Agenda Inquinamenti e bonifiche Manifestazioni e celebrazioni Salute

Giornata Mondiale dell’Ambiente 2019: “Sconfiggi l’inquinamento atmosferico”

Quest’anno il tema per la Giornata Mondiale dell’Ambiente si incentra sulle azioni, anche individuali, per contrastare l’inquinamento atmosferico che ogni anno fa 7 milioni di decessi prematuri e costa 5.000 miliardi di dollari in termini di welfare.

Il 5 giugno si celebra ogni anno la Giornata Mondiale dell’Ambiente (World Environment Day), promossa dalle Nazioni Unite fin dal 1972 con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sui problemi ambientali e favorire l’attenzione e, quindi, l’azione dei Governi.

La data fu scelta per ricordare la prima Conferenza delle Nazioni Unite sull’Ambiente, tenutasi dal 5 al 16 giugno 1972 a Stoccolma, nel corso della quale venne adottata la Dichiarazione https://www.minambiente.it/sites/default/files/archivio/allegati/educazione_ambientale/stoccolma.pdf che definì i 26 principi sui diritti dell’ambiente e le responsabilità dell’uomo per la sua salvaguardia.

Negli ultimi decenni, grazie ai progressi scientifici, si è acquisita una maggiore consapevolezza delle innumerevoli modalità con cui i sistemi naturali supportano la nostra prosperità e il nostro benessere. Un Rapporto presentato alla recente Assemblea del Programma Ambiente delle Nazioni Unite (UNEA-4)  di Nairobi (11-15 marzo 2019) stima che il valore dei servizi ecosistemici persi tra il 1995 e il 2011 ammonti da 4.000 a 20.000 miliardi di dollari, dimostrando come le pratiche agricole stiano esercitando una crescente pressione sull’ambiente con costi che si aggirano attorno a 3.000 miliardi l’anno, mentre quelli correlati all’inquinamento sono stimati in 4.600 miliardi all’anno.

La Giornata Mondiale dell’Ambiente ha l’obiettivo, quindi, di porre le questioni ambientali in una prospettiva umana, offrendo alla persone di essere protagoniste e soggetti attivi dello sviluppo sostenibile e stimolando, al contempo, la creazione di partnership multi-stakeholder a favore dell’ambiente.

Il tema scelto per la Giornata Mondiale dell’Ambiente 2019 è: “Beat Air Pollution” (Sconfiggere l’inquinamento atmosferico). La Cina sarà il Paese ospitante dove si svolgeranno gli eventi ufficiali. Lo Stato cinese è uno dei più colpiti e minacciati dall’inquinamento atmosferico.
Secondo i dati forniti dall’UNEP, l’inquinamento atmosferico:
– ogni anno provoca circa 7 milioni di decessi prematuri in tutto il mondo e circa 4 milioni di questi si verificano nella regione Asia-Pacifico;
– costa all’economia globale 5.000 miliardi di dollari all’anno in costi del welfare;
– si prevede che l’inquinamento da ozono troposferico ridurrà al 2030 del 26% la resa delle colture di base.

La scelta della Cina come Paese ospitante della Giornata Mondiale dell’Ambiente 2019 è dovuta non solo all’incidenza dell’inquinamento atmosferico nelle sue città, ma anche per i suoi sforzi negli ultimi 20 anni di intraprendere misure di successo per la sua riduzione, come testimonia il Rapporto dell’UNEP “A Review of 20 Years’Air Pollution Control in Beijing”, diffuso nell’occasione della scelta del Paese ospitante della Giornata Mondiale dell’Ambiente.

La Cina sarà un grande padrone di casa per le celebrazioni della Giornata Mondiale dell’Ambiente 2019 – ha dichiarato in occasione dell’annuncio il Vicedirettore dell’UNEP, Joyce MsuyaIl Paese ha dimostrato una straordinaria leadership nell’affrontare l’inquinamento atmosferico. Adesso può sollecitare un’azione più ampia da parte del mondo intero. L’inquinamento atmosferico è un’emergenza globale che colpisce tutti. La Cina ora guiderà la spinta e stimolerà l’azione globale per salvare milioni di vite”.

La Cina con la crescita del settore dell’energia verde è emersa quale leader nel problema dei cambiamenti climatici, ha la metà dei veicoli elettrici e ben il 99% degli autobus elettrici presenti nel mondo.

Ma la Giornata Mondiale dell’Ambiente non può avere successo senza la partecipazione di tutti. Per l’occasione, la Giornata dell’Ambiente invita a prendere decisioni concrete per ridurre la quantità di inquinamento atmosferico che produciamo, e a contrastare il suo contributo al riscaldamento globale e i suoi effetti sulla nostra salute.

Vogliamo lavorare con i nostri partner nel settore dell’istruzione per portare il messaggio Beat Air Pollution in classe, nel campus e nella comunità per sensibilizzare e agire in merito all’inquinamento atmosferico, che causa l’asma e altre malattie respiratorie nei giovani – sottolinea l’UNEP – Vorremmo battere il record dello scorso anno e organizzare migliaia di eventi e confidiamo che i materiali e le proposte suggerite ispirino a tirarti su le maniche e a unirsi all’azione”.

L’UNEP offre delle Guide pratiche per scegliere le azioni più adatte per Imprese, Governi, Scuole o semplici individui che vogliano partecipare alla Campagna #BeatAirPollution.

Il Video tutorial per la Giornata Mondiale dell’Ambiente 2019.

Tra le azioni individuali che possono essere intraprese, l’UNEP segnala il sostegno sui social media con l’hashtag #BeatAirPollution:
mettere una maschera o una sciarpa attorno al viso o alla bocca;
fare un selfie;
condividere l’impegno assunto per agire sulla qualità dell’aria nel proprio ambiente, usando l’hashtag #beatairpollution sui propri canali social che taggano altri a fare lo stesso.

 

 

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.