27 Novembre 2022
Energia

Gas: UE rischia divario di 30 mrd/m3 per stoccaggio in estate 2023

Una nuova analisi dell’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA) ammonisce l’UE che nell’inverno 2023-2024 potrebbero non verificarsi i fattori positivi che hanno permesso quest’anno lo stoccaggio di gas e di prepararsi ad affrontare un possibile divario tra domanda e offerta di 30 miliardi di m3 di gas la prossima estate, momento chiave per il riempimento dello stoccaggio se la Russia dovesse interrompere tutte le importazioni cinesi di GNL dovessero rimbalzare ai livelli del 2021.

L’Europa potrebbe affrontare un divario fino a 30 miliardi di m3 di gas naturale durante il periodo chiave estivo per il riempimento dei suoi siti di stoccaggio del gas nel 2023.

L’allarme viene dall’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA) che ha pubblicato il 3 novembre 2022 l’analisi Never Too Early to Prepare for Next Winter: Europe’s Gas Balance for 2023-2024” (Non è mai troppo presto per prepararsi al prossimo inverno) che esamina gli ultimi sviluppi nei mercati europei del gas naturale e dell’elettricità e nei mercati globali del GNL, valutandone le implicazioni per il bilancio del gas dell’Europa nell’inverno 2023-2024 e le necessarie azioni dei Governi per ridurre il consumo di gas nel mezzo della crisi energetica globale.

Il Rapporto evidenzia che i siti di stoccaggio del gas nell’UUE sono ora pieni al 95%, il 5% al ​​di sopra del livello medio di riempimento degli ultimi 5 anni, ma gli attuali livelli di stoccaggio, così come i recenti prezzi del gas più bassi e le temperature insolitamente miti, non dovrebbero portare a conclusioni eccessivamente ottimistiche sul futuro.

Secondo l’Agenzia, il processo di riempimento dei siti di stoccaggio del gas dell’UE quest’anno ha beneficiato di fattori chiave, tra cui i flussi dai gasdotti russi durante l’estate e le minori importazioni di GNL dalla Cina, che potrebbero non ripetersi nel 2023. È probabile che la fornitura totale di gasdotti dalla Russia all’UE nel 2022 ammonterà a circa 60 miliardi di m3, ma è altamente improbabile che la Russia consegnerà altri 60 miliardi di m3 di gas dagli oleodotti nel 2023 e le consegne russe all’Europa potrebbero interrompersi completamente.

Se le importazioni cinesi di GNL dovessero riportarsi il prossimo anno sui livelli del 2021, sottrarrebbero dal mercato oltre l’85% dell’aumento previsto dell’offerta globale di GNL. Inoltre, si prevede che la fornitura globale di GNL aumenterà di soli 20 miliardi di m3 nel 2023, con circa un terzo della crescita proveniente dagli Stati Uniti. L’aumento previsto della fornitura mondiale di GNL il prossimo anno è circa la metà dell’aumento medio durante il periodo 2016-2019 e molto inferiore al probabile calo delle consegne di gasdotti russi all’UE il prossimo anno.

In caso di completa cessazione delle forniture di gas dall’oleodotto russo all’UE e di una ripresa delle importazioni cinesi di GNL ai livelli del 2021, la nuova analisi dell’IEA mostra che l’Europa potrebbe affrontare un difficile divario tra domanda e offerta di 30 miliardi di m3 durante il periodo chiave per il rifornimento stoccaggio del gas nell’estate del 2023. Questo divario potrebbe rappresentare quasi la metà del gas necessario per riempire i siti di stoccaggio fino al 95% della capacità entro l’inizio della stagione di riscaldamento 2023-24.

Con il recente clima mite e il calo dei prezzi del gas, c’è il pericolo che si insinui un autocompiacimento nelle argomentazioni sulle forniture di gas in Europa, senza essere ancora fuori pericolo – ha dichiarato il Direttore esecutivo dell’IEA, Fatih BirolQuando esaminiamo le ultime tendenze e i probabili sviluppi nei mercati del gas globali ed europei, vediamo che l’Europa è destinata ad affrontare una sfida ancora più dura il prossimo inverno. Questo è il motivo per cui i Governi devono intraprendere un’azione immediata per accelerare i miglioramenti nell’efficienza energetica e nella diffusione di energie rinnovabili e pompe di calore, e altri passi per ridurre strutturalmente la domanda di gas. Ciò è essenziale per la sicurezza energetica dell’Europa, il benessere dei suoi cittadini e delle sue industrie e la sua transizione verso l’energia pulita”.

Dopo il Piano in 10 punti per ridurre la dipendenza dell’UE dal gas russo, pubblicato lo scorso marzo, l’Agenzia fa sapere che al più presto presenterà un Piano per garantire il bilancio del gas dell’Europa per il prossimo inverno, indicando le azioni politiche concrete necessarie per garantire che i siti di stoccaggio siano riempiti al 95% della capacità entro l’inizio della stagione di riscaldamento 2023-24 e ridurre strutturalmente il consumo di gas durante l’inverno.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.