3 Febbraio 2023
Risorse e rifiuti Sostenibilità

CIC: finanziare in PAC il settore biowaste

In occasione dell’evento celebrativo della Giornata Mondiale del Suolo “Dalla Terra alla Terra”, organizzato in collaborazione con Re Soil Foundation, il Consorzio Italiano Compostatori (CIC) chiede che all’interno del Piano strategico nazionale della nuova PAC, approvato qualche giorno fa dalla Commissione UE, vengano previsti interventi economici per finanziare misure di sostegno per il reintegro della sostanza organica nel suolo mediante l’utilizzo degli ammendanti compostati.

Valorizzare all’interno del Piano strategico italiano della nuova PAC il reintegro della sostanza organica nel suolo mediante l’uso di compost derivato dal riciclo dei rifiuti organici e dei fanghi di depurazione e adottare un sistema di Carbon Credits anche per chi restituisce sostanza organica nel suolo, rendendolo più sano.

È la richiesta formulata dal CIC (Consorzio Italiano Compostatori) in occasione del tradizionale Convegno “Dalla Terra alla Terra”, celebrativo della Giornata Mondiale del Suolo (5 dicembre), realizzato in collaborazione con Re Soil Foundation e trasmesso in diretta streaming.

Partendo dal tema scelto per il World Soil Day 2022 “Suoli, dove inizia il cibo“, l’evento è stata occasione per riflettere sull’importanza del suolo per contrastare i cambiamenti climatici e sugli obiettivi da raggiungere per tutelarlo e preservarlo, e sul suo legame con il cibo: un suolo sano, è infatti strettamente collegato con una produzione di cibo ricco di nutrienti, mentre in assenza di questi requisiti, il rischio è quello di un futuro con scarsi raccolti e cicliche carestie.

Come sottolineato dal CIC, il suolo è una risorsa ambientale strategica da tutelare e in questo senso il settore del biowaste ha un ruolo cruciale. Ogni anno in Italia sono oltre 7 milioni le tonnellate di rifiuti organici che vengono raccolte e avviate agli impianti di compostaggio, producendo circa 2,2 milioni di tonnellate di compost di alta qualità. Essendo un fertilizzante organico, questo compost, restituito alla terra, contribuisce al nutrimento del suolo, garantendo sicurezza agricola resiliente, e alla decarbonizzazione. L’utilizzo corretto del compost può infatti aiutare a contrastare i cambiamenti climatici, permettendo di rimuovere il carbonio dall’atmosfera e riportandolo al suolo, cui appartiene.

Il suolo è uno dei beni più importanti e allo stesso tempo sottovalutati del pianeta – ha commentato Lella Miccolis, Presidente del CIC – Troppo spesso lo si dà per scontato e si dimentica il ruolo straordinario che ricopre come carbon sink. Ogni anno sono 420.000 le tonnellate di carbonio organico che possono essere riportate al suolo fertilizzando con il compost”.

Proprio per questi motivi, il CIC chiede che all’interno del Piano strategico nazionale della nuova PAC, approvato qualche giorno fa dalla Commissione UE per una spesa di 37 miliardi di euro per i prossimi 5 anni a sostegno della competitività e della sostenibilità del settore produttivo agricolo e agroalimentare, vengano previsti interventi economici per finanziare, ad esempio mediante la concessione di contributi diretti, sotto forma di credito d’imposta o in altre forme, misure di sostegno per il reintegro della sostanza organica nel suolo mediante l’utilizzo degli ammendanti compostati (derivanti dal riciclo dei fanghi di depurazione e dei rifiuti organici) prodotti secondo adeguati sistemi di garanzia e di assicurazione della qualità.

Allo stesso tempo, il CIC sottolinea la proposta di individuare il compost quale matrice organica rinnovabile che, utilizzata nelle pratiche colturali convenzionali, possa entrare negli schemi di Carbon Credits che si stanno sperimentando con grande successo in alcune parti del mondo. 

La Giornata Mondiale del Suolo – ha sottolineato Massimo Centemero, Direttore del CIC – è un’occasione importante per ribadire come a partire dalla tutela del suolo e dalla sua rigenerazione sia possibile dare impulso ad un reale cambiamento


Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.