4 Febbraio 2023
Prodotti e acquisti verdi Sostenibilità

Prodotti sostenibili: cala la disponibilità a pagare di più

L’ultimo sondaggio globale della serie “Ciò che conta per il consumatore oggi” di Capgemini Research Institute ha rilevato che la quota di consumatori disposta a pagare di più per prodotti sostenibili, a causa dell’aumento del costo della vita, è scesa in 2 anni dal 57% al 41%, ritenendo che le aziende debbano svolgere un ruolo nell’aiutarli in questo momento difficile, con la probabilità che premieranno i marchi più premurosi con una fedeltà a lungo termine.

Le preoccupazioni per il costo della vita e per la propria situazione finanziaria stanno spingendo il consumatore ad essere cauto nelle spese e a cercare alternative convenienti ai beni più costosi. Ciò ha un impatto diretto sui marchi che cercano di vendere prodotti sostenibili. La sostenibilità rimane un importante criterio di acquisto per molti, ma solo il 41% dei consumatori è attualmente disposto a pagare di più per un prodotto che ritiene sostenibile, rispetto al 57% nel 2020.

È quanto emerge dalla prima ricerca dell’anno per la nuova serie di ricerche annuali “What Matters to Today’s Consumer“, dedicate ai prodotti di consumo e ai segmenti di vendita al dettaglio, che Capgemini Research Institute, il think tank sulle tecnologie digitali del Gruppo Capgemini, leader globale nella collaborazione con le aziende per trasformare e gestire il proprio business sfruttando la potenza della tecnologia, ha condotto tra ottobre e novembre 2022, intervistando 11.300 consumatori di età superiore ai 18 anni in 11 Paesi: Australia, Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Paesi Bassi, Spagna, Svezia, Regno Unito e Stati Uniti, una nuova serie di ricerche annuali dedicate ai prodotti di consumo e ai segmenti di vendita al dettaglio. 

Il 61% dei consumatori intervistati è preoccupato per la propria situazione finanziaria, con i Millennials (tra 25 e 40 anni) con il 66% e la Gen Z (tra 41 e 56 anni) con il 64% tra i più preoccupati, mentre i Boomers (tra 57 e 75 anni) rappresentano la fascia di consumatori meno allarmati.

Per gestire queste pressioni, quasi la metà (44%) dei consumatori afferma di ridurre la spesa complessiva, in aumento rispetto al 33% degli intervistati del novembre 2020.  Il rapporto indica che mentre le organizzazioni di vendita al dettaglio continuano a superare le interruzioni, è necessario trasformare le operazioni per soddisfare le mutevoli aspettative dei consumatori di prodotti convenienti e trasferire vantaggi in termini di costi ai clienti.

Anche i comportamenti di acquisto stanno cambiando. La ricerca rileva che quasi i tre quarti (73%) dei consumatori effettuano meno acquisti d’impulso, mentre il 69% sta tagliando le spese non essenziali come l’elettronica, i giocattoli e il mangiare fuori, oltre a ritardare l’acquisto di beni di lusso. Risparmiare denaro è una priorità per molte persone, con il 64% dei consumatori che acquista prodotti da ipermercati e negozi discount e il 65% che acquista marchi del distributore più economici o marchi a basso costo.

C’è un’opportunità per le aziende di vendita al dettaglio di reinventare radicalmente la loro strategia operativa per superare questa tempesta e trasferire vantaggi di prezzo ai consumatori – ha affermato Lindsey Mazza, Global Retail Lead di Capgemini Group – Identificando nuovi flussi di entrate, creando nuovi mercati, trasformando le operazioni e ottimizzando i costi, le aziende possono avere successo senza compromettere la sostenibilità o l’esperienza complessiva del cliente. Sfruttare la tecnologia per la pianificazione intelligente della domanda, la gestione dell’inventario e le operazioni automatizzate può non solo aiutare a ridurre i costi e mantenere i margini, ma anche offrire vantaggi in termini di sostenibilità per le organizzazioni“.

Quantunque i consumatori stiano lentamente tornando nei negozi fisici, lo shopping online è più popolare che mai. Nelle categorie come generi alimentari o salute e bellezza, i servizi di consegna e di evasione ordini efficienti sono più importanti dell’esperienza in negozio. Ciò è particolarmente vero poiché gli acquirenti ordinano più direttamente dai marchi. Infine, le principali priorità dei consumatori sono uno stile di vita sano e sostenibile e stanno effettuando acquisti che lo riflettono.

Per marchi e rivenditori, queste tendenze richiedono un’ampia trasformazione dalla strategia allo sviluppo del prodotto, al digitale, all’analisi, alle operazioni e al marketing. Ma offrendo anche opportunità redditizie. Per trarne vantaggio, marchi e rivenditori dovrebbero analizzare i dati dei consumatori per personalizzare nuovi prodotti e servizi per specifici segmenti di clientela.

Per soddisfare le esigenze in continua evoluzione del consumatore di oggi, il rapporto identifica 4 azioni chiave affinché i marchi e i rivenditori possano trarre vantaggio da queste tendenze di consumo:

1. raccogliere e analizzare i dati dei consumatori per personalizzare nuovi prodotti e servizi per specifici segmenti di clienti;

2. sviluppare una strategia omnicanale che incorpori i ruoli di in-store, e-commerce, direct to consumer e marketplace;

3. riposizionare i servizi di consegna e di evasione ordini come driver di crescita per l’esperienza del cliente;

4. stabilire prezzi dei prodotti sostenibili più competitivi in ​​linea con le aspettative dei consumatori.

I consumatori non pagheranno di più per prodotti sostenibili
La sostenibilità continua a essere un fattore importante quando si decide con quale rivenditore o marchio acquistare, ma solo il 41% dei consumatori a livello globale afferma di essere disposto a pagare di più per un prodotto che ritiene sostenibile. Si tratta di un netto calo rispetto ai risultati del rapporto “Come la sostenibilità sta cambiando radicalmente le preferenze dei consumatori” (giugno 2020) quando il 57% dei consumatori aveva affermato di aver pagato prezzi superiori alla media per acquistare prodotti che percepivano come sostenibili. 

Il Rapporto evidenzia che marchi e rivenditori devono rivalutare le loro strategie di prezzo per fornire opzioni convenienti ma sostenibili ai consumatori e offrire programmi di fidelizzazione che aiutino i clienti a superare l’attuale crisi, costruendo la fedeltà a lungo termine dei clienti.

I rivenditori devono ripensare la strategia operativa per la riduzione dei costi, la sostenibilità e l’esperienza
Anche le aziende, sottolinea Capgemini, sono alle prese con sfide come l’aumento dei costi di energia, manodopera e trasporto, ma secondo il rapporto, il 67% dei consumatori afferma che i marchi e i rivenditori dovrebbero offrire prezzi più bassi per i prodotti richiesti dalle famiglie, trasformando le loro strategie operative per ottenere riduzioni dei costi in modo da soddisfare anche le aspettative di sostenibilità e convenienza dei consumatori. Anche il cambiamento delle modalità con cui le organizzazioni utilizzano la manodopera, l’adozione di una supply chain guidata dalla tecnologia e l’automazione delle operazioni di magazzino possono fare molto per migliorare la consegna dell’ultimo miglio, riducendo al contempo i costi.

Opportunità per sbloccare la crescita di nuovi canali con strategie di social media personalizzate
Infine, il rapporto suggerisce che, sfruttando il potere degli influencer dei social media ed espandendosi in nuovi canali per raggiungere i clienti, i marchi possono sbloccare nuovi flussi di entrate e opportunità di crescita. Secondo la ricerca, il 70% dei consumatori che acquistano prodotti sui social media ha affermato di fidarsi degli influencer quando utilizzano il prodotto e condividono le proprie esperienze e recensioni. Al riguardo, la Gen Z mostra il maggior coinvolgimento, con quasi la metà (48%) che scopre nuovi prodotti tramite influencer online e il 32% procede poi all’acquisto.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.