6 Agosto 2021
Green economy Sostenibilità

Forum CompraVerde-BuyGreen: opportunità degli acquisti verdi

forum compraverde buy green 2017

Promosso dalla Fondazione Ecosistemi con il partenariato del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, di UNIONCAMERECONAIICLEICoordinamento Agende 21 Locali Italiane Banca Popolare EticaGiovedì 12 e venerdì 13 ottobre 2017 al Salone delle Fontane a Roma torna il Forum CompraVerde-BuyGreen, l’appuntamento internazionale con gli Stati Generali degli Acquisti Verdi, giunto alla XI edizione.

Gli Acquisti Verdi o Green Public Procurement (GPP) rappresentano una grande opportunità per la crescita, specie dopo l’adozione da parte della Commissione UE del Pacchetto sull’Economia Circolare, come pure, a livello nazionale, dalla piena applicazione del Capo IV della Legge 221/2015 (il cosiddetto “Collegato Ambientale”) che introduce l‘obbligatorietà dei criteri ambientali minimi (CAM) per gli appalti pubblici, e di quel che ne è stato assorbito da parte del Codice degli Appalti, in particolare dall’Articolo 34, e il conseguente Decreto del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare del 24 maggio 2016, avente ad oggetto d oggetto “Incremento progressivo dell’applicazione dei criteri minimi ambientali negli appalti pubblici per determinate categorie di servizi e forniture” dove vengono indicati i servizi e le forniture per i quali è obbligatorio inserire nella documentazione di gara almeno le “specifiche tecniche” e “clausole contrattuali” dei CAM, con la relativa “tabella di marcia” per raggiungere il 100% del valore dell’appalto.

Inoltre, il 21 settembre 2017 è stato siglato un Protocollo d’intesa tra il Ministero dell’Ambiente e la Conferenza Stato-Regioni e Province autonome nel settore degli appalti pubblici con particolare riferimento a tematiche relative agli acquisti e realizzazione di opere pubbliche sostenibili, il cui obiettivo principale è il rafforzamento delle competenze degli operatori delle PA responsabili degli appalti e delle centrali di acquisto nell’utilizzo di procedure di GPP per la reale integrazione di requisiti ambientali nella politica degli acquisti e realizzazione di opere pubbliche, attraverso la definizione di una piattaforma comune di azione che favorisca la diffusione di buone prassi e il miglioramento del dialogo tra il Ministero e le Regioni e tra Regione e Regione, anche al fine di garantire maggiore uniformità nei livelli di esperienza e competenza in materia di acquisti e realizzazione di opere pubbliche sostenibili, presenti nelle diverse realtà locali.

Ad inaugurare le due giornate di lavoro, nel corso delle quali si svolgeranno convegni, workshop, sessioni formative, scambi one to one, spazi espositivi, per discutere le novità legislative, le best practices nazionali e internazionali, le opportunità in materia di acquisti verdi e per informare meglio le PP.AA. che dovranno adottare gli appalti verdi e le imprese che vorranno partecipare alle gare con i CAM e qualificare, a loro volta, le proprie catene di fornitura,con prodotti, processi e competenze green, la conferenza “Il GPP nelle politiche pubbliche europee, nazionali e regionali“, a cui parteciperanno, oltre al Ministro dell’Ambiente Gianluca Galletti, rappresentanti del Ministero francese per la transizione ecologica e solidale, della Regione Lazio, della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, del Comune di Roma, di UNIONCAMERE, del Coordinamento Nazionale Agende 21 Locali Italiane, di CONAI e di Sofidel.

Peraltro, la Giornata del 12 settembre 2017 avrà un’area di lavoro internazionale, con una sessione di apertura, tre workshop, tre tavoli di lavoro, dedicata a “La sostenibilità e il GPP nei progetti Interreg per la crescita verde“, con la presenza di diversi ospiti internazionali in rappresentanza di 6 progetti Interreg, 11 Paesi membri, 81 partner.

Fra i principali convegni si segnalano:
– “L’edilizia sostenibile: i prossimi passi” per fare il punto con i principali attori che gestiscono il patrimonio edilizio pubblico (ATER, ADISU, Agenzia del Demanio, Cassa Depositi e Prestiti, Banca d’Italia) e privato sullo stato di attuazione del Criteri Ambientale Minimi sull’edilizia;

– “La ristorazione collettiva sostenibile” con il Ministero dell’Ambiente e le maggiori aziende del settore della ristorazione collettiva per esaminare insieme cosa si dovrebbe fare per ridurre gli impatti ambientali del servizio di ristorazione collettivo;

– “Gli acquisti circolari “, organizzato con il CONAI, per discutere di come gli appalti pubblici possano far crescere l’economia circolare e i settori economici coinvolti nel recupero e nel riciclo, per favorire i riprodotti;

– La “GPP Academy“, un’area formativa con 15 seminari gratuiti sui principali temi relativi agli acquisti verdi e circolari e al partenariato per l’innovazione negli appalti.

Ma le imprese italiane sono pronte a offrire garanzie di qualità ambientale dei propri prodotti e servizi?
C’è una vera domanda di prodotti e servizi verdi da parte della Pubblica Amministrazione?
Quali sono le motivazioni e i modi con cui offerta e domanda diventano verdi?
A queste domande intende dare una risposta il Rapporto Compraverde che verrà presentato al Forum. Si tratta del 2° Rapporto sullo stato della produzione e del consumo sostenibili in Italia, redatto da UNIONCAMERE e condotto a settembre 2016 e aggiornato a luglio 2017, che analizza il grado di diffusione dei criteri ambientali minimi nelle imprese italiane, con l’obiettivo di mettere a punto uno strumento di sondaggio periodico e di orientamento che dia un contributo al miglioramento della prestazione ambientale complessiva del Mercato Verde italiano.

Inoltre, nel pomeriggio del 13 ottobre 2017, verranno assegnati 5 importanti Premi nazionali:

– Premio CompraVerde – “Miglior bando verde” e “Migliore politica di GPP”, riconoscimento alle Pubbliche Amministrazioni che si segnalano per il loro impegno nella diffusione delle buone pratiche e degli acquisti sostenibili;

– Premio MensaVerde – Miglior servizio di mensa, pubblica o privata, che ha mostrato una particolare attenzione alla qualità del cibo (biologico, km zero, stagionale, equo-solidale) e alla riduzione degli impatti ambientali e sociali legati alla gestione della mensa;

– Premio Vendor Rating e Acquisti Sostenibili – Destinato alle imprese che hanno adottato un sistema di qualificazione ambientale e sociale dei fornitori;

– Premio Cultura in Verde – Per le manifestazioni o le strutture culturali che hanno ridotto gli impatti ambientali generati dalla loro attività, integrando gli aspetti ambientali e sociali negli acquisti dei beni e dei servizi;

– Premio Edilizia Verde – Destinato alle imprese che producono materiali per l’edilizia a basso impatto ambientale.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.