9 Dicembre 2022
Circular economy Green economy In evidenza Sostenibilità

Preco System srl: dal recycling all’upcycling nuova vita alla plastica riciclata

La Società di Gemona del Friuli di nuovo ad Ecomondo con la consueta grinta e creatività per dare nuova e lunga vita alla plastica riciclata

Torna anche quest’anno, ad Ecomondo, in un’area espositiva completamente rinnovata ed appositamente condivisa con un’altra importante realtà del settore, Preco System Srl, leader in Italia nella progettazione, produzione e commercializzazione di soluzioni altamente tecnologiche e di design nel settore dell’arredo urbano e componenti outdoor in plastica riciclata al 100% hanit® post consumo da rifiuti solidi urbani provenienti da raccolta differenziata.

Proseguendo l’unione sempre più forte con il gruppo tedesco Hahn Kunstsoffe GmbH che consente di implementare la produzione italiana per quanto riguarda la filiera corta, la Società di Gemona del Friuli continua a fare investimenti confermandosi fra le realtà più interessanti del settore.

Con un’esperienza di oltre 35 anni e che travalica i confini nazionali nel settore dell’ecologia applicata, Preco System Srl vanta un ampio catalogo di prodotti – anche su misura – che vanno dalle strutture per i parchi a quelle per gli allevamenti; dalle applicazioni per la sicurezza stradale all’uso industriale, tutti realizzati in plastica riciclata al 100% nell’ottica di promuovere soluzioni altamente tecnologiche e di design in grado di trasformare rifiuti plastici in risorse.
Sono 5 gli ambiti principali dei prodotti Preco System Srl:
Giochi per parchi (combinazioni, scivoli, arrampicate, altalene, casette, bilico, giochi a molla, sabbiere, giochi a tema);
Arredo urbano (tavoli, panchine, fioriere, cestini, recinzioni, isole ecologiche, bacheche / segnapasso, portabici, percorsi, pavimentazioni, bordure per aiuole/giardini, casette);
Zootecnia (recinzioni, pavimenti, stecche perlinate, pali);
Pali e Stecche (pali, travi, briccole, manufatti a “L”, piastre, deviatori, stecche);
Industria (canalette, biofiltri, coperture, distanziatori, e altri prodotti che possono essere utilizzati al posto di cemento o acciaio).

Tutti realizzati con un mix di polietilene e polipropilene riciclati al 100% che permette la realizzazione di un materiale sicuro, resistente all’acqua, atossico, e rispettoso dell’ambiente in termini di vita media (almeno 10 – 15 anni) e assenza di manutenzione; con il plus della certificazione ambientale e di prodotto: “PSV – plastica seconda vita da raccolta differenziata”, nonché l’ambita ed esclusiva certificazione ambientale europea Blauer Engel promossa dal Jury Umweltzeichen per la protezione delle persone e dell’ambiente.

Quello della plastica riciclata è un mondo del quale stiamo esplorando solo le prime terre”, afferma Raul Venier, amministratore unico della società, appositamente contattato in vista del traguardo di Ecomondo.
Quando parliamo del “mantra” Riduzione, Recupero Riciclo, Riuso e Riutilizzo non dobbiamo dimenticare che proprio riuso e riutilizzo sono fondamentali per dare una reale seconda vita alle plastiche post consumo e poterle considerare effettivamente una risorsa anche perché sapere come riusare serve a dare un senso al recupero e al riciclo. Non ha senso recuperare e riciclare se poi non sappiamo come riusare”.



In questo senso – spiega Venier – bisogna lavorare in termini di creatività e ingegneria per dare sbocchi pratici, ambientalmente ed economicamente sostenibili alla plastica riciclata… Noi siamo promotori di questa iniziativa e facendo parte di un grande Gruppo abbiamo disponibilità di circa 2.000 prodotti realizzati in plastica riciclata; di questi, circa 800 sono prodotti di uso industriale, spesso pensati per esigenze specifiche in sostituzione di materiali tradizionali. Questo significa dare un futuro al riciclo della plastica, al punto che non mi piace parlare di semplice recycling ma di vero e proprio upcycling, cioè riutilizzare manufatti per creare prodotti innovativi di qualità reale e percepita. Ma occorre saper dare un valore ad ogni oggetto, la plastica non si abbandona da sola è l’inciviltà dell’uomo a fare danno”.

Nel guardare con senso critico, ma altrettanto pratico al futuro dei prodotti da riciclo, il vertice di Preco System non ha dubbi: “La plastica ha dato un grande contributo all’economia mondiale, ma bisogna vigilare affinché questa sua facilità di utilizzo non sia una scusa per immettere sul mercato prodotti di bassissima qualità e di rapida usura. Tutti devono fare la loro parte, anche il legislatore europeo deve attivarsi affinché certi prodotti non possano entrare liberamente ed essere considerati alla stregua di eccellenze ingegneristiche di riciclo e funzionalità”.

E mentre la data della 25 edizione di Ecomondo si avvicina, da Gemona del Friuli arriva anche il crescente entusiasmo per una nuova avventura: “Arriveremo ad Ecomondo con la passione ed il fervore giusti per fare sempre di più; un esempio tangibile è stata la scelta di puntare su uno spazio progettato per la condivisione con Idea Plast per dare un messaggio positivo di collaborazione e unione d’intenti nella direzione di un obiettivo comune. Credo che il sistema industriale, proprio in questo momento di difficoltà generale può essere da esempio e da sprone per la realizzazione di quella transizione ecologica che dalla speculazione intellettuale deve essere sempre più concreta. Non facciamoci la guerra tra di noi, uniamo le forze per migliorare i prodotti e i risultati, e l’ambiente, non solo il portafogli, ci ringrazierà”.

Di Alberto Piastrellini

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.