6 Dicembre 2022
Energia

Posti di lavoro nell’energia: oltre il 50% in quella pulita, in calo O&G

Nel suo primo Rapporto sui posti di lavoro nel settore energetico in tutto il mondo, l’Agenzia internazionale per l’energia (IEA) ha rilevato che l’occupazione ha superato i livelli pre-Covid, spinta dall’energia pulita che occupa ormai più della metà degli occupati dell’intero settore energetico.

La quantità di posti di lavoro nel settore energetico in tutto il mondo si è ripresa dalle interruzioni dovute al Covid-19, superando il livello pre-pandemia di oltre 65 milioni di persone, ovvero circa il 2% della forza lavoro totale. La crescita è stata trainata dalle assunzioni nei settori dell’energia pulita, mentre al contempo in quelli del petrolio e del gas si sono registrati alcuni dei maggiori cali dell’occupazione dall’inizio della pandemia e deve ancora riprendersi completamente.

È quanto emerge dal Rapporto World Energy Employment dell’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA), la prima valutazione in assoluto dell’occupazione del settore energetico per tecnologia e segmento della catena del valore, e che d’ora in avanti avrà una cadenza annuale, integrando il World Energy Outlook (WEO) dell’Agenzia

Il rapporto fornisce una base ricca di dati per i responsabili politici e i decisori del settore per comprendere gli impatti sul lavoro della transizione verso l’energia pulita  e dei cambiamenti nelle catene di approvvigionamento energetico in seguito all’invasione russa dell’Ucraina.

Con il recente rimbalzo, l’energia pulita ha superato la soglia del 50% per la sua quota di occupazione energetica totale, con quasi due terzi dei lavoratori coinvolti nella costruzione di nuovi progetti e nella produzione di tecnologie per l’energia pulita. Allo stesso tempo, anche il settore del petrolio e del gas sta vivendo una ripresa dell’occupazione, con nuovi progetti in fase di sviluppo, in particolare nuove infrastrutture per il gas naturale liquefatto (GNL).

Nel 2022 il settore energetico è destinato a registrare la crescita occupazionale più rapida degli ultimi anni, tuttavia gli elevati costi di input e le pressioni inflazionistiche si aggiungono alle sfide in materia di assunzioni in filiere già presenti in alcune regioni e sottosettori, come solare, eolico, petrolio e gas. Le risposte politiche alla pandemia e all’invasione russa dell’Ucraina, compresi il REPoweEU e  il recente l’Inflation Reduction Act degli Stati Uniti, continueranno ad aumentare la domanda di nuove assunzioni e a modificare lo status quo delle catene di approvvigionamento energetico globali.

I posti di lavoro nel settore dell’energia conteggiati nel Rapporto IEA abbracciano la catena del valore, con circa un terzo dei lavoratori nella fornitura di combustibili energetici (carbone, petrolio, gas e bioenergia), un terzo nel settore dell’energia (generazione, trasmissione, distribuzione e stoccaggio) e un terzo nei principali usi finali dell’energia (produzione di veicoli ed efficienza energetica). Più della metà dell’occupazione energetica si trova nella regione Asia-Pacifico. Ciò riflette la rapida espansione delle infrastrutture energetiche nella regione e l’accesso a manodopera a basso costo che ha consentito l’emergere di centri di produzione che servono sia i mercati locali che quelli di esportazione, in particolare per i veicoli solari, elettrici e per le batterie. La sola Cina rappresenta il 30% della forza lavoro globale nel settore dell’energia.

Come sempre, l’IEA definisce due potenziali scenari futuri per il settore energetico, che vanno dal mondo che raggiunge zero emissioni nette entro il 2050 e limita la temperatura media globale a 1,5 °C, al semplice raggiungimento degli impegni climatici nazionali esistenti (NDC), che ovviamente rimangono molto al di sotto di quanto necessario per raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi.

Tuttavia, in entrambi gli scenari, l’occupazione nell’energia pulita è destinata a crescere, superando il calo dei posti di lavoro nei combustibili fossili. Nello scenario meno ottimistico, entro la fine del decennio in corso verranno creati altri 13 milioni di posti di lavoro nel settore dell’energia pulita, una cifra che raddoppierà a circa 26 milioni di posti di lavoro se il mondo deciderà di raggiungere l’obiettivo di 1,5 °C

Molti di questi lavori sono anche altamente qualificati. Ad esempio, con la chiusura rapida della finestra su 1,5°C e i vantaggi delle energie rinnovabili che diventano sempre più evidenti, vi è una crescente domanda di innovazione nell’energia pulita, un requisito altamente qualificato e ad alta intensità di

I nuovi posti di lavoro nel settore energetico, sottolinea l’Agenzia, potrebbero non trovarsi sempre nella stessa posizione né richiedere le stesse competenze dei posti di lavoro che sostituiscono, richiedendo ai responsabili politici di concentrarsi sulla formazione professionale e sullo sviluppo delle capacità per garantire che le transizioni energetiche vadano a beneficio del maggior numero possibile di persone

Gli occupati nell’energia nei settori dei combustibili fossili e dell’energia pulita per regione, 2019 (Fonte: IEA)

I Paesi di tutto il mondo stanno rispondendo all’attuale crisi cercando di accelerare la crescita delle industrie di energia pulita locali – ha affermato il Direttore esecutivo dell’IEA, Fatih BirolLe regioni che faranno questa mossa vedranno un’enorme crescita di posti di lavoro. Cogliere questa opportunità richiede lavoratori qualificati. Governi, aziende, organizzazioni del lavoro ed educatori devono unirsi per sviluppare i programmi e gli accrediti necessari per coltivare questa forza lavoro e garantire che i posti di lavoro creati siano di qualità, in grado di attrarre una forza lavoro diversificata“.

Circa il 45% dei lavoratori energetici mondiali svolge occupazioni altamente qualificate, rispetto a circa il 25% per l’economia in generale. Alcune aziende di combustibili fossili stanno riqualificando i lavoratori internamente per posizioni in aree a basse emissioni di carbonio per trattenere i talenti o mantenere la flessibilità in caso di necessità. 

Tuttavia, questa non è un’opzione valida per ogni Paese e garantire una transizione incentrata sulle persone e giusta per i lavoratori colpiti deve rimanere un obiettivo per i responsabili politici, specialmente nel settore del carbone, dove l’occupazione è in costante calo da diversi anni.  Se i lavoratori nei settori in declino dei combustibili fossili dovessero essere lasciati indietro senza prospettive future per la loro carriera o benessere, conclude il Rapporto dell’IEA, sarebbe minato il sostegno all’intero progetto Net Zero, oltre ad essere uno spreco di potenziale di forza lavoro e un freno alle economie.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.