondiale dovrebbe raggiungere il picco di circa 10,4 miliardi di persone durante gli anni 2080 e rimarrà a quel livello fino al 2100.

Questo traguardo di 8 miliardi di persone è considerato una pietra miliare nello sviluppo umano, dovuto a un aumento della durata della vita umana per i miglioramenti della salute pubblica, della nutrizione, dell’igiene personale e della medicina, nonché del risultato di livelli elevati e persistenti di fertilità in alcuni Paesi.

È una pietra miliare che possiamo celebrare e un’occasione per riflettere: come possiamo creare un mondo in cui tutti gli 8 miliardi di noi possano prosperare? – si legge nella Dichiarazione rilasciata dal Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione (UNFPA), l’Agenzia che si batte per rafforzare il diritto alla salute sessuale e riproduttiva e garantire una pianificazione familiare completa – La crescita della popolazione mondiale è una testimonianza delle conquiste dell’umanità, tra cui la riduzione della povertà e della disuguaglianza di genere, i progressi nell’assistenza sanitaria e l’ampliamento dell’accesso all’istruzione, che hanno portato più donne a sopravvivere al parto, più bambini a sopravvivere ai loro primi anni e una durata della vita più lunga e più sana, decennio dopo decennio. 

Guardando oltre le medie, alla popolazione di paesi e regioni, il quadro è molto più sfumato e ci porta rapidamente oltre i numeri stessi. 

Le forti disparità nell’aspettativa di vita indicano un accesso ineguale all’assistenza sanitaria, alle opportunità e alle risorse, e carichi ineguali di violenza, conflitti, povertà e cattiva salute. 

I tassi di natalità variano da paese a paese, con alcune popolazioni che continuano a crescere rapidamente, altre che iniziano a ridursi. Ma alla base di queste tendenze, qualunque sia la loro direzione, c’è una diffusa mancanza di scelta. Discriminazione, povertà e crisi – così come politiche coercitive che violano i diritti riproduttivi di donne e ragazze – mettono l’assistenza e le informazioni sulla salute sessuale e riproduttiva, compresa la contraccezione e l’educazione sessuale, fuori dalla portata di troppe persone.

Affrontiamo serie sfide come comunità globale, compresi i crescenti impatti dei cambiamenti climatici, i conflitti in corso e gli sfollamenti forzati. Per soddisfarli, abbiamo bisogno di paesi e comunità resilienti. E questo significa investire nelle persone e rendere le nostre società inclusive, in modo che a tutti venga offerta una qualità di vita che consenta loro di prosperare in un mondo che cambia. 

Per costruire la resilienza demografica, dobbiamo investire in infrastrutture, istruzione e assistenza sanitaria migliori e garantire l’accesso alla salute e ai diritti sessuali e riproduttivi. Dobbiamo rimuovere sistematicamente le barriere – basate su genere, razza, disabilità, orientamento sessuale o status migratorio – che impediscono alle persone di accedere ai servizi e alle opportunità di cui hanno bisogno per prosperare. 

Dobbiamo ripensare i modelli di crescita economica e di sviluppo che hanno portato al consumo eccessivo e alimentato la violenza, lo sfruttamento, il degrado ambientale e i cambiamenti climatici, e dobbiamo fare in modo che i paesi più poveri, che non hanno creato questi problemi, siano in grado di  sostenere tuttavia il peso di tali impatti – hanno le risorse per costruire la resilienza e il benessere delle loro popolazioni in crescita.

Dobbiamo comprendere e anticipare le tendenze demografiche, in modo che i governi possano adottare politiche informate e allocare risorse per dotare le loro popolazioni delle giuste competenze, strumenti e opportunità”. 

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.