20 Settembre 2021
Biodiversità e conservazione

UNEP: una Guida pratica per far guarire il nostro Pianeta

In occasione della Giornata Mondiale della Terra, il Programma Ambiente delle Nazioni Unite (UNEP) ha pubblicato una Guida per intraprendere azioni in grado di rallentare e arrestare il degrado degli ecosistemi e favorire il recupero degli 8 tipi di ecosistema chiave (foreste, terreni agricoli, praterie e savane, fiumi e laghi, oceani e coste, paesi e città, torbiere e montagne), a cui tutti possono concorrere nell’ambito del Decennio delle Nazioni Unite per il Ripristino dell’Ecosistema (2021-2030) che sarà ufficialmente lanciato nella Giornata Mondiale dell’Ambiente (5 giugno 2021). 

Le persone e il Pianeta sono sani nella misura in cui lo sono gli ecosistemi da cui tutti dipendiamo”: sottolinea il comunicato del Programma Ambiente delle Nazioni Unite (UNEP) che annuncia la pubblicazione di “The Ecosystem Restoration Playbook”, una guida pratica che fornisce un’introduzione alla gamma di azioni che possono rallentare e arrestare il degrado degli ecosistemi e favorirne il recupero.

Riportare in vita ecosistemi degradati, ad esempio piantando alberi, ripulendo gli argini dei fiumi o semplicemente dando spazio alla natura per il recupero, ne aumenta i benefici per la società e la biodiversità. 
Senza il rilancio degli ecosistemi, non possiamo raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile o quelli dell’Accordo di Parigi sul clima
Ma gli ecosistemi sono anche complessi e molto vari e il loro ripristino richiede un’attenta pianificazione e una paziente implementazione.

Per incoraggiare la rinascita degli ecosistemi ovunque, l’UNEP ha appunto pubblicato la Guida, in occasione della Giornata mondiale della Terra (22 aprile) e prima del lancio ufficiale (5 giugno 2021) del Decennio per il Ripristino dell’Ecosistema (2021-2030).

Progettata per tutti gli individui interessati e i gruppi di portatori di interesse, la Guida dell’UNEP delinea 3 percorsi per essere coinvolti:
come avviare o sostenere un progetto di restauro sul campo;
fare scelte intelligenti, acquistando solo i prodotti sostenibili e cambiando le diete alimentari;
far sentire la propria voce a sostegno della conservazione e del ripristino dell’ecosistema.

La Guida di 21 pagine descrive gli approcci per ripristinare gli 8 tipi di ecosistema chiave: foreste, terreni agricoli, praterie e savane, fiumi e laghi, oceani e coste, paesi e città, torbiere e montagne.
Definisce anche come tutte le parti della società, dagli individui e dai gruppi della comunità alle imprese e ai governi, possono diventare parte di #GenerationRestoration e #WorldEnvironmentDay, movimento globale per massimizzare la diffusione ovunque dei progetti di ripristino per il bene delle persone e della natura.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.