6 Dicembre 2022
Agroalimentare

SOFA 2022: automazione agricola e sistemi agroalimentari

Lo Stato dell’Alimentazione e dell’Agricoltura -SOFA 2022, pubblicazione di punta della FAO, focalizza la sua attenzione quest’anno sui fattori trainanti della meccanizzazione agricola, fornendo ai decisori politici raccomandazioni su come massimizzare i benefici e ridurre al minimo i rischi.

L’automazione agricola, che spazia dai trattori fino all’intelligenza artificiale, può contribuire enormemente a rendere la produzione alimentare più efficiente ed ecologica. Il fatto, tuttavia, che sia sfruttata in maniera disomogenea può addirittura inasprire le disuguaglianze, soprattutto se rimane inaccessibile ai piccoli produttori e ad altri gruppi emarginati, come i giovani e le donne.

È il messaggio dello Stato dell’alimentazione e dell’agricoltura (SOFA 2022), una delle pubblicazioni annuali di punta della FAO, l’Organizzazione della Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, lanciato il 2 novembre 2022 nel corso di un evento online  che mira a portare a un pubblico più vasto valutazioni basate sulla scienza di importanti questioni nel campo dell’alimentazione e dell’agricoltura. 

Ogni edizione del rapporto contiene una panoramica completa, ma facilmente accessibile, di un argomento selezionato di grande rilevanza per lo sviluppo rurale e agricolo e per la sicurezza alimentare globale. Il SOFA 2022 si focalizza sui fattori trainanti dell’automazione agricola (definita nel rapporto come “l’uso di macchinari e attrezzature nelle operazioni agricole per migliorarne la diagnosi, il processo decisionale o le prestazioni, riducendo la fatica del lavoro agricolo e/o migliorando la tempestività, e potenzialmente la precisione, delle operazioni agricole”), e analizza il business case per l’adozione di tecnologie di automazione digitale in diversi sistemi di produzione agricola in tutto il mondo, identificando i diversi ostacoli che impediscono l’adozione inclusiva di queste tecnologie, in particolare da parte dei produttori su piccola scala, e suggerendo ai responsabili, sulla base dell’analisi compiuta, le politiche per massimizzare i benefici e ridurre al minimo i rischi.

La FAO crede veramente che senza il progresso tecnologico e l’aumento della produttività, non ci sia alcuna possibilità di far uscire centinaia di milioni di persone dalla povertà, dalla fame, dall’insicurezza alimentare e dalla malnutrizione – afferma nella prefazione del Rapporto il Direttore Generale della FAO, QU DongyuCiò che conta è come il processo di automazione viene eseguito nella pratica, indipendentemente dal fatto che avvenga o meno. Dobbiamo garantire che l’automazione avvenga in modo inclusivo e promuova la sostenibilità“.

La FAO rammenta come nel corso della storia, l’umanità abbia costantemente cercato di ridurre la fatica dell’agricoltura, sviluppando strumenti ingegnosi e sfruttando il potere del fuoco, del vento, dell’acqua e degli animali. Nel 4000 a.C., gli agricoltori mesopotamici utilizzavano aratri trainati da buoi, mentre i mulini ad acqua emersero in Cina intorno al 1000 a.C.

Nei ultimi due secoli la velocità del cambiamento tecnologico è accelerato notevolmente, innescato dalla scoperta dell’energia a vapore e successivamente rafforzato dall’ascesa dei trattori alimentati a energia fossile.

Oggi è in corso una nuova rivoluzione che coinvolge le tecnologie digitali, che includono l’intelligenza artificiale, i droni, la robotica, i sensori e i sistemi globali di navigazione satellitare, insieme ad una vasta proliferazione di dispositivi portatili come i telefoni cellulari e una miriade di nuovi dispositivi connessi a Internet: il cosiddetto Internet delle cose (IoT). Un altro importante sviluppo riguarda la sharing economy. In Africa e in Asia, ad esempio, adottano un modello simile all’applicazione dei taxi Uber, consentendo ai piccoli e medi agricoltori di accedere ad attrezzature costose, come un trattore, senza doverle acquistare.

Fondamentalmente, ci sono ampie disparità nella diffusione dell’automazione tra e all’interno dei Paesi, con l’adozione particolarmente limitata nell’Africa subsahariana. Ad esempio, già nel 2005 si stimava che il Giappone avesse più di 400 trattori per 1.000 ettari di seminativo, contro appena 0,4 in Ghana.

Inoltre, alcune tecnologie sono ancora in fase di prototipo, mentre per altre una limitata infrastruttura rurale abilitante – come la connettività e l’elettricità – ne ostacola la diffusione, soprattutto nei Paesi a basso e medio reddito.

Il Rapporto osserva che alcune tecnologie, come i grandi macchinari motorizzati, possono avere un impatto ambientale negativo contribuendo alla monocoltura e all’erosione del suolo, anche se recenti sviluppi con macchinari più piccoli stanno aiutando a superare tali problemi.

Raccomandazioni politiche
Il principio generale alla base delle raccomandazioni politiche offerte dal Rapporto si incentra sull’idea di un cambiamento tecnologico responsabile. Ciò implica anticipare gli impatti delle tecnologie su produttività, resilienza e sostenibilità, concentrandosi sui gruppi emarginati e vulnerabili.

La chiave di volta è creare un ambiente favorevole che preveda una serie di strumenti politici per lavorare insieme in modo coerente, tra cui la legislazione e la regolamentazione, le infrastrutture, gli assetti istituzionali, l’istruzione e la formazione, la ricerca e lo sviluppo e il sostegno ai processi di innovazione del settore privato.

Gli sforzi per ridurre la diffusione ineguale dell’automazione dovrebbero comprendere investimenti inclusivi che coinvolgano produttori, produttori e fornitori di servizi, con particolare attenzione alle donne e ai giovani, al fine di sviluppare ulteriormente le tecnologie e adattarle alle esigenze degli utenti finali.

Inoltre, gli investimenti e le altre azioni politiche intese a promuovere un’automazione agricola responsabile dovrebbero basarsi su condizioni specifiche del contesto, come lo stato della connettività, le sfide relative alle conoscenze e alle competenze, l’adeguatezza delle infrastrutture e la disuguaglianza nell’accesso. Anche le condizioni biofisiche, topografiche e climatiche giocano un ruolo. Ad esempio, piccoli macchinari e persino attrezzature manuali possono portare a sostanziali vantaggi per i produttori su piccola scala su terreni collinari.

Infine, il Rapporto affronta le preoccupazioni diffuse sui possibili impatti negativi dei cambiamenti tecnologici volti a semplificare il lavoro in termini di disoccupazione e trasferimento dei posti di lavoro, concludendo che tali timori sono esagerati, pur riconoscendo che l’automazione agricola potrebbe determinare disoccupazione in luoghi in cui la manodopera rurale è abbondante e i salari sono bassi.

In tali contesti ricchi di manodopera, i responsabili politici dovrebbero evitare di sovvenzionare l’automazione, ma piuttosto concentrarsi sulla creazione di un ambiente favorevole alla sua adozione fornendo protezione sociale ai lavoratori meno qualificati, che hanno maggiori probabilità di perdere il lavoro durante la transizione.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.