8 Agosto 2022
Risorse e rifiuti

OCSE: i rifiuti globali di plastica sono destinati a triplicarsi al 2060

Un nuovo Rapporto dell’OCSE avverte chela capacità di riciclaggio e le politiche di economia circolare non riusciranno a tenere il passo con la domanda in costante aumento di plastica, senza un’azione radicale per frenare la domanda, aumentare la durata dei prodotti e migliorare la gestione dei rifiuti e la loro riciclabilità.

La quantità di rifiuti di plastica prodotta a livello globale è sulla buona strada triplicare entro il 2060, con circa la metà che finisce in discarica e meno di un quinto riciclato.

È l’allarme contenuto nel Rapporto Global Plastics Outlook: Policy Scenario to 2060” che l’Organizzazione per la Cooperazione e lo sviluppo Economico (OCSE) ha rilasciato il 3 giugno 2022 in versione preliminare, in attesa del Rapporto completo che sarà pubblicato in occasione del webinar OCSE Green Talks che andrà  in onda il 21 giugno 2022  nel corso del quale verranno presentati i due pacchetti di politiche per piegare la curva di plastica, per una migliore comprensione dei benefici ambientali e delle conseguenze economiche dell’adozione di politiche più rigorose. Questo infatti è il 2° Rapporto, che fa seguito al precedente presentato in febbraio 2022, alla vigilia d dell’Assemblea Ambiente delle Nazioni Unite (UNEA5) che ha poi dato mandato ad un Comitato di negoziazione internazionale di approntare entro il 2024 un Trattato vincolante per mettere fine all’inquinamento da plastica.

Il Rapporto sottolinea che senza un’azione radicale per frenare la domanda, aumentare la durata dei prodotti e migliorare la gestione dei rifiuti e la riciclabilità, l’inquinamento da plastica aumenterà di pari passo con un aumento di quasi tre volte dell’uso della plastica guidato dall’aumento della popolazione e dei redditi. Si stima che quasi i due terzi dei rifiuti di plastica nel 2060 proverranno da articoli di breve durata come imballaggi, prodotti a basso costo e tessili.

Se vogliamo un mondo libero dall’inquinamento da plastica, in linea con le ambizioni dell’Assemblea delle Nazioni Unite per l’ambiente, dovremo intraprendere un’azione molto più rigorosa e coordinata a livello globale – ha affermato ilSegretario generale dell’OCSE, Mathias Cormann – Questo rapporto propone politiche concrete che possono essere attuate lungo il ciclo di vita della plastica che potrebbero frenare in modo significativo, e persino eliminare, la dispersione di plastica nell’ambiente“.

L’OCSE prevede un aumento del consumo globale di plastica da 460 milioni di tonnellate (Mt) nel 2019 a 1.231 Mt nel 2060 in assenza di nuove politiche audaci, un aumento più rapido della maggior parte dei prodotti grezzi materiali. La crescita sarà più rapida nei paesi in via di sviluppo ed emergenti in Africa e in Asia, sebbene i paesi dell’OCSE produrranno ancora molti più rifiuti di plastica pro capite (238 kg all’anno in media) nel 2060 rispetto ai paesi non OCSE (77 kg).

L’aumento del consumo e dei rifiuti di plastica avverrà nonostante un previsto incremento dell’uso di plastica riciclata nella produzione di nuovi beni, nonché i progressi tecnologici e i cambiamenti economici settoriali che dovrebbero significare una diminuzione stimata del 16% entro il 2060 della quantità di plastica necessaria per creare 1 dollaro di produzione economica.

Si prevede che la quota di rifiuti di plastica riciclati con successo aumenterà al 17% nel 2060 dal 9% del 2019, mentre l’incenerimento e il conferimento in discarica continueranno a rappresentare rispettivamente circa il 20% e il 50% dei rifiuti di plastica. Si prevede che la quota di plastica che elude i sistemi di gestione dei rifiuti – finendo invece in discariche incontrollate, bruciata a cielo aperto o dispersa nel suolo o negli ambienti acquatici – scenderà dal 22% al 15%.

Oltre ad esaminare l’impatto sulla base di potenziali scenari, il Rapporto esamina anche come le azioni per ridurre le emissioni di gas serra potrebbero ridurre l’inquinamento da plastica per effetto dell’interazione tra il ciclo di vita della plastica, i combustibili fossili e i cambiamenti climatici.

Secondo l’OCSE, le politiche per ridurre l’impatto ambientale della plastica e incoraggiarne un uso più circolare dovrebbero includere:
tasse sulla plastica, compresi gli imballaggi di plastica;
Incentivi per il riuso e la riparazione di oggetto di plastica;
obiettivi per il contenuto di riciclato nei nuovi prodotti in plastica;
regimi di responsabilità estesa del produttore (EPR);
miglioramenti nelle infrastrutture di gestione dei rifiuti;
aumento dei tassi di raccolta dei rifiuti.


Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.