8 Agosto 2022
Circular economy Economia e finanza Sostenibilità

Circulytics: lo strumento digitale per misurare la circolarità aziendale

La Ellen MacArthur Foundation ha lanciato Circulytics, lo strumento che permette alle aziende di capire dove si trovano nel percorso verso la circolarità,  messo a punto e testato da oltre 30 imprese, tra cui Enel, Hera e Lucart, che fanno parte di Circular Economy Network (CE100).

Ellen MacArthur Foundation (EMF), la cui mission è di “Sostenere le persone creative e le istituzioni impegnate a costruire un mondo più giusto, verde, e pacifico” e che sovvenziona e investe con circa 225 milioni di dollari annui il Programma di Economia Circolare nell’intento di accelerarne la transizione, ha lanciato il 16 gennaio 2020 Circulytics, lo strumento di misurazione della circolarità più completo a disposizione”, reso possibile grazie al contributo della imprese che fanno parte di Circular Economy 100 (CE100) e messo a punto e testato da 30 aziende del Network, tra cui le italiane  Enel, Hera Group e Lucart.

A livello globale un numero crescente di aziende riconosce l’opportunità offerta dall’economia circolare di creare nuove fonti di valore e far fronte a problemi come cambiamenti climatici, inquinamento e perdita di biodiversità – ha sottolineato Andrew Morlet, CEO della EMF – Affinché la transizione avvenga su larga scala e con velocità c’è necessità di dati precisi e analisi chiare”, Circulytics è stato creato con l’intento di aiutare qualsiasi azienda, in qualsiasi settore, in qualunque parte del mondo, a riconoscere e sbloccare il potenziale dell’economia circolare“.

Esistono già diverse applicazioni per aiutare le aziende nei loro sforzi circolari, ma si concentrano per lo più sulla gestione dei rifiuti e dei materiali o sulle valutazioni del ciclo di vita (LCA). Circulytics offre pure un quadro chiaro di tutte le attività circolari, segnala i settori che necessitano di miglioramenti immediati ed evidenzia le opportunità di innovazione strategica.

Il sistema di misurazione adottato da Circulytics tiene conto di quelli che vengono definiti rispettivamente “fattori abilitanti” e “risultati”:
– i primi consistono di elementi dell’azienda stessa, come strategia, personale, sistemi e processi, innovazione e relazioni esterne con clienti e fornitori;
– i secondi fanno riferimento agli input (materiali ed energia) e al contributo degli output all’economia circolare sotto forma di prodotti o servizi.

In tal modo un’azienda può valutare sia la circolarità dei costi di produzione che la propria catena del valore nella sua interezza. Le aziende ricevono un punteggio complessivo formulato in base a fattori, informazioni e commenti personalizzati forniti da EMF, che potrà essere utilizzato nei rapporti investitori e clienti, mentre la Fondazione si impegna con le imprese che conseguono punteggi elevati a dar vita a casi studio che fungano da “ispiratori”.

Un video offre l’opportunità di valutare il suo funzionamento, e un documento di approfondimento permette di avere ragguagli sulla metodologia.

Circulytics è il primo strumento con un approccio globale alla misurazione della circolarità che aiuta le aziende a capire veramente dove si trovano e a concentrare i propri sforzi verso un cambio di paradigma – ha dichiarato  Stefano Venier, CEO di Hera SpA – Abbiamo raggiunto uno stadio in cui la necessità di accelerare e intensificare la transizione verso un’economia circolare è diventata drammaticamente urgente, ma le aziende possono solo migliorare e innovare ciò che misurano: una misurazione di ampia portata della circolarità è una leva chiave per consentire alle aziende di fare un salto di qualità. Siamo felici di aver preso parte alla fase di beta testing e ora di assistere al lancio di questo strumento innovativo e completo”.

La Ellen MacArthur Foundation è entrata a far parte recentemente di PACE (Platform for Accelerating the Circular Economy) l’iniziativa lanciata nel 2018 al World Economic Forum (WEF) e supportata scientificamente dal World Resources Institute (WRI), che si prefigge di realizzare la transizione a velocità di scala per migliorare il benessere umano e ambientale per le generazioni attuali e future, e al quale hanno aderito oltre 75 amministratori delegati, ministri e capi di organizzazioni.

Il conseguimento della circolarità su scala globale richiede un’azione concertata e il coinvolgimento di tutte le parti interessate, dagli innovatori emergenti alle istituzioni internazionali – ha dichiarato Ellen MacArthurPACE aiuta a riunire tutti per dimostrare e stimolare i progressi”.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.