7 Febbraio 2023
Salute

Mortalità infantile: 5 milioni prima del 5° anno e 2 milioni nati morti

Due Rapporti contestualmente presentati dal Gruppo InterAgenziale UN IGME, coordinato dall’UNICEF, evidenziano che, sebbene dal 2000 siano stati compiuti notevoli progressi nella riduzione della mortalità infantile, i bambini affrontano possibilità di sopravvivenza molto diverse in base al luogo in cui sono nati, e l’Africa sub-sahariana e l’Asia meridionale hanno il rischio di morte infantile 15 volte superiore ai bambini in Europa e Nord America. Le madri in queste due regioni sopportano anche la dolorosa perdita di bambini nati morti con il 77% di tutti i nati morti nel 2021.

Il Gruppo InterAgenziale delle Nazioni Unite per la stima della mortalità dei bambini (UN IGME) la cui missione è di condividere i dati sulla mortalità infantile, migliorare i metodi per la stima della mortalità infantile, riferire sui progressi verso gli obiettivi di sopravvivenza infantile e migliorare la capacità dei Paesi di produrre tempestivamente e correttamente stime validate sulla mortalità infantile,  coordinato dal Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia (UNICEF) e comprendente l’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO)), la Banca Mondiale (World Bank Group) e la Divisione della Popolazione delle Nazioni Unite del Dipartimento degli Affari Economici e Sociali (UN DESA) hanno presentato il 10 gennaio 2023 due Rapporti:
– “Levels & Trends in Child Mortality 2022 che riporta il numero stimato di 5 milioni di bambini morti nel 2021 prima di compiere cinque anni;
– “Never Forgotten. The situation of stillbirth around the globe” che rileva come nel 2021, ulteriori 1,9 milioni di bambini siano nati morti.

Ogni giorno, troppi genitori affrontano il trauma di perdere i propri figli, a volte anche prima del loro primo respiro – ha dichiarato Vidhya Ganesh, Direttore della Divisione Analisi dei dati, programmazione e monitoraggio dell’UNICEF – Una tragedia così diffusa e prevenibile non dovrebbe mai essere accettata come inevitabile. I progressi sono possibili con una volontà politica più forte e investimenti mirati per un accesso equo all’assistenza sanitaria primaria per ogni donna e bambino“.

I dati
Dai due Rapporti emergono alcuni risultati positivi, come la riduzione del 50% del tasso di mortalità infantile a livello globale dal 2000, mentre i tassi di mortalità nei bambini più grandi e nei giovani sono scesi del 36% e il tasso di nati morti è diminuito del 35%. Ciò può essere attribuito a maggiori investimenti nel rafforzamento dei sistemi sanitari primari a beneficio di donne, bambini e giovani.

Tuttavia, i progressi si sono ridotti significativamente dal 2010 e 54 Paesi non riusciranno a raggiungere il target 2Entro il 2030, mettere fine alle morti evitabili di neonati e bambini sotto i 5 anni di età, con l’obiettivo per tutti i paesi di ridurre la mortalità neonatale a non più di 12 su 1.000 nati vivi e, per i bambini al di sotto dei 5 anni, ridurre la mortalità a non più di 25 su 1.000 nati vivi” dell’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile 3 “Assicurare la salute e il benessere per tutti e per tutte le età”. Se non si interviene rapidamente per migliorare i servizi sanitari, avvertono le Agenzie, quasi 59 milioni di bambini e giovani moriranno prima del 2030 e quasi 16 milioni di neonati nasceranno morti.

È molto ingiusto che le possibilità di sopravvivenza di un bambino possano essere determinate solo dal luogo di nascita e che vi siano così grandi disuguaglianze nell’accesso ai servizi sanitari salvavita – ha sottolineato Anshu Banerjee, Direttore per la Salute materna, neonatale, infantile e adolescenziale e l’invecchiamento dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) – I bambini di tutto il mondo hanno bisogno di sistemi di assistenza sanitaria di base forti, che rispondano alle loro esigenze e a quelle delle loro famiglie, in modo che, indipendentemente dal luogo in cui nascono, possano avere il miglior inizio e la migliore speranza per il futuro“.

I bambini continuano ad avere possibilità di sopravvivenza molto diverse a seconda del luogo in cui nascono, con l’Africa sub-sahariana e l’Asia meridionale che si fanno carico dell’onere più pesante, secondo i rapporti. Sebbene l’Africa sub-sahariana abbia registrato solo il 29% dei nati vivi a livello globale, nella regione si è verificato il 56% di tutti i decessi sotto i cinque anni nel 2021, mentre nell’Asia meridionale il 26% del totale. I bambini nati nell’Africa subsahariana sono soggetti al più alto rischio di morire da piccoli nel mondo, 15 volte superiore a quello dei bambini in Europa e nell’America settentrionale.

Le madri in queste due regioni sopportano anche la dolorosa perdita di bambini nati morti a un tasso altissimo, con il 77% di tutti i nati morti nel 2021 che si verificano nell’Africa sub-sahariana e nell’Asia meridionale. Quasi la metà di tutti i nati morti si verifica nell’Africa subsahariana. Il rischio che una donna abbia un bambino nato morto nell’Africa subsahariana è sette volte maggiore rispetto all’Europa e al Nord America.

Fonte: UN IGME

Dietro questi numeri ci sono milioni di bambini e famiglie a cui viene negato il diritto fondamentale alla salute – ha dichiarato Juan Pablo Uribe, Direttore globale per la salute, la nutrizione e la popolazione della Banca Mondiale e Direttore del Fondo di finanziamento globale – Abbiamo bisogno di volontà politica e di leadership per un finanziamento duraturo dell’assistenza sanitaria di base, che è uno dei migliori investimenti che i Paesi e i partner per lo sviluppo possano fare“.

L’accesso e la disponibilità di assistenza sanitaria di qualità continuano a essere una questione di vita o di morte per i bambini a livello globale. La maggior parte dei decessi dei bambini avviene nei primi cinque anni di vita, di cui la metà entro il primo mese di vita. Per questi bambini più piccoli, la nascita prematura e le complicazioni durante il travaglio sono le principali cause di morte. Allo stesso modo, più del 40% dei casi di bambini nati morti si verifica durante il travaglio – la maggior parte dei quali è prevenibile se le donne hanno accesso a cure di qualità durante la gravidanza e il parto. Per i bambini che sopravvivono oltre i primi 28 giorni di vita, le malattie infettive come polmonite, diarrea e malaria rappresentano la minaccia maggiore.

Sebbene il COVID-19 non abbia aumentato direttamente la mortalità dei bambini sotto i cinque anni – che hanno una probabilità inferiore di morire a causa della malattia rispetto agli adulti – la pandemia potrebbe aver aumentato i rischi futuri per la loro sopravvivenza. In particolare, i rapporti evidenziano le preoccupazioni legate alle interruzioni delle campagne di vaccinazione, dei servizi nutrizionali e dell’accesso all’assistenza sanitaria di base, che potrebbero mettere a rischio la loro salute e il loro benessere per molti anni a venire. Inoltre, la pandemia ha alimentato il più grande arretramento delle vaccinazioni in tre decenni, esponendo i neonati e i bambini più vulnerabili a maggior rischio di morte per malattie prevenibili.

I rapporti rilevano anche lacune nei dati, che potrebbero compromettere l’impatto delle politiche e dei programmi volti a migliorare la sopravvivenza e il benessere dei bambini.

Le nuove stime evidenziano i notevoli progressi compiuti a livello mondiale dal 2000 nella riduzione della mortalità dei bambini sotto i 5 anni ha dichiarato John Wilmoth, Direttore della Divisione Popolazione dell’UN DESA – Nonostante questo successo, è necessario lavorare ancora per affrontare le grandi differenze che persistono nella sopravvivenza dei bambini nei vari Paesi e regioni, soprattutto nell’Africa sub-sahariana. Solo migliorando l’accesso a un’assistenza sanitaria di qualità, soprattutto al momento del parto, potremo ridurre queste disuguaglianze e porre fine alle morti prevenibili di neonati e bambini in tutto il mondo“.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.