26 Ottobre 2021
Abruzzo Basilicata Beni culturali e turismo Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Regioni Sardegna Sicilia Territorio e paesaggio Toscana Trentino Alto Adige Veneto

Bandiere Blu 2018: consegnati 368 vessilli alle spiagge italiane

bandiere blu 2018

Il 7 maggio 2018 sono stati consegnati i 368 vessilli (26 in più rispetto al 2017), pari al 10% di quelle premiate a livello mondiale, che costituiscono l’ambito riconoscimento dell’impegno profuso dalle amministrazioni comunali a favore di una conduzione sostenibile del territorio, accrescendo la competitività delle località che li conseguono.

Ogni anno la FEE (Foundation for Environmental Education) assegna le Bandiere Blu sulla base di un’approfondita analisi che prende in esame non solo i dati relativi alla qualità delle acque di balneazione (che rimangono comunque fondamentali per accedere alle successive fasi di valutazione), ma anche la gestione sostenibile del territorio, che comprende fra l’altro la depurazione delle acque reflue e la raccolta differenziata dei rifiuti, i servizi e la sicurezza delle spiagge e un ampio spazio dedicato all’educazione ambientale.

È con soddisfazione che annunciamo anche per il 2018, un aumento di Comuni Bandiera Blu, ben 175 [ndr: l’anno scorso erano 163] – ha affermato Claudio Mazza, Presidente della FEE Italia – Il turismo non può che essere sostenibile, in modo da garantire un equilibrio tra fruizione e tutela del patrimonio ambientale. Guida passo dopo passo i comuni costieri, a scegliere strategie di gestione sostenibile del proprio territorio, attraverso un percorso che giovi all’ambiente ed alla qualità della vita“.

Istituita nel 1987 (Anno europeo per l’ambiente), la Campagna è curata in tutti gli Stati europei dagli organi nazionali della FEE Internazionale che ha sede in Danimarca ed è presente in 73 Paesi. Attraverso Comitati nazionali di giuria, le FEE nazionali effettuano visite di controllo alle varie località candidate per poi proporre alla FEE Internazionale le candidature dei singoli Paesi.
In questa XXXII Campagna, l’Italia ha fatto un notevole balzo rispetto allo scorso anno, con 49 spiagge in più su cui sventolerà il vessillo.
Il nostro Paese si colloca al 5° posto per numero di bandiere blu assegnate, dopo Spagna, Francia, Grecia, Turchia.

La valutazione della Giuria nazionale ha avuto il contributo, fra gli altri, dei Ministeri dell’Ambiente (MATTM), dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MiBACT), delle Politiche Agricole(MiPAAF), del Coordinamento degli Assessorati Regionali al Turismo, del Comando Generale delle Capitanerie di Porto-Guardia Costiera, dell’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), dell’Università della Tuscia, del Consiglio Nazionale dei Chimici, dell’ANCI, nonché dei Sindacati Balneari (SIB – Confcommercio;  FIBA – Confesercenti).

Anche quest’anno è la Liguria con 27 “Bandiere Blu” la regina delle “Bandiere Blu” per il 2018. Seguono la Toscana con 19 e la Campania con 18 (3 nuovi ingressi: Piano di SorrentoSorrento e Ispani) che scalza le Marche (16) che ne ha persa una. Seguono poi la Puglia con 14 (+3: PeschiciRodi Garganico e Zapponeta), Sardegna con 13 (+3: Bari Sardo, Trinità d’Agultu e Vignola)Calabria con 9 (+2:TortoraSellia Marina), Veneto Abruzzo 8Lazio 7 (-1), mantiene i 7 riconoscimenti l’Emilia Romagna,  la Sicilia scende a 6 (-2), la Basilicata sale a 4 (nuovi ingressi di Bernalda e Nova Siri), il Friuli Venezia Giulia mantiene le 2 Bandiere; infine il Molise scende a 1 (-1).

Sono in incremento anche le Bandiere blu sui laghi, dalle 13 località assegnatarie dello scorso anno alle attuali 16 località: oltre agli ingressi di Trevignano romano  (Lazio) sul lago di Bracciano, e Scanno (Abruzzo) sull’omonimo lago, conquista un vessillo in più il Piemonte con Arona sul lago Maggiore che sale a quota 3 (Cannero Riviera e Cannobbio), mentre viene confermata quella a Gardone Riviera (Lombardia) sul lago di Garda e rimangono invariati quelli del Trentino Alto Adige, saldamente al comando con 10:  lago Serraia (Baselga di Piné), lago delle Piazze (Bedollo), lago di Levico, lago di Caldonazzo (Lido, Tenna, San Cristoforo e Calceranica), lago d’Idro (Bondone), lago di Lavarone e lago di Roncone (Sella Giudicarie).

“Anche quest’anno è stato rilevato un incremento nel numero di assegnazioni, un dato indicativo dell’impegno di molti Comuni e dell’importanza delle tematiche ambientali nel turismo”, ha spiegato Stefano Laporta, Presidente dell’Ispra osservando che gli esperti dell’Istituto “hanno operato sia nella fase di individuazione dei requisiti da valutare che nei lavori della giuria” e che “ogni anno i requisiti per ottenere le Bandiera Blu vengono rivisti con l’obiettivo di stimolare i Comuni ad impegnarsi nell’ottica del miglioramento continuo“.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.