21 Settembre 2021
Agroalimentare Territorio e paesaggio

Vino sostenibile: primi in Europa ad avere uno standard unico

Con la pubblicazione in GU del Decreto dipartimentale di costituzione del Comitato della Sostenibilità Vitivinicola prenderà avvio l’iter per utilizzare uno specifico logo pubblico riconoscibile ai consumatori del vino sostenibile.

Il 23 giugno 2021 il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (MiPAAF) ha diramato il Decreto dipartimentale, recante “Costituzione del comitato della sostenibilità vitivinicola – articolo 224 ter, legge 18 luglio 2020, n. 77”, uno dei tre atti amministrativi che conducono alla piena operatività del sistema di certificazione della sostenibilità dei vini, come previsto dal Decreto legge 19 maggio 2020 numero 34 (il cosiddetto “Decreto Rilancio”), art. 224 ter.

Si tratta di una novità assoluta a livello europeo che consentirà ai vini ottenuti seguendo specifiche regole di produzione, virtuose dal punto di vista ambientale e non solo, di essere immesse in commercio, sul mercato domestico ed internazionale, utilizzando uno specifico logo pubblico riconoscibile ai consumatori del vino sostenibile.

Il suddetto Decreto è propedeutico per completare il percorso stabilito dal legislatore dal momento che è di competenza del Comitato della Sostenibilità Viti-vinicola (CoSVi) gli altri due atti per la piena operatività del modello:
– l’approvazione del disciplinare che contiene lo standard di produzione, i requisiti e le buone prassi da rispettare in campagna e in cantina per poter essere annoverato nella categoria della produzione sostenibile;
– l’individuazione degli indicatori di monitoraggio che servono per valutare i risultati raggiunti e l’acquisizione di elementi utili per aggiornare il disciplinare di produzione, con una cadenza almeno annuale, come prescrive la legge istitutiva.

L’approvazione da parte del MiPAAF del Decreto rappresenta per il vino italiano un passaggio fondamentale in chiave socio-economica – ha dichiarato il Presidente di Unione Italiana Vini (UIV), Ernesto AbbonaSaremo i primi in Europa a dotarci di uno standard pubblico sostenibile per il settore vitivinicolo, un motivo di orgoglio che condividiamo con il MiPAAF e tutto il settore. Ora serve accelerare con il disciplinare di produzione, per chiudere un quadro giuridico che consentirà alle imprese di applicare il nuovo modello già a partire dalla prossima vendemmia”.

In sede di prima applicazione, il disciplinare fa riferimento ai principi e alle disposizioni contenuti nelle Linee guida nazionali di produzione integrata per la filiera vitivinicola (Legge 3 febbraio 2011, n. 4), integrato da principi nelle aree della qualità, della sicurezza alimentare, della tutela dei lavoratori e dei cittadini e prenda in considerazione anche l’aspetto economico della garanzia di un reddito agricolo adeguato. L’adesione al sistema di certificazione è volontaria e può avvenire sia da parte di aziende singole che associate. La conformità della produzione al disciplinare è attestata da un certificato rilasciato al produttore aderente, da un organismo di controllo autorizzato ad effettuare le verifiche. Il monitoraggio sarà fatto su un campione di aziende aderenti ed avrà lo scopo di misurare lo stato di applicazione dei singoli impegni previsti nello standard e il grado di raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità stabiliti a livello europeo e nazionale.

Il CoSVi è composto da:
– 2 rappresentanti del MiPAAF;
– 4 rappresentanti delle Regioni e Province autonome;
– 2 esperti del CREA (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria), di cui uno afferente al Centro di ricerca Politiche e Bioeconomia ed uno al Centro di ricerca per la Viticoltura ed Enologia;
– 1 rappresentante di Accredia (l’Ente italiano di accreditamento);
– e, a titolo consultivo, un rappresentante per ciascuno dei sistemi di valutazione della sostenibilità nel settore vitivinicolo facenti parte del Gruppo di lavoro per la Sostenibilità in Vitivinicoltura (VIVA, Equalitas, Tergeo).

Per i primi due anni le aziende certificate possono ottenere la certificazione al nuovo sistema, evitando doppi adempimenti e nuove spese.

Per il Segretario generale UIV, Paolo Castelletti  il Decreto costituisce il primo tassello di un percorso fortemente voluto da UIV e la “chiusura del cerchio di uno strumento normativo e di mercato che sarà in grado di rispondere positivamente a sfide e obiettivi della nuova PAC e della Strategia Farm to Fork”.

Secondo una recente indagine di Wine Intelligence su un campione di 17 mila intervistati in 17 Paesi realizzata da Wine Intelligence, i vini prodotti in modo sostenibile sono al secondo posto tra 13 giovani tipologie produttive che offrono maggiori opportunità di crescita, dietro solo ai biologici e molto più considerati dai consumatori rispetto, per esempio, ai vini senza conservanti, a quelli senza solfiti, agli orange, ai prodotti a basso tenore alcolico, ai biodinamici o ai vegani. Tra i Paesi con una maggior sensibilità dei consumatori verso i vini sostenibili, gli Stati Uniti, la Germania e il Regno Unito – che rappresentano anche la top 3 della domanda di vino italiano – ma anche i Paesi del Nord Europa, la Svizzera, il Brasile e l’Australia. 

Immagine di copertina: Karsten Würth / Unsplash

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.