1 Dicembre 2022
Cibo e alimentazione Manifestazioni e celebrazioni

Ridurre le perdite e gli sprechi alimentari: una Guida FAO-UNEP

In occasione della III Giornata internazionale della consapevolezza sugli sprechi e le perdite alimentari (29 settembre 2022) FAO e UNEP propongono una Guida che offre una serie di messaggi chiave, fatti e cifre, nonché aree di azioni che le parti interessate possono intraprendere per ridurre la perdita e lo spreco di cibo.  

Nella Giornata internazionale della consapevolezza sugli sprechi e le perdite alimentari” (International Day of Awareness for Food Loss and Waste- IDAFLW), designata per il 29 settembre di ogni anno dall’Assemblea delle Nazioni Unite il 19 dicembre 2019 con lo scopo di invitare all’azione gli enti pubblici e privati dell’intero sistema alimentare, di lavorare in sinergia per ridurre le perdite e gli sprechi, di contribuire a mitigare i cambiamenti climatici e di sostenere la sicurezza alimentare e la nutrizione, FAO E UNEP hanno proposto la GuidaGet Involved” (Mettersi in gioco) che offre una serie di messaggi chiave, fatti e cifre, nonché aree di azioni che le parti interessate possono intraprendere per ridurre la perdita e lo spreco di cibo.  

La riduzione delle perdite e degli sprechi alimentari (FLW) svolge un ruolo cruciale nel garantire una migliore nutrizione per le generazioni attuali e future del mondo. Presenta una tripla opportunità di successo, per il clima, per la disponibilità di cibo nutriente e per migliorare la sostenibilità complessiva dei nostri sistemi alimentari. È giunto il momento di agire per sostenere la sicurezza alimentare e la nutrizione nel mezzo dell’attuale crisi dei prezzi alimentari.

Circa il 14% del cibo mondiale va perso quando viene raccolto e prima che raggiunga i negozi, mentre un ulteriore 17% del nostro cibo finisce per essere sprecato da rivenditori e consumatori. Eppure ci sono circa 3,1 miliardi di persone nel mondo che non hanno accesso a una dieta sana e circa 828 milioni di persone continuano a soffrire la fame.

La perdita e lo spreco di cibo rappresentano anche tra l’8 e il 10% del totale dei gas serra globali, contribuendo a un clima instabile e a eventi meteorologici estremi come siccità e inondazioni. Questi cambiamenti hanno un impatto negativo sui raccolti, riducono la qualità nutrizionale delle colture, causano interruzioni della catena di approvvigionamento e minacciano la sicurezza alimentare e la nutrizione.

L’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile prevede di dimezzare gli sprechi alimentari globali pro capite a livello di vendita al dettaglio e di consumo e di ridurre le perdite alimentari lungo le catene di produzione e di approvvigionamento. Con otto anni rimasti per raggiungere l’obiettivo, l’urgenza di intensificare l’azione per ridurre la perdita e lo spreco di cibo non può essere sottovalutata. Ridurre la perdita e lo spreco di cibo rappresenta un’opportunità per ottenere benefici climatici immediati, migliorando nel contempo la sostenibilità generale dei nostri sistemi alimentari, una trasformazione necessaria per garantire migliori risultati planetari e nutrizionali per le generazioni attuali e future.

Messaggi chiave
1. Poiché la popolazione mondiale continua a crescere, la nostra sfida non dovrebbe essere come coltivare più cibo; ma ridurre le perdite e gli sprechi alimentari in modo sostenibile, è una necessità immediata se vogliamo massimizzare l’uso del cibo prodotto per nutrire più persone.

2. Dare priorità alla riduzione delle perdite e degli sprechi alimentari è fondamentale per la transizione verso sistemi alimentari sostenibili che migliorino l’uso efficiente delle risorse naturali, riducano gli impatti planetari e garantiscano la sicurezza alimentare e la nutrizione.

3. La riduzione degli sprechi alimentari è una delle soluzioni climatiche più impattanti.

4. L’innovazione, le tecnologie e le infrastrutture intelligenti per il clima per ridurre le perdite e gli sprechi alimentari sono fondamentali per aumentare l’efficienza e ridurre le emissioni del sistema alimentare. 

5. Il cibo non è mai uno spreco! Applicando pratiche circolari, il cibo perso e sprecato può essere convertito in compost o utilizzato per produrre biogas, evitando così emissioni nocive di metano.

6. Il buon governo, lo sviluppo del capitale umano, la collaborazione e le partnership sono essenziali per massimizzare gli impatti positivi della riduzione delle perdite e degli sprechi alimentari. 

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.