21 Settembre 2021
Energia

Global Energy Review 2021: una ripresa tutt’altro che sostenibile

Il Rapporto faro “Global Energy Review 2021” che l’Agenzia Internazionale dell’Energia ha diffuso alla vigilia del Vertice sul Clima convocato dal Presidente USA, prevede che le emissioni di CO2 correlate alla produzione di energia cresceranno quest’anno di 1,5 miliardi di tonnellate, il secondo storico aumento, lanciando un avvertimento sulla necessità di un’azione immediata e concertata ancor prima della COP26.

Le emissioni globali di CO2 legate all’energia sono destinate ad aumentare di 1,5 miliardi di tonnellate nel 2021, il secondo più grande aumento della storia, dopo la ripresa ad alta intensità di carbonio del 2010 che è seguita alla crisi finanziaria globale del 2008-2009, invertendo il declino che si era verificato l’anno scorso a causa della pandemia.

È questo l’avvertimento contenuto nel RapportoGlobal Energy Rreview 2021” dell’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA), rilasciato il 20 aprile 2021 in vista del Vertice virtuale sul Clima dei Capi di Stato e di Governo convocato dal Presidente USA Joe Biden in occasione della Giornata Mondiale della Terra, che costituisce l’aggiornamento annuale dell’Agenzia IE sulle ultime tendenze in materia di emissioni globali di CO2 correlate alla produzione di energia, fornendo approfondimenti su regioni, economie e Paesi.  

Secondo il Rapporto, che ha preso in esame gli ultimi dati nazionali dei Paesi di tutto il mondo e le tendenze in tempo reale di crescita economica, nonché dei nuovi progetti energetici che sono in procinto di entrare in funzione, le emissioni di CO2 aumenterebbero quest’anno di quasi il 5% attestandosi a 33 miliardi di tonnellate. Il motore principale di questa accelerazione sarebbe la domanda di carbone che crescerebbe del 4,5% rispetto, avvicinandosi al suo massimo storico, con il settore elettrico che rappresenta i tre quarti di questo aumento.

A causa della ripresa dell’uso del carbone nel settore energetico, le emissioni globali di carbonio dovrebbero aumentare di 1,5 miliardi di tonnellate quest’anno – ha affermato Fatih Birol, Direttore esecutivo dell’IEA – Questo è un terribile avvertimento che la ripresa economica dalla crisi di Covid è attualmente tutt’altro che sostenibile per il nostro clima. A meno che i Governi di tutto il mondo non si muovano rapidamente per iniziare a ridurre le emissioni, è probabile che ci troveremo di fronte a una situazione ancora peggiore nel 2022. Il Summit dei leader sul clima ospitato dal Presidente degli Stati Uniti Joe Biden questa settimana è un momento decisivo per impegnarci a intraprendere un’azione chiara e immediata in vista della COP26 di Glasgow”.

Per l’Agenzia, l’accelerazione delle vaccinazioni anti-Covid-19 in molte delle principali economie e le risposte fiscali diffuse alla crisi economica stanno aumentando le prospettive di crescita economica, determinando un rimbalzo della domanda di energia nel 2021, tuttavia, il ritmo di attuazione a livello globale delle campagne di vaccinazione, la possibile comparsa di nuove varianti del virus e le dimensioni e l’efficacia delle misure di stimolo economico rappresentano tutte grandi incertezze.

Variazione delle emissioni di CO2 nel periodo 1990-2021 in base al combustibile (Fonte: IEA)
Gli aspetti principali del Rapporto faro “Global Energy Review 2021” 

La domanda globale di energia è destinata ad aumentare del 4,6% nel 2021, più che compensando la contrazione del 4% nel 2020 e spingendo la domanda dello 0,5% al ​​di sopra dei livelli del 2019. Quasi il 70% dell’aumento previsto della domanda globale di energia è nei mercati emergenti e nelle economie in via di sviluppo, dove la domanda è destinata a salire al 3,4% rispetto ai livelli del 2019. Il consumo di energia nelle economie avanzate dovrebbe essere del 3% inferiore ai livelli pre-Covid.

La domanda di tutti i combustibili fossili è destinata a crescere in modo significativo nel 2021. Si prevede che la domanda di carbone da sola aumenterà del 60% in più rispetto a tutte le energie rinnovabili messe insieme, sostenendo un aumento delle emissioni di quasi il 5% ovvero pari a 1.500 Mt. Questo aumento previsto invertirebbe l’80% del calo nel 2020, con emissioni che finiranno solo dell’1,2% (o 400 Mt) al di sotto dei livelli di emissioni del 2019.

Nonostante un previsto aumento annuo del 6,2% nel 2021, la domanda mondiale di petrolio dovrebbe rimanere intorno al 3% al di sotto dei livelli del 2019. Si prevede che l’uso di petrolio per il trasporto su strada non raggiungerà i livelli pre-Covid fino alla fine del 2021 e che l’uso di petrolio per il trasporto aereo rimarrà del 20% al di sotto dei livelli del 2019 anche a dicembre 2021, con una domanda annuale inferiore di oltre il 30% rispetto al 2019. Un pieno ritorno ai livelli di domanda di petrolio pre-crisi avrebbe spinto le emissioni di CO2 di un ulteriore 1,5%, portandole ben al di sopra dei livelli del 2019.

La domanda di carbone aumenterà del 4,5% nel 2021, con oltre l’80% della crescita concentrata in Asia. Si prevede che la Cina da sola rappresenterà oltre il 50% della crescita globale. Anche la domanda di carbone negli Stati Uniti e nell’Unione europea è in ripresa, ma è ancora destinata a rimanere ben al di sotto dei livelli pre-crisi. Il settore energetico ha rappresentato solo il 50% del calo delle emissioni legate al carbone nel 2020, m il rapido aumento della produzione a carbone in Asia significa che il settore energetico dovrebbe rappresentare l’80% del rimbalzo nel 2021.

La domanda di gas naturale è destinata a crescere del 3,2% nel 2021, spinta dall’aumento della domanda in Asia, Medio Oriente e Russia, con una previsione di oltre l’1% al di sopra dei livelli del 2019. Negli Stati Uniti, il più grande mercato mondiale del gas naturale, l’aumento annuale della domanda dovrebbe ammontare a meno del 20% del calo di 20 miliardi di metri cubi nel 2020, schiacciato dalla continua crescita delle energie rinnovabili e dall’aumento dei prezzi del gas naturale. Quasi tre quarti della crescita della domanda globale nel 2021 proviene dai settori dell’industria e dell’edilizia, mentre la produzione di elettricità dal gas naturale rimane al di sotto dei livelli del 2019.

La domanda di elettricità dovrebbe aumentare del 4,5% nel 2021 ovvero oltre 1000 TWh. Questo è quasi cinque volte maggiore del calo nel 2020, fissando la quota di elettricità nella domanda finale di energia superiore al 20%. Quasi l’80% dell’aumento previsto della domanda nel 2021 è nei mercati emergenti e nelle economie in via di sviluppo, con la sola Cina a rappresentare la metà della crescita globale. La domanda nelle economie avanzate rimane al di sotto dei livelli del 2019.

La domanda di energie rinnovabili è cresciuta del 3% nel 2020 ed è destinata ad aumentare in tutti i settori chiave – energia elettrica, riscaldamento, industria e trasporti – nel 2021. Il settore energetico è all’avanguardia, con la sua domanda di energie rinnovabili destinata ad espandersi di oltre 8 %, raggiungendo 8.300 TWh, la più grande crescita anno su anno mai registrata in termini assoluti.

Si prevede che il solare fotovoltaico ed eolico contribuiranno per due terzi alla crescita delle energie rinnovabili. Si prevede che la quota di energie rinnovabili nella generazione di elettricità aumenterà fino a quasi il 30% nel 2021, la quota più alta dall’inizio della rivoluzione industriale e da meno del 27% nel 2019. L’eolico è sulla buona strada per registrare il più grande aumento della generazione rinnovabile, in crescita di 275 TWh, pari a circa il 17%, dal 2020. Si prevede che la produzione di elettricità da solare fotovoltaico aumenterà di 145 TWh, quasi il 18% e si avvicinerà a 1 000 TWh nel 2021.

La Cina rappresenterà da sola la metà dell’aumento globale della produzione di elettricità rinnovabile, seguita da UE, Stati Uniti e India. La Cina dovrebbe generare oltre 900 TWh da solare fotovoltaico ed eolico nel 2021, l’UE circa 580 TWh e gli Stati Uniti 550 TWh. Insieme, rappresentano quasi i tre quarti della produzione globale di energia solare fotovoltaica ed eolica.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.